Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

sabato 28 novembre 2009

QPR-Coventry 2-2: Un’altra occasione perduta

I Queens Park Rangers non riescono ad andare oltre il 2-2 contro il Coventry. Risultato sbloccato da Best (16) e riportato in equilibrio da Simpson (35). Nella ripresa, sotto gli occhi di Briatore e Vettel, Buzsaky (69) accende i sogni di vittoria dei londinesi frustrati da un colpo di testa di Wood (81). Decisive, nell’economia del match, le leggerezze difensive dei londinesi che chiudono l’incontro in superiorità numerica per l’espulsione di Wright a cinque minuti dal termine.

Per i ragazzi di Magilton la gara si presenta come trampolino di lancio verso posizioni di classifica ambiziosissime. Se non altro perché quattro dei prossimi sei incontri di Championship si disputeranno fra le mura amiche. Dopo 2’ Taarabt non arriva convinto all’impatto con la sfera. All’8’ Bell ci prova direttamente dalla bandierina del corner, mentre al 12’ Van Aanholt costringe Cerny ad un brillante salvataggio in angolo. La replica dei padroni di casa giunge a stetto giro di posta. Latori delle missive sono Routledge e Buzsaky, le loro iniziative vengono stoppate da Wright e Barnett. Al 16’ il Coventry inizia a godere della prima di varie amnesie difensive dei Rangers: assist di Van Aanholt per Best che, da posizione ravvicinata, incorna il terzo centro consecutivo. Al 28’ è Hall a provare inutilmente a sorprendere Westwood. La sfida è apertissima. Al 34’ Best si trova ancora una volta in condizione di poter colpire di testa nell’area piccola, stavolta la palla termina oltre il palo destro. Goal sbagliato, goal subìto. A sottolineare la più frequente legge del football pensa Jay Simpson al 35’: smarcamento e tiro centrale su assist di Faurlin. Poco dopo Watson si fa vedere in territorio minato avversario mentre sull’azione successiva Barnett, anche lui libero di colpire di testa nell’area piccola, manda la sfera oltre la trasversale. A ridosso dell’intervallo Simpson manda alto di testa.

La ripresa si apre con gli stessi ventidue in campo e con Taarabt che, invece del vantaggio, trova i riflessi del portiere. Seppur a sprazzi i Rangers sembrano vicini a trovare il bandolo della matassa di un match dall’esito tutt’altro che scontato. Contributi importanti vengono offerti anche da Leigertwood, al 54’ tiratore dalla distanza. Il ragazzo di Enfield viene seguito a ruota da Taarabt che, nello spazio di un paio di giri di lancette, prova ripetutamente a lasciare il segno. Al 62’ si rivede Best sempre libero di colpire di testa: palla alta. Il trillìo della svolta suona al 69’ con un colpo vincente di Buzsaky che spedisce la palla nell’angolino sinistro della porta. A questo punto il gallese Coleman sostituisce Van Aanholt e Bell con Clarke e Eastwood. Magilton replica inserendo Reid per Taarabt. C’è spazio anche per Madine sostituto di Gunnarsson. La vorticosa girandola di cambi aiuta gli Sky Blues: all’81’ Wood, servito da McIndoe, agguanta il 2-2 colpendo di testa a pochi metri dalla linea bianca. Capitan Wright, già ammonito, viene espulso all’85’ per un fallo sul Buzsaky. Tuttavia, nonostante l’uomo in più, i padroni di casa non riescono a trovare il secondo sorpasso del pomeriggio. Merito dell'arcigna difesa guidata da Westwood che, all’88’, compie una paratona su botta di Simpson. L’assedio finale ha per principali protagonisti gli irlandesi Reid e Westwood. Ad avere la meglio è l’estremo difensore. I quasi 6 minuti di recupero concessi da mr. Jones, invece, producono solo una deviazione fuori misura di Watson su corner dalla destra di Faurlin.

TABELLINO:
QPR: Cerny, Hall, Leigertwood, Routledge, Buzsaky, Watson, Connolly, Faurlin, Simpson, Borrowdale, Taarabt (Reid 80).
SUBS NOT USED: McSweeney, Ramage, Agyemang, Pellicori, Gorkss, Williams.
SCORERS: Simpson (35), Buzsaky (69).
COVENTRY CITY: Westwood, Wright, Bell (Eastwood 74), Best, Morrison, Van Aanholt (Clarke 72), Gunnarsson, Cork, McIndoe, Barnett, Wood.
SUBS NOT USED: Ireland, McPake, Cranie, Madine, Grandison.
SCORERS: Best (16), Wood (81).
BOOKINGS: Wood (43), Van Aanholt (53), Westwood (65), Cork (68), Wright (77 & 85).
RED CARDS: Wright (85).
REFEREE: Mr M Jones.
ATTENDANCE: 13,712.

2 commenti:

Wally West ha detto...

Guarda: me lo aspettavo. Il Coventry è la nostra bestia nera.
E' dal 2004 che non li battiamo in casa e abbiamo vinto solo due delle ultime 11 partite contro di loro.
Non riusciamo proprio a digerirli!
^_^

Classifica cortissima, campionato entusiasmante! Forza Hoops!!!

Ah, per dimostrarti che leggo i tuoi post: hai scritto che il Coventry ha sostituito Bell con... Bell, invece che con Eastwood. ;)

P.S.: gran bel derby! ;)

Claudio ha detto...

Beato te che te l'aspettavi. Io invece, al pensiero che con 3 punti si volava, non l'ho presa così filosoficamente... :)
Ma, come è notorio, io sono IN-CON-TEN-TA-BI-LE! :D
------------------------------------
P.S.:Già, davvero un gran bel derby! ;)