Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

sabato 27 giugno 2009

Nouvelle Vague & Martin Gore, la nuova versione acustica di 'Master and Servant'

C'è anche Martin Gore, ospite d'eccezione, a duettare con Melanie Pain nella cover di 'Master and Servant' realizzata dai francesi Nouvelle Vague ed ascoltabile cliccando QUI. Dopo l'anticipazione del loro produttore, Marc Collin, il risultato è ora a disposizione di tutti nell'album 'Nouvelle Vague 3'. Una versione acustica di questo un hit nato con connotazioni fortemente elettroniche, era già stata proposta nel 1998 dai Locust, nell'album-tributo 'For the Masses' nel quale 16 artisti/bands (fra cui Smashing Pumpkins e Rammstein) rileggevano altrettanti brani dei Depeche Mode. Per riascoltarla cliccare QUI. Per maggiori informazioni sui Nouvelle Vague, band famosa per i remake di brani new wave e punk, potete visitare il loro sito ufficiale. Già nel 2004, con il loro omonimo album d'esordio, il progetto musicale capitanato da Marc Collin e Olivier Libaux avevano realizzato una cover dei Depeche Mode, in quel caso si trattava di 'Just Can't Get Enough' cantata da Eloisia.

Leggi tutto...

giovedì 25 giugno 2009

Il bug dell’hard disk Barracuda 7200.11? Lo risolve gratis il servizio di supporto Seagate!

Immaginate di avere 1 terabyte (MILLE gigabyte!) di ricordi e materiale vario all’interno di un disco fisso. Immaginate che, improvvisamente, al prossimo riavvio del vostro PC quello stesso disco fisso sparisca nel nulla. Invisibile persino dal bios impedendo a qualsiasi programma di recupero dati di svolgere la miracolosa operazione. E’ quello che mi è successo qualche settimana fa. Il mio era uno delle migliaia di dischi fissi della Seagate modello Barracuda 7200.11 contenente un bug nel firmware (l’SD15) che, dopo un tempo imprecisato, ne blocca definitivamente il funzionamento. Da mesi Seagate, atttraverso questa pagina del proprio sito ufficiale, ha avvisato i suoi clienti mettendoli al corrente del difetto di questa serie di hard disks. Peccato che molti distributori e venditori italiani non abbiano provveduto a ritirarli dal mercato e continuino imperterriti a rifilarli agli ignari acquirenti confidando sul fatto che quasi nessuno verifica il modello e il codice del disco installato all’interno del proprio case. Così la stragrande maggioranza scopre il problema quando è ormai troppo tardi al punto che il disco (non essendo più riconosciuto dal bios) non può essere salvato effettuando l’update del firmware. Operazione che comunque non pare risolvere il problema nella totalità dei casi. Neppure in quelli dei più attenti la cui solerzia li ha spinti ad aggiornare il firmware quando il disco era ancora funzionante.
Su internet esistono decine di forum in tutto il mondo che si occupano di questo problema. C’è anche chi su QUESTO ha ideato una complicatissima maniera casereccia per tentare di riportare in vita ciò che non è nulla più che un costoso fermacarte. Ma alla fine l’unica soluzione davvero efficace è anche quella più logica: contattare direttamente il supporto Seagate cliccando QUI o, meglio ancora, rivolgersi direttamente via email ad un loro operatore scrivendo a questo indirizzo: discsupport@seagate.com tutti i dettagli del vostro disco fisso. Se il numero seriale dell'hard disk corrisponde a quelli da loro individuati come difettosi nell’arco di un paio di giorni verrete ricontattati per avviare la procedura di recupero dati tramite la società i365. Questa, senza chiedervi un solo centesimo, provvederà a far ritirare il vostro disco difettoso da un corriere espresso, renderlo nuovamente funzionante recuperandone tutti i dati, e rispedendovelo a tempo di record. Il tutto nell’arco di una dozzina di giorni. Questa la tempistica affidandosi, come ho fatto io, alla filiale di Amsterdam.

Leggi tutto...

sabato 20 giugno 2009

Il libero arbitrio e il destino secondo Oscar Wilde

Oscar Wilde, famoso anche per la sua abilità oratoria, amava illustrare le sue opinioni inventando vere e proprie parabole. Un giorno, ad esempio, parlando del libero arbitrio come di una illusione e del destino come qualcosa di fatale, fece a Richard Le Gallienne questa improvvisazione:

C’era una volta una calamita, e nelle sue vicinanze vivevano alcuni frammenti di limatura di ferro. Un giorno due o tre di questi frammenti metallici sentirono un improvviso desiderio di andare a visitare la calamita e cominciarono a parlare di quanto la cosa sarebbe stata piacevole. Altri frammenti lì vicino udirono questa conversazione e anche loro furono presi dallo stesso desiderio; altri ancora si unirono loro, finché tutti cominciarono a discutere la cosa. E sempre più quel vago desiderio si trasformava in un impulso irresistibile.
"Perchè non andare oggi?", disse qualcuno. Ma altri erano dell’opinione che sarebbe stato meglio aspettare l’indomani. Intanto, senza accorgersene, si erano fatti più vicini alla calamita, la quale se ne stava quieta e apparentemente incurante di loro.
E così continuavano a discutere sempre accostandosi insensibilmente alla loro vicina. E più parlavano, più sentivano cresce il loro impulso, finchè i più impazienti dichiararono che sarebbero andati quel giorno qualunque cosa gli altri decidessero di fare. Alcuni furono uditi dire che era loro dovere visitare la calamita e che avrebbero già dovuto andare da un pezzo. E, mentre parlavano, continuarono ad avvicinarsi senza accorgersi di muoversi. Da ultimo gli impazienti prevalsero, e con irresistibile impeto l’intero corpo gridò: "E’ inutile aspettare, andremo oggi, andremo subito, andremo immediatamente!". E in unanime massa si slanciarono. E in un attimo furono tutti attaccati alla calamita da ogni parte.
Allora la calamita sorrise perché i frammenti di ferro erano convinti di essere andati a farle visita di loro propria volontà.

Leggi tutto...

venerdì 19 giugno 2009

I calendari di Premier League, Championship e del Queens Park Rangers 2009-2010

Sono stati diramati i calendari 2009-2010 dei principali campionati di football inglesi: la BARCLAYS PREMIER LEAGUE e la COCA-COLA FOOTBALL LEAGUE CHAMPIONSHIP. Per poterli vedere è sufficiente cliccare i succitati links di riferimento. Questo, invece, è il programma dettagliato della stagione che attende il QUEENS PARK RANGERS:

August
08 Aug, 15:00 - Queens Park Rangers v Blackpool
11 Aug, 19:45 - Exeter City v Queens Park Rangers (Carling Cup)
15 Aug, 15:00 - Plymouth Argyle v Queens Park Rangers
18 Aug, 19:45 - Bristol City v Queens Park Rangers
22 Aug, 15:00 - Queens Park Rangers v Nottingham Forest
29 Aug, 15:00 - Scunthorpe United v Queens Park Rangers

September
12 Sep, 15:00 - Queens Park Rangers v Peterborough United
15 Sep, 19:45 - Queens Park Rangers v Crystal Palace
19 Sep, 15:00 - Cardiff City v Queens Park Rangers
26 Sep, 15:00 - Queens Park Rangers v Barnsley
30 Sep, 19:45 - Newcastle United v Queens Park Rangers

October
03 Oct, 15:00 - Swansea City v Queens Park Rangers
17 Oct, 15:00 - Queens Park Rangers v Preston North End
20 Oct, 19:45 - Queens Park Rangers v Reading
24 Oct, 15:00 - Derby County v Queens Park Rangers
31 Oct, 15:00 - Queens Park Rangers v Leicester City

November
07 Nov, 15:00 - Sheffield Wednesday v Queens Park Rangers
21 Nov, 15:00 - Doncaster Rovers v Queens Park Rangers
28 Nov, 15:00 - Queens Park Rangers v Coventry City

December

05 Dec, 15:00 - Queens Park Rangers v Middlesbrough
08 Dec, 19:45 - Watford v Queens Park Rangers
12 Dec, 15:00 - West Bromwich v Queens Park Rangers
19 Dec, 15:00 - Queens Park Rangers v Sheffield United
26 Dec, 15:00 - Queens Park Rangers v Bristol City
28 Dec, 15:00 - Ipswich v Queens Park Rangers

January
09 Jan, 15:00 - Queens Park Rangers v Plymouth Argyle
16 Jan, 15:00 - Blackpool v Queens Park Rangers
26 Jan, 19:45 - Nottingham Forest v Queens Park Rangers
30 Jan, 15:00 - Queens Park Rangers v Scunthorpe United

February

06 Feb, 15:00 - Peterborough United v Queens Park Rangers
09 Feb, 19:45 - Queens Park Rangers v Ipswich
13 Feb, 15:00 - Coventry City v Queens Park Rangers
16 Feb, 19:45 - Queens Park Rangers v Watford
20 Feb, 15:00 - Queens Park Rangers v Doncaster Rovers
27 Feb, 15:00 - Middlesbrough v Queens Park Rangers

March
06 Mar, 15:00 - Queens Park Rangers v West Bromwich
13 Mar, 15:00 - Sheffield United v Queens Park Rangers
16 Mar, 19:45 - Reading v Queens Park Rangers Championship
20 Mar, 14:00 - Queens Park Rangers v Swansea City
23 Mar, 19:45 - Queens Park Rangers v Derby County
27 Mar, 15:00 - Preston North End v Queens Park Rangers

April
03 Apr, 15:00 - Queens Park Rangers v Sheffield Wednesday
05 Apr, 15:00 - Leicester City v Queens Park Rangers
10 Apr, 15:00 - Crystal Palace v Queens Park Rangers
17 Apr, 15:00 - Queens Park Rangers v Cardiff City
24 Apr, 15:00 - Barnsley v Queens Park Rangers

May
02 May, 15:00 - Queens Park Rangers v Newcastle United

Leggi tutto...

I Depeche Mode tornano in Italia! Bologna e Torino le tappe del tour invernale

Ora è ufficiale! I Depeche Mode hanno incluso anche l'Italia nel "winter leg" del bellissimo 'Tour of the Universe' che ha già fatto tappa a Roma e, proprio ieri sera, a Milano. Dave, Martin e Andy si esibiranno il 25 novembre alla Futureshow Station di Casalecchio di Reno (Bologna) e il 26 novembre al PalaOlimpico (Isozaki) di Torino. I biglietti per entrambe le date saranno in vendita dal 24 giugno tramite il circuito TicketOne (www.ticketone.it) e dal 1° luglio nelle prevendite autorizzate.

COSTO DEI BIGLIETTI PER LA DATA DI BOLOGNA
Gradinata numerata 50 euro + prevendita
Parterre in piedi 43 euro + prevendita

COSTO DEI BIGLIETTI PER LA DATA DI TORINO
Primo anello numerato 50 euro + prevendita
Secondo anello 42 euro + prevendita
Parterre in piedi 40 euro + prevendita

Dopo i vari rumours degli ultimi giorni l'ufficialità è stata data poco fa dalla sezione italiana di Live Nation, telefono: 02.53006501 – sito web: www.livenation.it.

Leggi tutto...

Depeche Mode live a Milano, recensione e setlist

Dopo Roma i Depeche Mode ieri hanno incantato anche i 55 mila accorsi al Meazza di Milano proponendo uno show di altissimo livello: 22 brani spalmati in circa 2 ore di adrenalina a mille. Di spessore anche il sostegno visivo delle proiezioni realizzate da Anton Corbijn. Chi si aspettava un Dave Gahan a mezzo servizio, dopo la recentissima asportazione di un tumore all’intestino, è stato piacevolmente sorpreso. Il frontman ha confermato il carisma e tutta l’energia che ne hanno plasmato il mito. Notevole anche la performance di Martin Gore, sempre meno timido e sempre più rocker dietro la sua collezione di chitarre elettriche sfoggiata al pari dell’immancabile make-up sotto i riccioli ossigenati. Parte consueta invece per Andy Fletcher il cui ruolo di businessman ha comunque la meglio su quella di musicista. Stavolta si è limitato anche nei battimani…
La setlist ha ricalcato quella proposta all’Olimpico di Roma la sera del 16 giugno. Inizio carico d’effetto affidato a ‘In Chains’ e a ‘Wrong’ che dal vivo risultano ancora più potenti rispetto alle versioni dell'album. Incantevole il set ‘Little Soul’ più ‘Home’ proposto da Gore accompagnato alla tastiera dal solo Peter Gordeno, sempre più inserito all’interno della band al pari del batterista Christian Eigner. Assolutamente riusciti anche i leggeri rifacimenti di hits del passato come ‘Fly on the Windscreen’, ‘Master and Servant’ e le immancabili ‘Never Let me Down Again’ e ‘Personal Jesus’. Da riascoltare la nuova veste meno elettronica e più rock di ‘Come Back’ in previsione della sua uscita come futuro singolo Assolutamente toccante il finale, con Gahan e Gore a duettare in una suadente ‘Waiting for the Night’ a rappresentare la degna conclusione dello spettacolo.

Ecco la setlist del concerto:
In Chains
Wrong
Hole To Feed
Walking In My Shoes
It’s No Good
A Question Of Time
Precious
Fly On The Windscreen
Little Soul
Home
Come Back
Peace
In Your Room
I Feel You
Policy Of Truth
Enjoy The Silence
Never Let Me Down Again
Bis #1
Stripped
Master And Servant
Strangelove
Bis #2
Personal Jesus
Waiting For The Night (Bare Version)

La fotografia a corredo del post è stata scattata da me a conclusione del concerto.

Leggi tutto...

mercoledì 17 giugno 2009

Sogna, my dear

Sogna, my dear… sogna… Tanto quasi mai la via più facile per arrivare al cuore è anche quella capace di raggiungerlo davvero nel profondo. E, comunque, i cuori non si possono possedere. Al massimo si possono avere in prestito. Momentaneamente, eh? Nessun rimprovero. Nessuna lusinga. Continua a sognare, my dear… Che tanto la verità non esiste se non nel plasticoso luccichio delle convenzioni. Sogna... Finchè non capirai che anche i sogni non sono altro che truffaldini placebo. E poi raccontami come si sta.
[To be continued?…]

Leggi tutto...

venerdì 12 giugno 2009

Genoa, presentate le nuove maglie 2009-2010

Alle 10.30 di oggi il Genoa ha presentato in diretta su GenoaLive le nuove divise da gioco con le quali affronterà la stagione agonistica 2009-2010, quella che prevede il ritorno in Europa dopo 17 anni di attesa. Chi vuole rivedersi l'evento può cliccare QUI. Queste, in sintesi, la loro descrizione:
Prima divisa: Maglia a quarti rosso e blu opachi nello stile di quella utilizzata nel campionato 1939-40. Dietro il colletto a ‘V’, che segue le tonalità dei quarti della casacca, è stata inserita la scritta ‘7 settembre 1893’. Pantaloncini, come consuetudine, blu. Numeri e nomi dei calciatori sono scritti in bianco.
Seconda divisa: Quest’anno le bande orizzontali rossoblu proseguono in parte anche sulla schiena. Il colletto è a ‘V’ rossoblù. Pantaloncini blu. Numero e nomi dei calciatori sono scritti in blu.
Terza divisa: Molto simile a quella della nazionale argentina. E’ a strisce bianco celesti sottili e ravvicinate con il colletto a ‘V’ rossoblù, ricreata sulla base di quella utilizzata nella stagione 1899-1900. Pantaloncini bianchi.
Particolarmente bella è anche la tuta: blu scura modello Usa anni 80 con la parte superiore del collo e le spalle in tonalità bianca separate da una linea blu in rilievo. Sul cuore campeggia un grifone rosso. Dietro al colletto vi è la scritta ‘1893’ in rosso.
Maglia del portiere: Tonalità verde smeraldo con collo a 'V' rosso e blu.

Alla presentazione sono intervenuti il presidente di Asics Italia Franco Arese, il responsabile marketing del Genoa Daniele Bruzzone e l’amministratore delegato del Genoa Alessandro Zarbano. Le nuove divise sono già acquistabili presso il Genoa Store di largo XII Ottobre a Genova.

Leggi tutto...

giovedì 11 giugno 2009

Depeche Mode, la copertina e il video di 'Peace'

'Peace', il secondo singolo tratto da 'Sounds of the Universe' sarà in vendita dal prossimo 15 giugno. Allegata a questo post potete vedere in anteprima l'immagine della copertina. Questa, come le altre, è stata disegnata da Anton Corbijn. Il genio olandese non è però autore del video che potete gustarvi interamente cliccando QUI. Il promo porta infatti la firma del team francese di Jonas & Francois autori, fra gli altri, di quello per '4 Minutes' di Madonna con Justin Timberlake. L'attrice è la rumena Maria Dinulescu, protagonista del film 'California Dreamin'' diretto nel 2007 da Cristian Nemescu. Ulteriori dettagli sulle varie edizioni di 'Peace' potete trovarli cliccando QUI.

Leggi tutto...

mercoledì 10 giugno 2009

Promossi & Bocciati del Genoa 2008/2009: Un anno da incorniciare

Analisi dell'ultima, straordinaria, stagione agonistica del Genoa scritta per Goal.com.


Record su record: Per il Genoa è stata una stagione da incorniciare: 20 punti in più rispetto all’anno scorso e 4° posto in coabitazione con la Fiorentina proponendo, a detta di molti osservatori, il miglior calcio in Italia. L’annata è stata condita da primati importanti. Fra questi l’aver infranto il record di più vittorie nella massima serie a girone unico: 19 contro le 14 ottenute nel 1947/48 e quello di punti conquistati da una squadra genovese da quando la vittoria ne vale tre: 68 contro i 61 ottenuti dalla Sampdoria classificatasi 5a nel 2004-2005. Non meno rilevante, almeno dal punto di vista della rivalità cittadina, l’en-plein ottenuto nel derby della Lanterna: evento che non si verificava dalla stagione 1964-65. Il momento magico ha coinvolto anche il settore giovanile. Tutte le formazioni rossoblù si sono qualificate per le rispettive fasi finali e la Primavera ha conquistato la Coppa Italia di categoria. A voler essere pignoli è mancata solo la qualificazione in Champions, sfuggita per un’inezia. Ma il godimento generale non ne è stato intaccato. Voto 9.

Enrico Preziosi: Nell’estate 2005, con il Grifone spinto verso l’abisso della C legato ed imbavagliato, le sue grida “Non mollo! Non mollo!” urlate in faccia al mondo diventavano una delle suonerie più utilizzate dai tifosi blucerchiati, adesso è prepotentemente ritornata in auge… ma fra quelli dei genoani. Cambiamento di moda indotto dalla potenza dei risultati: Il 18 giugno 2006 il Genoa ritrovava la B nella finale playoff contro il Monza, il 17 maggio 2009 - a tempo di record - conquistava matematicamente un posto in Europa. Nel frattempo il club è diventato uno dei più strutturati a livello nazionale. Investimenti a 360°, reti di osservatori sparsi in tutto il mondo, una Fondazione con oltre 4000 soci a garantirgli un futuro e, dulcis in fundo, la recente inaugurazione del Museo della Storia del Genoa: una miniera contenente oltre un migliaio di cimeli, ricordi e aneddoti per chiunque ami il football. Se non altro perché, essendo quello rossoblu il primo club italiano, fra quelle mura vi è racchiusa la storia del calcio dei pionieri. Quello in cui il pallone profumava di cuoio e non di plastica… Voto 10.

Gasperson lo chef: Non c’è progetto senza un cervellone tecnico in grado di saperlo gestire. Gian Piero Gasperini si è confermato chef ideale nell’ottimizzare gli ingredienti forniti dal boss. Forte delle sue idee a costo di farsi etichettare come “testardo”, il mister di Grugliasco ha dimostrato di saper ottenere dai suoi calciatori il massimo in ogni stagione. Che si tratti di onesti pedatori o di eccelsi fuoriclasse poco importa. Questione di carattere, certo, ma anche merito dell’esperienza maturata nelle giovanili juventine prima e nel modellamento del suo Genoa poi. Non è un caso che con lui siano esplosi giovani talenti come Bocchetti o Criscito e che chiunque gli abbia dato retta poi ne abbia tratto benefici anche in altre piazze. Se nel Genoa Gasperini si trasformerà davvero in “Gasperson” (soprannome che intende paragonarlo a sir Alex Ferguson) lo dirà solo il tempo, la strada è quella buona. Uomo giusto al posto giusto. Voto 10.

Continuità: La straordinaria riuscita di quest’annata in rossoblu è merito soprattutto di questa peculiarità. Nessuna squadra nell’arco del campionato è stata in grado di mantenere un passo così costante. Soltanto in una circostanza i Grifoni hanno perso due gare consecutive, in casa contro la Lazio e poi a Bologna. Per il resto le altre sei cadute stagionali hanno trovato immediata risposta positiva dando morale e punti da aggiungere nel carniere. Ma continuità significa anche resistenza in campo per tutti i 90 minuti e oltre. Non è infatti un caso che 36 delle 56 reti complessivamente realizzate siano maturate nel secondo tempo. Segno di squadra rocciosa e capace di lavorare ai fianchi l’avversario con forza e pazienza. Voto 8.

Milito, figliol prodigo di passaggio: L’immagine di Federico Pastorello che lancia il suo contratto all’ultimo secondo del le trattative estive 2008 è diventata il simbolo del calciomercato. A Genova il ritorno del Principe di Bernal ha rappresentato la chiusura del cerchio con il passato e - nonostante il suo rapido trasferimento alla corte di Moratti - ha certificato la rinascita del Grifone. I suoi numeri, aritmetici e non, hanno incantato tutti: 24 reti segnate (di cui 4 nei derby, oltre a 7 ingiustamente annullate) in 31 gare. Media realizzativa di 1 goal ogni 113 minuti. Persino più prolifico dell’Ibrahimovic capocannoniere. Voto 10.

La rinascita di Thiago Motta: Il suo modo di giocare è l’essenza stessa del football: tecnica sopraffina abbinata ad una visione di gioco che gli dèi amano centellinare con estrema tirchieria. Lui ha davvero tutto questo. Al Genoa, arrivato con l’incognita di un infortunio pesante, ha dimostrato di essere grande sia come calciatore sia come persona. Esemplare. Voto 10.

Bocciati: Potenza e Gasbarroni sono gli elementi partiti con chances da titolare e poi ceduti a gennaio senza particolari rimpianti. Per principio questa società considera di massima importanza il valore dello spogliatoio. A causa di differenti motivi i due non sono stati in grado di parteciparvi appieno. Peccato per loro. Anche perché non hanno saputo incidere neppure al Catania e al Torino. Voto 5.

Tifosi estasiati, la festa è qui!: Senso di vertigine ed estasi prolungata. I genoani hanno visto realizzarsi uno dei loro sogni: godersi una squadra che ottiene risultati dando spettacolo e amando la casacca che indossa. Mica male per un popolo cresciuto e forgiato da sofferenze e illusioni. Un adagio cittadino spiegava il senso degli ultimi decenni: “Hai la fortuna di essere genoano e vuoi anche vincere?”. Forse consolante, oggi certamente sorpassato. Alla crescita del club si è abbinata quella della tifoseria. Gruppi ultrà compatti e fedeli ai propri principi, intero popolo rossoblù la cui maturità è stata ribadita al momento di dare l’addio a due campionissimi come Milito e Thiago Motta. Nessuna polemica, solo ringraziamenti e lacrime di commozione. E’ boom anche per quanto riguarda il merchandising. Nel primo semestre 2009 è cresciuto del 40,5% rispetto al precedente e tifosi scatenati anche nell’organizzarsi in club ufficiali affiliati all’Acg che, ad oggi, sono 194. Voto 10.

[Articolo per Goal.com del 10 giugno 2009]

Leggi tutto...

martedì 9 giugno 2009

Moderna sopravvivenza?

Se sia pratica essenziale o passatempo indotto non saprei affermarlo con certezza. Come sempre a far la differenza è il peso delle illusioni: discriminante essenziale a disvelare il vero segreto delle cose. Quello unico e infalsificabile. Proprio come il tono dei propri pensieri, quella voce interna stentorea o consolatoria che ci accompagna lungo il cammino. La stessa che in questo esatto istante sta leggendoti queste righe. In fondo, se ci pensi bene, è anche l’unica che a ragione o a torto non mente mai. Montare e rimontare la propria vita come un cubo di Rubik - di cui non è quasi mai possibile riuscire ad allineare le facce - è solo una forzosa esercitazione. Tu chiamala pure moderna sopravvivenza. Io, oggi, preferisco sotterrarla sotto un fragoroso sbadiglio.

[.........]

Leggi tutto...

lunedì 8 giugno 2009

L’UEFA mi ha incluso fra i giornalisti accreditati

Da oggi anch’io (calcisticamente parlando) sono tornato in Europa. Stamane la UEFA, dopo aver esaminato il curriculum e parte dei miei articoli, mi ha inserito nell'elenco i suoi giornalisti accreditati a seguirne le manifestazioni internazionali. Era già accaduto nel 2004, poi la recente piattaforma informatica denominata F.A.M.E. aveva azzerato il database. L'organo amministrativo, organizzativo e di controllo del calcio continentale, la cui sede si trova nella svizzera Nyon, rappresenta tutte le federazioni calcistiche d'Europa più quelle di Turchia, Israele, Georgia, Armenia, Azerbaijan e Kazakhstan. L'UEFA organizza nove competizioni ufficiali per nazionali e quattro per club ed è, tra l'altro, una delle sei confederazioni continentali affiliate alla FIFA.

Leggi tutto...

giovedì 4 giugno 2009

Il Museo della Storia del Genoa da oggi è realtà!

Il Museo della Storia del Genoa è finalmente una realtà dopo una gestazione di circa due anni e mezzo. Realizzato dalla Fondazione Genoa 1893 e da Blugenoa, il paradiso della ultracentenaria rossoblù è stato presentato alla stampa nella mattinata odierna nella sua sede di salita Dinegro 7. L'inaugurazione ufficiale, alla presenza della dirigenza e della squadra, è in programma questo pomeriggio alle 17.30 mentre l'apertura al pubblico comincierà da domani. Stamane cicerone d’eccezione è stato l’avvocato Andrea D’Angelo, ideatore e reggente della Fondazione stessa, che ha illustrato l'intero percorso espositivo: oltre un migliaio di cimeli antichi e moderni, documentazioni storiche e tecnologie interattive di ultimissima generazione. Il Museo del Grifone si snoda lungo 900 metri quadrati attraverso 13 sale tematiche suddivise su due piani in quello che un tempo fu il Convento di Santa Caterina d’Alessandria. Per la sua accuratezza e attenzione non sfigura neppure paragonato a quello del Barcellona. Si tratta di un appuntamento irrinunciabile per tutti i genoani, e tappa importante anche per i turisti che vengono a visitare la città. D’altronde il Genoa Cricket & Football Club è la prima squadra di calcio fondata in Italia e, proprio i suoi ricordi pionieristici appartengono a tutti gli amanti dello sport di squadra più bello del mondo.
L'esposizione è il frutto dellavoro del Comitato Museo e Storia - il cui coordinatore è Vittorio Riccadonna e responsabile scientifico Stefano Massa - ed è stata curata da Giovanna Liconti. L'allestimento, curato dalla scenografa teatrale e cinematografica Laura Benzi, segue un ordine cronologico e tipologico che comincia al primo piano del Museo (posizionato sullo stesso livello dell'ingresso), dove si trova l'area dedicata alle esposizioni temporanee.

Leggi tutto...

mercoledì 3 giugno 2009

Welcome Jim! Magilton è il nuovo tecnico del QPR

Ora è ufficiale, Jim Magilton è da oggi il nuovo manager del Queens Park Rangers. Dopo l'ultima travagliata stagione la società di Briatore ha quindi deciso di affidarsi al quarantenne nord irlandese esonerato lo scorso 22 aprile dall dell'Ipswich Town per il mancato raggiungimento dei playoff. Il tecnico nativo di Belfast ha sottoscritto un contratto della durata di due anni battendo la concorrenza di allenatori del calibro di De Canio, Tapia, Warnock e Blackwell. Come consuetudine la notizia è stata diramata attraverso il sito ufficiale del club. Cliccando QUI è possibile leggere il comunicato stampa.

"Abbiamo valutato un numero incredibilmente grande di opzioni ma alla fine abbiamo scelto Jim" ha detto Briatore al sito ufficiale, "Noi del Board ci siamo incontrati con lui quattro volte nell'ultimo mese per discutere assieme i nostri obiettivi e le nostre ambizioni e devo ammettere di essere stato molto ben impressionato da lui, così come sono stati ottimamente impressionati dalla sua passione e dalla sua conoscenza del calcio Ecclestone, Mittal e Bhatia. Magilton ha fatto un ottimo lavoro all'Ipswich, con un gioco molto spettacolare e d'attacco. Ha grandi ambizioni e non vede l'ora di iniziare questo suo nuovo incarico. Siamo certi che il nostro rapporto sarà lungo e proficuo".

"Sono molto contento di questa nuova sfida con i QPR, sfida che non vedo l'ora di iniziare", ha confermato Magilton, "Il Board ha grandi ambizioni ma ha il pregio di rimanere con i piedi per terra e siamo tutti d'accordo sugli obiettivi da raggiungere lavorando con metodo e pazienza anno dopo anno. La squadra è già molto forte adesso e con un paio di nuovi inserimenti in estate saremo in grado di aumentare il nostro potenziale in maniera drastica, cosa che ci permetterà di migliorare molto l'11° posto in classifica con cui abbiamo concluso lo scorso anno".

Leggi tutto...