Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

sabato 31 gennaio 2009

QPR-Reading 0-0: Vince solo la prudenza

Nel giorno in cui Loftus Road fa il record di presenze stagionali, 17120 spettatori, i Rangers non riescono a fare il grande salto verso i playoff. Il Reading non solo oppone la storica rivalità ma conferma la sua ottima stagione con una prova autoritaria. Reti immacolate ed emozioni con il contagocce.

Che i padroni di casa intendano dare seguito alla splendida vittoria di Blackpool lo si capisce subito. Concentrazione a mille e assidua copertura degli spazi. Gli avversari non sono da meno. Chi si aspetta spettacolo frizzante è deluso, chi ama il braccio di ferro tra personalità forti è soddisfatto. E' questa sensazione di crescita che agli Hoops può far vedere il bicchiere mezzo pieno. Le opportunità nei sedici metri latitano da entrambe le parti. Helguson non riesce a trovare il bersaglio grosso e fra gli ospiti il più pericoloso è Cisse. Nulla di letale comunque. Solo giusti stimoli per il buon Lee Camp.
Primo tempo scarno, secondo poco più generoso. Non al punto da riempire i taccuini degli osservatori. Paulo Sousa al 77' prova a giocarsi la carta Ephraim per Mahon. Il valore è alto, ma non quanto un jolly. La battaglia prosegue senza scossoni sino a quando a prevalere è la consapevolezza che stavolta rischiare il tutto per tutto non serve a nessuno. Alla fine, pur con qualche smorfia di disapprovazione, tutti intascano un punticino e guardano avanti. Forse è giusto così. Ad approfittarne sono soprattutto i Wolves che, sbarazzandosi del Watford, allungano la loro fuga al comando davanti ai Royals. I Rangers, complice il pari casalingo del Preston, restano a due lunghezze dai playoff.

TABELLINO:
QPR: Camp, Connolly, Stewart, Gorkss, Delaney, Routledge, Mahon (Ephraim 77), Leigertwood, Miller, Cook (Di Carmine 90), Helguson (Blackstock 85).
Subs Not Used: Hall, Alberti.
Booked: Helguson.
Reading: Federici, Rosenior, Duberry, Pearce, Armstrong, Kebe (Gunnarsson 90), Harper, Cisse, Stephen Hunt, Lita, Doyle.
Subs Not Used: Andersen, Matejovsky, Bikey, Long.
Booked: Stephen Hunt, Duberry.
Att: 17,120
Ref: Jon Moss (W Yorkshire).

Leggi tutto...

giovedì 29 gennaio 2009

Le 50 peggiori cose del calcio moderno, secondo il Times

Io il giornalismo britannico lo adoro. Sarà perchè la BBC è ancora la migliore televisione del pianeta, o perchè (a differenza dell'Italia) la maggioranza di chi svolge questo mestiere non lo fa con l'intento di deliziare il potente di turno ma ancora per passione. Leggere il 'Times' non annoia quasi mai, figurarsi quando propone rubriche ludiche - ma mai banali - come le 'Top 50s', classifiche sulle 50 cose migliori o peggiori in merito a qualsiasi argomento. Ieri il tema era 'The 50 worst things about modern football', ovvero le 50 cose peggiori del calcio moderno. A stilare la lista è stato incaricato l'ottimo Kaveh Solhekol. Questi sono i primi 10 posti: 1. La televisione, 2. La Premier League, 3. La Champions League, 4. I nuovi stadi, 5. Il turnover, 6. Le telefonate dei tifosi negli show radiofonici, 7. Lo stadio di Wembley, 8. Le trattative economiche, 9. La FA Cup, 10. La musica che celebra i gol. Di seguito potete leggere tutto l'articolo.


Lo so... lo so... è tutto in inglese. Ma stasera la mia pigrizia ha la meglio... :)

THE 50 WORST THINGS ABOUT MODERN FOOTBALL
Football is one of the greatest things in the world but it’s not perfect. It used to be perfect. Before money and television and the Bosman ruling and Baby Bentleys and roastings and tattoos and takeovers and no standing and agents and prawn sandwiches and rotation.
These are the 50 worst things about modern football. It could have been 500.

50. Technical areas: Did Bob Paisley need a technical area when Liverpool won three European Cups and six league titles? Did Alf Ramsey need a technical area when England won the World Cup? What’s so technical about a bit of grass and some white lines, anyway? Memo to all modern managers: Sit down and shut up.

49. Motorway service stations: You pop in to go to the toilet and five minutes later you’ve bought a full-English breakfast for £18.99 and joined the AA.

48. Transfer windows: Imagine if you could only do your shopping twice a year - once in January and then in June, July and August. What would happen? You’d have a fridge full of beer and you’d run out of toilet paper. It wouldn’t work in real life and it doesn’t work in football.

47. Squad numbers: Remember the days when the best player was No 10 and goalkeepers were No 1? Not any more. Thanks to someone at the Premier League watching an American football game, players can have any number they want. George Bowyer is Rochdale’s No 33, Ronaldinho is AC Milan’s No 80 and William Gallas is Arsenal’s No 10. Why?

46. Autobiographies: There comes a time in every player’s life when he decides – or his agent tells him – to write his life story. A couple of interviews with a ghostwriter later and hey presto we have 200 pages of guff and absolutely zero interest from the book-buying public. Wayne Rooney has already written two books. That’s one more than he’s read.

45. Craig Bellamy: He’s gobby, he’s played for 842 clubs, he’s covered in tattoos and he earns £90,000 a week. What’s not to like?

44. Undisclosed transfer fees: If you’re going to spend some of my hard-earned season ticket money on a player I’ve never heard of, I want to know how much he cost. I’m not interested in add-ons or projected fees. I just want a number. Any number will do.

43. Statistics: American obsession that is gradually weaving itself into the fabric of our national game. Do you care how many assists Wayne Rooney has this season? Do you care how many passes Steve Gerrard has completed in the final third? Do you care if Gareth Barry’s tackle win ratio has dropped off since Christmas? Thought not. There’s only one stat that matters. The score.

42. By mutual consent: Three of the most meaningless words in the English language. Either the manager resigned or he was sacked. Just tell us the truth, we can handle it.

41. Fans who complain when games are called off: Were little white things falling out of the sky when you walked to the car this morning? Was the pavement a bit slippery? If the answer to both these questions is yes, there’s a good chance the game’s going to be called off. It’s not the referee’s fault, it’s not the FA’s fault and it’s not the groundsman’s fault. Some things just weren’t meant to be.

40. Gloves: This is England, not Siberia. Your hands will warm up if you run around for five minutes.

39. The fat bloke in row P: Go to any football ground anywhere in England and there will be a fat bloke in your row who will a) arrive late b) talk rubbish c) leave five minutes before half time d) come back five minutes after the game has restarted e) talk rubbish f) leave five minutes before the game has finished.

38. The manager's programme column: “First off I’d like to say a big welcome to blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah we were robbed last week blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah the lads have been training brilliantly blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah get behind the lads today blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah blah. Enjoy the game.”

37. Formations: Yawn. 4-4-1-1, 4-3-2-1, 4-3-3, 4-1-4-1, 4-2-3-1, 3-5-2, 4-2-1-3. Can’t we just knock it up to the big bloke and get the little bloke to bang it in?

36. Chelsea: The new Manchester United.

35. Sky Sports News: The television station that thinks John Carew’s ingrowing toenail responding to treatment is breaking news. Is Sky Sports News the greatest invention known to man or a drug more addictive than crack? We’ll be back after the break.

34. trainline.com: If you fancy following your team around the country by public transport, don’t bother with one of the worst websites in the world. Try telling it you want a train from Manchester to London on Saturday night - journey time 2 hours 30 minutes. No problem. Get the 21:06 to Birmingham New Street. Then jump on 22:53 to Northampton. Then hop on the 04:58 bus to Leighton Buzzard. Then hop on the 06.44 bus to London. With any luck you’ll be in Euston at 8 o’clock on Sunday morning – journey time 11 hours.

33. Added time: “The fourth official has indicated that there will be three minutes of added time”. So what? We got along just fine without a bloke in a tracksuit holding up a big No 3 at a quarter to five every Saturday.

32. Joey Barton: We don’t like to kick a man when he’s down, but he did, so here goes. Type “Joey Barton Scum” into google and you get 30,500 results.

31. Official statements: Did Robinho really say, “I am committed to helping Manchester City become the force the owners assured me they would become”? Maybe one of his agents typed it into his Blackberry. Robinho doesn’t know what “committed” or “assured” mean because he doesn’t speak English.

30. Match Of The Day: Used to be the best programme on TV. Now, it’s the best football highlights show on TV on Saturday nights.

29. Electronic pitchside advertising boards: Next time you go to Old Trafford make sure you take some sunglasses, otherwise you’ll be blinded by the light from the adverts on the TV screens wrapped around the pitch. A word of advice for the skinny latte-sipping Soho adman who came up with this idea: We can’t afford a new Audi. We’re here for the football and the beer.

28. Referee's assistants: They’re linesmen. End of.

27. Hi-tech dugouts: Minutes from Manchester United board meeting May 2007: Sir Alex Ferguson requested that the board sanction the removal of the plastic seats in the home and away dugouts at Old Trafford. The manager wants them replaced with leather racing car seats like the ones they have in Porsches and Ferraris. Sir Bobby said that was ridiculous. Sir Alex told Sir Bobby to shut up.

26. The fourth official: Pointless – like Luton Town until last Saturday.

25. Club shops: Empires of tat and greed that make your local Poundstretcher look like Harrods. The club shop at the Emirates Stadium has a special section for Arsenal presents for your dog. The Stamford Bridge megastore sells Chelsea Christmas crackers – £10.43 for a pack of six – and Manchester United have ventured into the toiletries market. Ever fancied washing your hair with Manchester United shampoo and conditioner? Now you can. For £9.99.

24. Media training: All Premier League players and managers are given media training to make sure that they never say anything remotely interesting when someone puts a microphone in front of them. Now you know why they’re taking one game at a time, why they didn’t see their captain punch one of his team-mates, why they haven’t thrown in the towel yet and why everything is going to be terrific.

23. Kaka: If he’s not interested in money why do AC Milan have to pay him £173,000 a week?

22. Let Me Entertain You: Atrocious Robbie Williams song that has ruined the build-up to every single football game in the world since it was released in 1998.

21. Points deductions: This is England, not Italy. Deducting points from teams because they failed to comply with the Football League’s insolvency rules or because they paid agents through a holding company has turned the bottom of League Two into a joke. Luton Town started the season on minus 30 points. The team at the bottom of the table should be the worst side in the league, not the club with the idiot accountant.

20. Official club websites: Good for getting directions to the ground, but not much else.

19. ITV: We haven’t forgotten about the ITV Digital disaster and your FA Cup coverage isn’t much to shout about either.

18. Opinions: We live in an “Everyone’s entitled to my opinion” kind of world and when it comes to football, everyone’s got one. Rafa’s God. Rafa’s an idiot. Becks is past it. No, he’s not. How can Kaka be worth £100 million? Yeh, but you’d pay £45 to see him play. Stevie G and Lamps can’t play together. But they’re the best we’ve got. Can’t we all just shut up and watch the game?

17. Brazil: The greatest team in the world have become football’s Harlem Globetrotters. Ronaldinho and Co have played only one friendly in Brazil in the past 2 ½ years. In the meantime they’ve put on a show in Oslo, Kuwait, Stockholm, London (four, about to be five, times), Basel, Gothenburg, Dortmund, Montpellier, Chicago, Boston, Dublin, Seattle and Boston. Ker-ching.

16. Internet message boards: My team’s better than yours. No, my team’s better than yours. No, my team’s better than yours. No. my team’s better than yours. Repeat until the world ends.

15. Tattoos: When we were kids only sailors and binmen had tattoos. Now, you can’t walk into a dressing-room without being blinded by Celtic crosses, barbed wire, angels, Chinese proverbs, the name of everyone’s kids, the name of everyone’s kids in Hebrew, the name of everyone’s wife, the name of everyone’s wife in Latin, a couple of Welsh dragons and Steve Sidwell’s marriage vows.

14. Superagents: How does an agent become a superagent? Make a few phone calls, get friendly with Roman Abramovich and buy a flat in Knightsbridge.

13. Injuries: “We’re down to the bare bones” and it’s not surprising considering that modern-day footballers are about as tough and durable as a Ming vase. Half of them can’t run without pulling a hamstring and the other half can’t tackle with breaking a metatarsal. What’s a hamstring anyway? And how come Bobby Moore never pulled one?

12. Manchester City: The new Chelsea.

11. Kick-off times: Football used to be played at three o’clock on a Saturday afternoon. Now it’s played when it suits Sky and Setanta.

10. Goal celebration music: Listen. Very. Carefully. We. Don’t. Want. To. Hear. I. Feel. Good. Chelsea. Dagger. Or. Song. Two. Every. Time. Someone. Scores. A. Goal. Got. That?

9. The FA Cup: When was the last time a milkman lifted the FA Cup? When was the last time a postman scored at Wembley? There’s nothing romantic about a competition which ends every year with a bloke who earns £100,000 a week lifting a trophy that he doesn’t really give a monkey’s about.

8. Takeovers: In the old days all you needed to support your local club was a scarf and rattle, but these days you need a degree in economics, an MBA and a subscription to the Financial Times. Come back all you butchers, car dealers, property developers and local boys made good – all is forgiven.

7. Wembley Stadium: The old Wembley Stadium had it all. Players dreamed of playing there and supporters dreamed of going there - even if the toilets smelled a bit funny. Then some bright spark at the FA thought it would be a good idea to knock down the most famous football stadium in the world and replace it with an £800 million concrete box and a pointless arch. Best stadium in the world? Thanks to Arsenal’s new ground, the new Wembley’s not even the best stadium in North London.

6. Radio phone-in shows: “The next caller is Gary from Guildford. What do you want to get off your chest, Gary?”
“Well, Alan. I think Rafa’s got to go. How can you leave Torres on the bench when you need three points? And as for that ref, he’s got to be the worst ref I’ve ever seen.”
“Were you at the game, Gary?”
“No.”

5. Rotation: You pay £50 for a ticket, you spend £10 on a pint of beer and a hotdog and you get to watch a kickabout between a bunch of kids no-one’s ever heard of. Thanks Arsene. Thanks Rafa. Thanks Alex. Nice to know you care.

4. New stadium: Where would you rather watch a game? Maine Road or the City of Manchester Stadium? The Baseball Ground or Pride Park? Highfield Road or The Ricoh Arena? The Dell or St Mary’s? Filbert Street or The Walkers Stadium? Nice prawn sandwiches, though.

3. The Champions League: What’s changed since the European Cup turned into the Champions League in 1992? Everything. If you won the European Cup, you were the best team in Europe. If you win the Champions League, you owe someone £700 million.

2. The Premier League: What’s changed since the Premier League broke away from the Football League in 1992? Everything. If you won the First Division title, you were the best team in England. If you win the Premier League, you owe someone £500 million.

1. Television: The monster that ate football.

Leggi tutto...

Depeche Mode, ufficializzata la tracklist di ‘Sounds of the Universe’, in uscita il 20 aprile

E’ stata appena annunciata la tracklist di ‘Sounds of the Universe’, attesissimo nuovo album in studio dei Depeche Mode. Il disco uscirà il 20 aprile, anticipato il 6 aprile dal singolo ‘Wrong’. Come ‘Playing the Angel’ del 2005 il lavoro è stato realizzato in collaborazione con Ben Hillier e il suo staff. 13 sono i brani inclusi nel cd che, secondo quanto dichiarato da Andy Fletcher, verrà pubblicato anche in versione deluxe con varie extra tracks. Ecco i titoli:

01. In Chains

02. Hole To Feed

03. Wrong

04. Fragile Tension

05. Little Soul

06. In Sympathy

07. Peace

08. Come Back

09. Spacewalker

10. Perfect

11. Miles Away / The Truth Is
12. Jezebel
13. Corrupt


Come consuetudine l'autore della maggioranza dei brani è Martin Gore. Fanno eccezione ‘Hole To Feed’, ‘Miles Away’ e ‘Come Back’ composti da Dave Gahan insieme ad Eigner e Phillpott già suoi collaboratori nella produzione di ‘Hourglass’, il suo album solista pubblicato nel 2007.

Leggi tutto...

mercoledì 28 gennaio 2009

Promossi & Bocciati di Sampdoria-Lazio 3-1: E' tornato Fantantonio, Rossi è nel pallone...

Ecco i migliori e i peggiori di Sampdoria-Lazio vinta dai blucerchiati per 3-1 e decisa dalle reti di Delvecchio, Rocchi, Cassano e Stankevicius.

Cassano: Dai fischi all’esaltazione. Fantantonio stavolta esce dal Ferraris come un re. 66 giorni di digiuno dal gol li cancella con uno slalom fra tre avversari incorniciato da un gol meraviglioso. Ingordo come non mai suggerisce palloni d’oro a ripetizione e si procura il rigore fallito da Bellucci. Voto 7.

Palombo:
Fosforo e muscoli. Caratteristiche ideali per un capitano che si rispetti. Se la Sampdoria più incerottata dell’anno trova il riscatto il merito è soprattutto suo. Esemplare. Voto 6.5.


Delvecchio:
A lui va il merito principale di aver spazzato via paura e crisi dopo soli 13’. Il 5° sigillo personale è, probabilmente, il più importante della sua stagione. Voto 6.5.


La difesa della Lazio:
7 delle 32 reti complessive subite negli ultimi 4 giorni sono sintomo di grave disagio. Oggi il suo emblema è Lichtsteiner. Lo svizzero per troppo tempo dà la stessa impressione di un pensionato alla fermata dell’autobus. Riflessi lenti e imperdonabili distrazioni. Voto 4.


Rossi:
Per fare le rivoluzioni bisogna avere le idee chiare. Lui, evidentemente, ora non le ha. La sostituzione di Rocchi (il migliore in campo nel primo tempo, Voto 6.5) con Zarate (stavolta più fumo che sostanza, Voto 6) è spiegabile solamente se il bomber romano fosse stato rapito dagli alieni. Voto 5.


[Articolo per Goal.com del 28 gennaio 2009]

Leggi tutto...

martedì 27 gennaio 2009

Blackpool-QPR 0-3: Una doppietta di Helguson riaccende i sogni dei Rangers

A volte basta un goal e un pizzico di scaltrezza per fare il bottino pieno. Per averne conferma basta vedere gli Hoops giocare a Bloomfield Road. Contro un Blackpool imballato dopo il vittorioso recupero di sabato scorso ai danni del Birmingham, i ragazzi di Paulo Sousa, nell’unico tiro in porta del primo tempo, passano con Helguson. E, sempre con lui, nella ripresa chiudono il match su rigore. In fase di recupero c’è gloria anche per Ephraim, autore della terza rete.

Radek Cerny fermato da uno stiramento? Niente paura, i Rangers possono comunque contare su un sostituto dalle buone doti: Lee Camp. L’esordiente estremo difensore disputa una prestazione positiva. Chiude la porta in faccia a Taylor-Fletcher dopo 5’ e si dimostra altrettanto pronto nel disinnescare i tentativi di Vaughan e Campbell poco dopo il vantaggio dell’islandese maturato al 17'. Che i padroni di casa adottassero la stessa tattica dell’ultima uscita, partenza a razzo per poi controllare, lo immaginavano tutti. Anche Paulo Sousa che presenta una formazione brava a non disunirsi nei momenti più delicati e cinica a sfruttare le debolezze avversarie
.

Al rientro dall’intervallo Parkes presenta Owens per il poco efficace Martin. La risposta di Paulo Sousa è Ephraim per Miller. Al 57’, sugli sviluppi di un corner di Cook, Helguson guadagna un penalty dopo un contatto con Evatt e dagli undici metri batte per la seconda volta Rachubka. L’emergenza spinge il tecnico dei Seasiders ad inserire il neo-acquisto Nemeth e l’esperto Crainey per O’Donovan e Harte. Sono però gli ospiti, sospinti dall’entusiasmo, a gestire al meglio la gara. Al 60’ Routledge prova a cercare la via del gol ma trova il portiere. Ad un quarto d’ora dalla fine Helguson può tirare il fiato sostituito da Blackstock. Taylor-Fletcher e Fox provano senza fortuna a cercare di riaprire la gara. Gli ospiti capiscono che devono alzare il baricentro. Ci riescono al massimo, grazie anche ad Ephraim capace di tenere all’angolo i padroni di casa sino a mollargli l’uppercut finale al 91’.

TABELLINO:

Blackpool: Rachubka, Barker, Evatt, Edwards, Harte (64 Crainey), O'Donovan (59 Nemeth), Fox, Vaughan, Martin (46 Owens), Campbell, Taylor-Fletcher.

Subs not used: Gilks, Baptiste.

QPR: Camp, Connolly (88 Hall), Stewart, Gorkss, Delaney, Routledge, Cook, Leigertwood, Mahon, Miller (54 Ephraim), Helguson (75 Blackstock).

Subs not used: Bulmer, Di Carmine.

Goals: Helguson 17, Helguson 57 (pen), Ephraim 90+1.

Bookings: Cook 60, Routledge 83.

Referee: Graham Laws.

Attendance: 6656.

Leggi tutto...

John Titor, l'incredibile storia dell’uomo venuto dal futuro. Imbroglio, fantascienza o realtà?

Mettiamo il caso che in futuro i viaggi nel tempo siano possibili. Che qualcuno decidesse di tornare ai giorni nostri. Che cosa farebbe? Quali effetti avrebbe sul mondo? E, soprattutto, quale credibilità otterrebbe dalle persone con cui riuscirebbe ad entrare in contatto?
Il 2 novembre 2000, sul sito del Time Travel Institute, un utente dal soprannome Timetravel_0 apre un topic dal titolo "I Am From 2036" con le seguenti parole: “Salve. Sono un viaggiatore nel tempo. Provengo dall’anno 2036. Sto tornando a casa dopo aver recuperato un computer Ibm dell’anno 1975”.

Ovviamente nessuno all’inizio lo prende sul serio. Ma in seguito le discussioni sostenute, e le risposte alle domande che gli vengono poste, fanno cambiare idea a molti. E’ l’inizio di una storia intrigante fatta di predizioni, descrizioni di una macchina del tempo e risvolti clamorosi. John Titor, questo l’appellativo scelto il 27 gennaio 2001 dal sedicente crononauta per intervenire sul forum bbs.artbell.com, afferma di essere un soldato americano nato nel 1998 a Tampa, in Florida, la cui prima missione nel passato fu quella di tornare nel 1975 allo scopo di reperire un computer Ibm 5100 che, fra le caratteristiche non documentate, avrebbe potuto svolgere un’operazione vitale nel 2036: effettuare conversioni tra i vecchi sistemi Ibm e Unix per evitare un collasso dei sistemi informatici. Una prima verifica conferma l’ipotesi, i sistemi operativi Unix hanno un difetto: allo scadere del 2038 riporterebbero la data al 1901. L’unico elaboratore a possedere la peculiarità di poter interpretare due linguaggi differenti è, appunto, l’Ibm 5100. Questa sua segreta particolarità non viene però confermata ufficialmente prima dell’agosto 2004. A svelarlo è un articolo del Rochester Magazine.

Tuttavia, dopo aver concluso quel mandato, John Titor prima di tornare nel suo tempo decide di fermarsi nell’anno 2000. La decisione ha il personale scopo di far visita alla propria famiglia - compreso se stesso da bambino - per mantenere fede ad una promessa fatta al proprio nonno paterno e per vedere gli effetti del millennium bug, potenziale catastrofico difetto informatico che avrebbe dovuto manifestarsi al cambio di data dalla mezzanotte del 31 dicembre 1999 al 1° gennaio 2000. Come si sa il pericolo venne scampato. Chi crede ciecamente all’ipotesi della reale esistenza di John Titor sostiene che sia stato lui a mettere una pezza a questo ipotetico problema. Gli scettici, ci ridono sopra. Nessuno ha però ancora saputo chiarire in maniera definitiva come ciò avvenne.

Per Titor il presupposto del viaggio nel tempo è l'interpretazione multiverso della fisica quantistica. Un modello secondo il quale ogni situazione che può evolvere in più di una direzione va in ogni possibile direzione. E ogni possibilità è il punto di origine di un nuovo universo parallelo o worldline. Viaggiando a ritroso nel tempo non si percorrerebbe quindi la propria linea temporale come se fosse il binario d'un treno, questo perché la presenza di qualcuno nel passato apporta un cambiamento generando un nuovo insieme in espansione di worldlines. Si sconfinerebbe invece in un'altra dimensione, tanto più simile alla propria quanto più ridotta è l'entità del viaggio. Quindi la worldline che lui descrive come il suo "passato" è assai simile, ma non identica, al nostro presente e futuro prossimo.

Sino al 24 marzo 2001, giorno nel quale il crononauta comunica di aver deciso di tornare nel suo tempo, John Titor annuncia dettagliatamente vari eventi. Tra questi vi sarebbe lo scoppio, nel 2015, di una guerra nucleare globale. Si tratterebbe di un conflitto tanto breve quanto devastante. Se è vero che alcune predizioni sono state smentite dai fatti, altre si sono sorprendentemente verificate. Fra queste l’invasione americana dell’Iraq nel 2003 e quella secondo cui entro i successivi diciotto mesi dal suo ritorno nel futuro il Cern (l’Organizzazione Europea di Ricerche Nucleari con sede a Ginevra), avrebbe individuato la possibilità di creare artificialmente piccoli buchi neri. La scoperta, utile a produrre un’immensa fonte di energia, a suo dire verrebbe poi sviluppata ed applicata per la costruzione delle future macchine del tempo. Modelli come la ‘C204’ prodotta dalla General Electric ed installata nel baule di una Corvette Cabriolet del ’66 utilizzata dallo stesso Titor per svolgere la propria missione del 1975. A circa un anno da quanto affermato da Titor, il Cern dopo l’avvio del Large Hadron Collider (LHC) conferma ufficialmente la possibilità di creare in maniera artificiale dei mini buchi neri. Una delle condizioni necessarie per far funzionare una ipotetica macchina del tempo…

Dopo la partenza di John verso il 2036 sua madre, Kay Titor, contattò un piccolo editore per pubblicare un libro. Al suo interno vengono pubblicate la serie di fotografie lasciate dal figlio, i dialoghi internettiani con gli utenti dei vari forum, oltre a progetti della macchina del tempo e spiegazioni sul suo funzionamento. La storia dell’uomo venuto dal futuro si sviluppa in modo esponenziale. Oggi una qualsiasi ricerca sull’argomento effettuata con un motore di ricerca propone circa 210 mila risultati. Il miglior punto di partenza per conoscere la storia di John Titor è quindi il web. Se volete farvi una propria opinione in merito il primo passo è andare sul sito anomalies.net che, su questo link e su quest'altro, ha conservato i post originali, oppure cliccare QUI per leggere la traduzione in italiano ti tutti i suoi post. Poi, dopo il sito del Time Travel Institute, è utile visitare il sito ufficiale a lui dedicato, passando per quello europeo, quello italiano e quello di paranormale.com. Ovviamente anche Wikipedia gli concede spazio in tutte le lingue possibili, tra cui l’inglese e l’italiano, evidenzianto critiche volte a smontare parte delle teorie possibiliste. Cosa che fa, stavolta meno duramente del solito, Paolo Attivissimo giornalista specializzato nello smascherare le “bufale” informatiche sbugiardandole sul proprio blog. Interessanti racconti / indagini sul caso di John Titor potete trovarle sul sito del Professor Echos mentre su questo è possibile leggere l’articolo pubblicato sul mensile Focus nel settembre 2006.
Molte televisioni hanno dedicato programmi e documentari al viaggiatore del tempo. Per vedere in streaming 'Il mio nome è John Titor e provengo dal 2036', documentario di oltre 44 minuti realizzato da Luca Jaeggli e Davide Conconi per il programma 'Storie' della TSI (Televisione Svizzera Italiana) trasmesso il 15 aprile 2007 basta cliccare QUI.

Insomma, vera o falsa che sia, questa storia è indubbiamente accattivante. Oscar Wilde, tipo che aveva (quasi) sempre ragione, asseriva che era la vita a copiare l'arte e non viceversa. Sembra un paradosso, ma se ci pensate bene scoprirete anche voi che è la verità. Di questo passo mi tornerà la voglia di rivedere la trilogia di "Ritorno al Futuro"...

A corredo del post ho inserito l'immagine di uno dei documenti lasciati da John Titor: uno degli schemi della sua macchina del tempo.

Leggi tutto...

domenica 25 gennaio 2009

Promossi & Bocciati di Genoa-Catania 1-1: E' tornato il Principe Milito... si vede?

Questi sono i migliori e i peggiori della sfida tra Genoa e Catania disputata al Ferraris. Il risultato finale di 1-1 consente ai rossoblu di mantenere saldo il quarto posto in classifica. Gara decisa dall'indisponente arbitraggio di Banti di Livorno. Espulso Ferrari al 15' della ripresa.

Milito: 42 giorni di stop, sui muscoli e gli artigli del Principe di Bernal, un po' di ruggine la posano. Ma l'istinto è un'altra cosa. Soprattutto se sorretto da una volontà superiore alla media. La rete del meritato pareggio genoano, fortemente cercata tra un crampo e l'altro, porta la sua firma. Eroico. Voto 7.

Sculli: Anche Spiderman aveva bisogno di rifiatare, figuriamoci lui. Non riesce ad incidere come al solito. Gasperini se ne accorge e, prima di metterlo a disagio, lo sostituisce con Marco Rossi. Voto 5.5.

Ferrari: Per un'ora fa quasi tutto bene. Ma, già ammonito, commette un ingenuo fallo su Baiocco che gli costa la doccia anticipata e costringe i suoi agli straordinari. Voto 5.5.

Rubinho: con la terna arbitrale è il peggiore in campo. La sua insicurezza mette in ansia compagni e tifosi al pari dell'ottima organizzazione di gioco avversaria. Giornata storta. Voto 5.

Martinez: Tanta corsa e un gol che, per sei minuti, potrebbe valere la prima vittoria esterna stagionale. Poi, invece che insistere nel fare il guastafeste dei Grifoni, sembra passare il tempo a godersi quanto seminato. Voto 6.5.

Baiocco: Combatte su ogni pallone. Talvolta anche usando i muscoli oltre il lecito. Riesce comunque a non macchiare il taccuino di Banti con il suo nome. Voto 6.5.

Capuano: Arrivato dai cugini del Palermo soltanto cinque giorni fa dimostra di essersi inserito senza troppe sbavature. Sfiora persino il gol. Bravo. Voto 6.

Zenga: Anche se fisicamente non presente a bordo campo la sua mano è evidente. Il Catania ha una sua identità e il coraggio per mostrarla senza timori reverenziali. Pensare che in giro ci sono molti pseudo fenomeni sopravvalutati e lui viene criticato dalla sua società lascia un po' spiazzati. Ma se continua così il numero dei suoi estimatori non può che crescere. Voto 7.

I tifosi genoani: Anche quando è evidente che il pomeriggio prometta soprattutto una buona buona dose di nervoso loro continuano imperterriti a svolgere il loro ruolo: sostenere sempre e comunque. Esemplari. Voto 8.

[Articolo per Goal.com del 25 gennaio 2009]

Leggi tutto...

L'articolo su Liverpool-Genoa segnalato anche dal sito della Fondazione Genoa 1893

Anche la Fondazione Genoa 1893, attraverso il proprio sito ufficiale, segnala in questo link la pubblicazione del mio articolo su Calcio 2000 che ricostruisce la leggendaria sfida di Anfield tra il Liverpool e il Genoa, quarti di finale di Coppa Uefa del 1992. Un sincero ringraziamento a Corrado Levo e alla Fondazione tutta per lo spazio dedicatomi. Questo il testo della recensione:

L'alta classifica di oggi e un amarcord. 23/01/2009 Articolo sull'ultimo Genoa europeo. Sul numero attualmente in edicola di Calcio 2000 (il più venduto mensile di calcio), viene pubblicato un bell'articolo sulla storia di Liverpool-Genoa. Il giornalista Claudio Critelli ricostruisce con accuratezza quell’epica partita che consentì al Grifone di accedere alla semifinale di Coppa Uefa e di essere la prima squadra italiana ad aver espugnato il tempio di Anfield. Un racconto di cinque pagine corredato da fotografie, un ritratto di Osvaldo Bagnoli e un’intervista a Tomas Skuhravy. Che sia un buon auspicio!?!

Leggi tutto...

mercoledì 21 gennaio 2009

Il sito ufficiale del Genoa segnala l'articolo su Liverpool-Genoa che ho scritto per Calcio 2000

"Su Calcio 2000 la partita storica di Liverpool raccontata dal giornalista Critelli". La segnalazione è apparsa quest'oggi sul sito ufficiale del Genoa 1893. Un sincero ringraziamento a Dino Storace, addetto stampa del club rossoblu, per la collaborazione. L'articolo, pubblicato sul nuovo numero del mensile diretto da Fabrizio Ponciroli, fa parte della rubrica 'Il Cantastorie' e ricostruisce in tutti i particolari la leggendaria sfida che oppose i Grifoni di Osvaldo Bagnoli ai Reds guidati da Graham Souness. Per maggiori dettagli potete leggere il post di riferimento.

Leggi tutto...

sabato 17 gennaio 2009

Derby County-QPR 0-2: I Rangers ritrovano la vittoria in trasferta ma perdono Rowlands

Due acuti di Routledge e Leigertwood a Pride Park regalano la prima vittoria esterna a Paulo Sousa. Derby County sempre più giù. Era dallo scorso 17 settembre che i Rangers non riuscivano a fare i corsari. Lo striminzito 1-0 di Norwich venne deciso da un goal di capitan Rowlands, suo malgrado protagonista anche oggi per un grave infortunio ad un ginocchio dopo 12’. A lui vanno tutti i nostri più sinceri auguri di pronta guarigione.

I padroni di casa partono bene ma al 22' vengono puniti dal neo-acquisto Routledge con un tiro da posizione ravvicinata. La giornata è propizia e, al 36’, è sempre lui decisivo nel mettere Leigertwood in condizione di spazzolare la rete di Carroll per la seconda volta. L’uno-due gela gli ardori dei Rams. Nell’intervallo Nigel Clough striglia i suoi. A capirlo dopo pochi secondi è Cerny, costretto ad intervenire su incornata di Addison e corner di Commons. La sfuriata è seria, non da meno l’opposizione degli Hoops che sanno riprendere le misure ai Rams. Intorno all’ora di gioco Davies rileva Varney, la risposta ospite è Di Carmine per Helguson. Il braccio di ferro continua. A tenere vivo il match è però Carroll, bravo a negare la rete ad Ephraim. Il doppio vantaggio è comunque sufficiente al QPR per terminare il match in gloria nonostante Davies ci provi sino al triplice fischio. La vittoria è doverosamente dedicata a Rowlands, il cui lungo stop va a sommarsi a quelli di Buzsaky e Vine. Tre assenze pesanti in vista del rush finale per i playoff.


TABELLINO:
Derby: Carroll, Albrechtsen, Todd, Nyatanga, Camara, Barnes (Barazite 70), Green, Addison, Commons, Varney (Davies 59), Hulse.
Subs Not Used: Bywater, Savage, Teale.
Booked: Camara, Todd.
QPR: Cerny, Connolly, Gorkss, Stewart, Delaney, Routledge, Leigertwood, Mahon, Rowlands (Ephraim 12), Cook (Alberti 90), Helguson (Di Carmine 64).
Subs Not Used: Hall, Blackstock.
Goals: Routledge 22, Leigertwood 36.
Att: 28,390.
Ref: Kevin Wright (Cambridgeshire).

Leggi tutto...

venerdì 16 gennaio 2009

Sbaaam!!!

Prigioni. Fisiche o mentali. Imposte dall'esterno o create dai nostri incubi. Sono molte. Sono ovunque. Sono demoralizzanti. Franz Kafka, Kurt Cobain, Primo Levi, Marilyn Monroe. Charles Baudelaire, George Best, Gustavo Rol, la vecchia della porta accanto. In fondo noi stessi. Ognuno con la propria vita. Con la propria maschera. Chiusi dentro trasparenti recinti sempre più affollati. Di memorie e rimpianti. Di oggetti e speranze. Gran parte inutilità dozzinale accatastata alla bene e meglio. Con la stessa casuale metodologia adottata dai dischi fissi per nutrire i propri clusters. Claustrofobia indotta. O seraficamente subita. C’è ancora luce. Fuori. [...]

Leggi tutto...

'subHuman' avrà un erede: Alan Wilder / Recoil già al lavoro per produrre il nuovo album

Sono giorni esaltanti per i fans dei Depeche Mode. All’annuncio di ‘Sounds of the Universe’ si aggiunge l’indiscrezione che Alan Wilder è tornato nel suo studio ‘Thin Line’ per produrre un nuovo album solista! Il tutto a diciotto mesi dall'uscita di ‘subHuman’. La notizia è di quelle sensazionali. Specialmente considerando che l'ultimo disco era stato realizzato a sette anni di distanza da ‘Liquid’. Se i ritmi di messa in opera di questa fatica saranno simili a quelli delle sue passate creazioni è ragionevole immaginarne la pubblicazione sul finire del 2009. Ma in questo caso siamo a livello di pure supposizioni.

Nonostante non emergano ulteriori dettagli, è probabile che la spinta a gettarsi in un’altro impegno discografico Alan l’abbia ricevuta dagli ottimi consensi tributati a 'subHuman' e dal fatto che - secondo sue passate dichiarazioni – in archivio gli sono rimasti brani particolarmente interessanti, esclusi a malincuore da quest'ultimo album per non alterarne l’atmosfera. La più recente edizione ufficiale targata Recoil è ‘Prey (Shotgun Mix)’, versione rielaborata di David Husser che mr. Wilder ha deciso di offrire in download a tutti i propri fans come regalo di natale.

Leggi tutto...

giovedì 15 gennaio 2009

Depeche Mode: ‘Sounds of the Universe’, nuovi brani e un sound vintage in uscita il 20 aprile

‘Sounds of the Universe’, è questo il titolo del nuovo album dei Depeche Mode registrato fra Santa Barbara e New York. A svelarlo è un comunicato stampa appena pubblicato sul sito ufficiale della band inglese. Saranno disponibili due versioni: una normale e una deluxe con l'aggiunta di brani extra. La nota annuncia che il disco - come 'Playing the Angel' realizzato insieme a Ben Hillier e il suo staff - uscirà ufficialmente il prossimo 20 aprile anticipato dal singolo ‘Wrong’, la cui presentazione è prevista nelle prossime settimane e che Andy Fletcher definisce "un antidoto di tre minuti al pop bubble-gum". 'Wrong' verrà rielaborato da vari remixers fra cui Peter Rauhofer. Anche in 'Sounds of the Universe', contenente 13 tracce, Dave Gahan figura tra gli autori con tre brani: ‘Hole To Feed’, ‘Miles Away’ e ‘Come Back’, tutti composti insieme ad Eigner e Phillpott già suoi collaboratori nella realizzazione di ‘Hourglass’ album solista del 2007. Le restanti 10 canzoni, fra cui ‘jezebel’, ‘In Chains’ ‘Hole to Feed’, 'Fragile Tension', 'In Sympathy' e ‘Peace’ sono state scritte da Martin Gore. Rispetto ai lavori precedenti l'album si connoterà per una maggior aurea dark e spirituale delle liriche e per gli arrangiamenti retro-futuristici creati dall’utilizzo di sonorità di strumentazioni - sintetizzatori e batterie elettroniche - d’annata. Il disco, che Gore presenta annunciandolo un "amalgama di più esperienze", è stato realizzato sulla base di 18 demo composti su un laptop.

‘Sounds of the Universe’, 12° album in studio dei Depeche Mode, verrà proposto quasi interamente dal vivo in occasione del ‘Tour of the Universe’, che in Italia approderà il 16 giugno a Roma allo stadio Olimpico e il 18 giugno a Milano allo stadio San Siro.

Leggi tutto...

Tex Willer, da oggi sul blog le copertine storiche degli albi dedicati al ranger più noto dei fumetti

Quanto può essere speciale un personaggio dei fumetti? Per esperienza personale molto. Soprattutto se si chiama Tex Willer. Le sue storie mi hanno catturato ancor prima della scuola elementare facendomi compagnia per lunghissimo tempo. Ogni copertina per me è come uno scrigno straripante di ricordi perché, nonostante gran parte di quegli albi siano stati editi a partire dal 1958 - periodo nel quale non ero ancora nato - li ho potuti scoprire grazie alla collezione iniziata da mio padre. Dal 1° al 400° numero tutte le copertine di Tex furono disegnate da Aurelio "Galep" Galleppini, pioniere e vero maestro del fumetto italiano. Da oggi sul blog pubblicherò le mie preferite. Questo vuole essere un omaggio a tutti coloro - autori e appassionati - che di Aquila della Notte ne hanno saputo fare un mito per più generazioni. A corredo di questo post, come è doveroso che sia, inserisco la copertina del numero 1, ‘La Mano Rossa’.

Leggi tutto...

Liverpool-Genoa del 1992, su Calcio 2000 il mio racconto di quell'epica sfida

Sul numero di Calcio 2000 in edicola da oggi è pubblicato un mio lungo articolo sulla storia di Liverpool-Genoa, gara di ritorno dei quarti di finale della Coppa Uefa 1992. Come anticipato la scorsa settimana, il pezzo ripercorre la storia e la cronaca di una delle gare più importanti del calcio europeo svelando retroscena e segreti di un evento dalle molteplici sfaccettature. L’accurata ricostruzione di quell’evento è stata realizzata anche attraverso ricerche su documenti d’epoca e interviste ai protagonisti. Quel match, vinto dal Genoa per 2-1, consentì ai Grifoni di accedere alla semifinale contro l’Ajax e di poter vantare un altro record personale: essere la prima squadra italiana ad aver espugnato il tempio di Anfield.

Calcio 2000 è un mensile con una tiratura di 80 mila copie in Italia e 15 mila all'estero distribuito in 32 Paesi nel mondo fra cui: Australia, Brasile, Canada, Corea, Francia, Germania, Giappone, Olanda, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti.

Leggi tutto...

sabato 10 gennaio 2009

QPR-Coventry City 1-1, i Rangers non sanno più vincere. Pari in extremis di Blackstock

Un altro pareggio, stavolta per 1-1, frutto di un botta e risposta tra Fox e Blackstock sul finire della gara. Risultato più utile al Coventry che ad un QPR incapace di trovare la vittoria della svolta. Il terzo punticino nelle ultime tre gare tiene la zona playoff distante cinque lunghezze. Tommasi ha da poco dato l’addio a Londra e Routledge esordisce dal primo minuto per dare più fosforo al centrocampo. Il suo arrivo alla lunga potrà essere prezioso.

E dire che il vento soffia subito a favore del vascello guidato da Paulo Sousa. Wright è tanto nervoso quanto ingenuo nel rimediare un paio di cartellini gialli nello spazio di 36 minuti. Loftus Road è colmo di attese, molte delle quali vengono però deluse. I pericoli vengono creati soprattutto da Helguson e Delaney, fermati in apertura e chiusura di tempo dal portiere che, al 22’, è graziato da un’imprecisa incornata di Blackstock. Da parte ospite l’unica opportunità degna di nota è un sinistro dal limite di Tabb dopo 32’ preda di Cerny.


Nella ripresa, nonostante la superiorità numerica, gli Hoops faticano a trovare la porta avversaria. I limiti in fase di costuzione restano il loro peggior difetto ed Helguson, pur essendo volenteroso, è ben controllato dall’arcigna difesa ospite. Fioccano le ammonizioni ma il Coventry resta compatto e, sornione, riesce persino a passare in vantaggio al 73’. Il merito è tutto di Fox, autore di una punizione dalla lunga distanza sulla quale Cerny non riesce ad intervenire. Paulo Sousa (come al solito tardivamente) inserisce Ledesma per Delaney e Di Carmine per Leigertwood. I loro ingressi sono il carburante più utile per l’obbligatorio assedio finale. La pressione sale con l’avvicinarsi del novantesimo sino a quando all’87’ è proprio l’ex-viola a mettere Blackstock in condizione di colpire di testa da posizione ravvicinata. E’ l’1-1 finale, tanto meritato quanto carico di rimpianti.


TABELLINO:

QPR: Cerny, Delaney (Ledesma 73), Connolly, Stewart, Gorkss, Ephraim (Hall 89), Leigertwood (Di Carmine 81), Routledge, Rowlands, Blackstock, Helguson.

Subs Not Used: Mahon, Alberti.

Booked: Routledge, Helguson.

Goals: Blackstock 87.

Coventry: Westwood, Wright, Turner, Fox, Gunnarsson, Beuzelin, Doyle, Tabb, Mifsud (Eastwood 84), Morrison, Best (McKenzie 66).

Subs Not Used: Marshall, Thornton, Wynter.
Sent Off: Wright (36).
Booked: Wright, Fox, Gunnarsson, Westwood.

Goals: Fox 73.

Att: 13,330.

Ref: Keith Stroud (Hampshire).

Leggi tutto...

Morrissey, tutti i testi di/all the lyrics of ‘Years of Refusal’

Ecco i testi dei 12 brani inclusi in ‘Years of Refusal’, nuovo album di Morrissey in uscita il prossimo 16 febbraio.





Something is squeezing my skull
I'm doing very well
I can block out the present and the past now
I know by now you think I should have
Straightened myself out - Thank you, drop dead!
Something is squeezing my skull
Something I can barely describe6
There is no love in modern life

I'm doing very well
It's a miracle I even made it this far
The motion of taxis excites me
When you peel it back and bite me
Something is squeezing my skull
Something I can barely describe
There is no Hope in modern life

Something is squeezing my skull
Something I can't fight
No true friends in modern life

Diazepam1 that's valium, Temazepam, Lithium, HRT, ECT
How long must I stay on this stuff?
Don't give me anymore
Don't give me anymore
Don't give me anymore
Please don't give me anymore
Don't give anymore
Don't give anymore
You swore you would not give anymore
Don't give anymore, don't give anymore...

You swore, you swore, you swore
You swore you would not give anymore
Give anymore, give anymore, give anymore...


Mama, Lay Softly On The Riverbed
Mama, why did you do it?
Mama, who drove you to it?

Was it the pigs in grey suits
Persercuting you?
Uncivil servants
Unconcerned at how they frightened you1
Life is nothing much to lose
It's just so lonely here without you

Mama, why did you do it?
Mama, who drove you to it?

Spare priggish moneymen
Who scared the life out of you
Bailiffs with bad breath
I will slit their throats for you
Life is nothing much to lose
It's just so lonely here without you, mama

Life is nothing much to lose
It's just so lonely here without you
So, we're gonna run to you
We're gonna come to you
We're gonna lie down beside you, mama

We're gonna be with you
We're gonna join you
We're gonna lie down beside you, mama

And we will be safe and sheltered in our graves
We'll come before you
And we will kiss you2
By way of one final hug, mama


Black Cloud
The one I love
Is standing near
The one I love
Is everywhere
I can woo you
I can amuse you
But there is nothing I can do to make you mine
Black cloud, black cloud

The one I love
Roosts in the mind
Can snap this spell
Or increase hell
I can chase you
And I can catch you
But there is nothing I can do to make you mine
Black cloud, black cloud
Oh, black cloud
Oh, black cloud

I play the game
Of Favorites now
I can I must
I will I do
I can please you
Or I can freeze you out
But there is nothing I can do to make you mine
Black cloud, black cloud, black cloud
I can choke myself to please you
And I can sink much lower than usual
But there's nothing I can do
To make you mine


I'm Throwing My Arms Around Paris
In the absence of your love
And in the absence of human touch
I have decided
I’m throwing my arms around, around Paris
Because only stone and steel accept my love.

In the absence of your smiling face
I traveled all over the place2
And I have decided
I’m throwing my arms around, around Paris
Because only stone and steel accept my love
I’m throwing my arms around, around Paris
Because only stone and steel accept my love.

I’m throwing my arms around Paris
Because nobody wants my love
Nobody wants my love
Nobody needs my love
Nobody wants my love

Yes, you made yourself plain
Yes, you made yourself very plain


All You Need Is Me
You hiss and groan
And you constantly moan
But you don't ever go away
And that's because all you need is me.

You roll your eyes
Up to the skies
Mock horrified1
But you're still here
All you need is me

There's so much destruction
All over the world
And all you can do is complain about me

You bang your head against the wall
And say you're sick of it all
Yet, you remain2
'Cause all you need is me

And then you offer your one and only joke
And ask me "What will I be,
When I grow up to be a man"?

Me? NOTHING!

There's a soft voice
Singing in your head
Who can3 this be?
I do believe it's me

There's a naked man standing
Laughing in your dreams
You know who it is
But you don't like what it means

There's so much destruction
All over the world
And all you can do is complain about me

I was a small fat child in a welfare5 house
There was only one thing I ever dreamed about
Fate has just handed it to me

Whoopee!

You don't like me but you love me,
Either way you're wrong
You're gonna miss me when I'm gone
You're gonna miss me when I'm gone

You don't like me but you love me,
Either way you're wrong
You're gonna miss me when I'm gone
You're gonna miss me when I'm gone


When Last I Spoke To Carol
When last I spoke to Carol I said:
"I can't pretend it gets easier."
She said: "I've hung on, I have edged
along this narrow ledge
since the day I was born in 1975."

When last I spoke to Carol I said:
"I can't pretend I feel love for you."
She said: "I've hammered a smile
across this pasty face of mine
since the day I was born in 1975."

When I said goodbye to Carol
Black earth upon the casket fell
She had faded to
Something I always knew
To the rescue
Nobody ever comes.


That's How People Grow Up
I was wasting my time
Trying to fall in love
Disappointment came to me and
Booted me and bruised and hurt me

That's how people grow up
That's how people grow up

I was wasting my time
Looking for love
Someone must look at me
and see their sunlit dream

I was wasting my time
Praying1 for love
For a love that never comes from
Someone who does not exist and

That's how people grow up
That's how people grow up

Let me live before I die
Not me, not I!

I was wasting my life
Always thinking about myself
Someone on the deathbed said
"There are other sorrows too"

I was driving my car
I crashed and broke my spine
So yes, there are things worse in life than
Never being someone's sweetie

That's how people grow up
That's how people grow up

As for me I'm ok
For now anyway


One Day Goodbye Will Be Farewell
Always be careful
When you abuse the one you love
The hour or the day, no one can tell
But one day goodbye will be farewell
And you will never see the one you love again
You will never see the one you love again

I have been thinking, what, with my final brain cell
How time grips you slily in its spell
And before you know, goodbye will be farewell
And you will never see the one you love again
And the smiling children tell you that you smell
Well, just look at me
A savage Beast, I've got nothing to sell
And when I die, I want to go to Hell
And that's when goodbye should be farewell

One day goodbye will be farewell
So grab me while we still have the time


It's Not Your Birthday Anymore
Your voice it might say "no"
But the heart has a will of its own
Your voice it might say "no"
But the heart has a heart of its own
It's not your birthday anymore
There's no need to be kind to you
And the will to see you smile and belong has now gone
It's not your birthday anymore
Did you really think we meant
All those syrupy, sentimental things
That we said?

It cannot be given
And so it must be taken
It cannot be given
And so it must be taken

All of the gifts that they gave can't compare in any way
To the love I am now giving to you
Right here, right now on the floor
All of the gifts that they gave can't compare in any way
To the love I am now giving to you
Right here, right now on the floor

It's not your birthday anymore
There's no need to be kind to you
And the will to see you smile and belong has now gone
It's not your birthday anymore
Did you really think we meant
All those syrupy, sentimental things
That we said yesterday?


You Were Good In Your Time
Let the heart rest
Lay back your head
You were good in your time
And we thank you

You made me feel less alone
You made me feel not quite so
Deformed, uninformed and hunchbacked

Time takes all breath away
You were good in your time
And we thank you so, so...

You said more in one day
Than most people say
In a lifetime, it was our time
And we thank you

An end-of-the-ride sigh
Your soft smile says
"Please understand, I must surrender"

Then you grip with your hand
Now so sworn in mine
Are you aware, wherever you are,
That you have just died?


Sorry Doesn't Help
Sorries pour out of you
All wide-eyed simple smiles
Certain to see you through
Like a QC full of fake humility1
You say: "Oh, please forgive..."
You say: "Oh, live and let live..."
But sorry doesn't help us
And sorry will not save us
And sorry will not bring my teen years back to me
(Any time soon)

Forced back, it springs right out
Seasoned, you have no doubts
You lied about the lies that you told
Which is the full extent of what being you is all about
You say: "Oh, please forgive..."
You say: "Oh, live and let live..."
But sorry doesn't help us
Sorry will not save us
Sorry will not bring my love into my arms
(As far as I know...)

Sorry doesn't help us
Sorry will not save us
Sorry is just a word you find so easy to say...
So you say it anyway

Sorry doesn't help us
Sorry won't protect us
Sorry won't undo all the good gone wrong, my love


I'm Ok By Myself
Could this be an arm around my waist?
Well, surely the hand contains a knife
It's been so all of my life
Why change now? - "It hasn't!"
Now this might surprise you, but
I find I'm OK by myself
And I don't need you
Or your morality to save me
No, no, no, no, no

Then came an arm around my shoulder
Well surely the hand holds a revolver
It's been so all of my life
Why change now? - "It hasn't!"
Now this might disturb you, but
I find I'm OK by myself
And I don't need you
Or your benevolence to make sense
No, no, no!

After all these years
I find I'm OK by myself
And I don't need you
Or your homespun philosophy
no, no, no, no

This might make you throw up in your bed
I'M OK BY MYSELF!
And I don't need you
and I never have, I never have
No, no, no, no!

Leggi tutto...

Genoa-Torino 3-0: Promossi & Bocciati. Thiago Motta che classe! Bianchi non la becca mai....

Ecco i migliori e i peggiori di Genoa-Torino, gara che i Grifoni dominano e vincono per 3-0 con reti di Biava nel primo tempo e di Jankovic e Thiago Motta nella ripresa.

Thiago Motta.
Un direttore d’orchestra di grandissima classe. Ordinato, sicuro, preciso e poco lezioso. A tratti lo stesso che primeggiava in uno dei Barcellona più forti della storia blaugrana. La foga di segnare gli costa, letteralmente, la faccia. Auguri sinceri di pronta guarigione. Voto 7.5.


Jankovic.
E' arrivato all'ultimo momento, insieme a Milito. Forse è per questo che il suo ingaggio non ha avuto il giusto tributo che meritano i fuoriclasse. Stasera è stato di una perfezione tale da chiedere ad alta voce una sua conferma da titolare. Il goal, a confronto delle cose meravigliose mostrate, pare persino un dettaglio. Voto 8.

Sculli.
Semplicemente strepitoso. In una serata orfana del Principe di Bernal lui si sbatte ancora più del solito. Peccato per lui che allo scadere Sereni gli neghi la gioia del sigillo personale. Voto 7.


Biava.
Quest’estate era arrivato al Genoa come pedina di scambio o, per essere più gentili, in prova. Ha dimostrato subito di che pasta è fatto guadagnandosi i galloni di titolare. Suo il merito di aver sbloccato il risultato. Provvidenziale. Voto 7.


Gasperini.
Il suo Genoa gioca a memoria e diverte come poche altre squadre nel panorama nazionale. E pensare che qualcuno ha ancora la faccia tosta di non apprezzarlo fino in fondo. Ma forse è solo invidia… Voto 7.


Bianchi.
La sua prestazione è stata in tema con la casacca indossata stasera: candidamente anonima. Il Toro merita molto di più. Voto 4.5.


Ogbonna.
Qualche suo compagno – vedi l’ex-Manchester City appena citato – forse può permettersi di vivere di rendita, lui no. Il suo contributo è stato pari a quello dei suoi compagni che hanno visto la sfida a bordo campo. Pressochè nullo. Voto 4.5.


Novellino.
Per lui è finita come l’anno scorso: sconfitto per 3-0 e accompagnato fuori dal campo dal coro “Novellino esonerato… Novellino esonerato…” a rimbombargli nelle orecchie. A differenza del passato però Cairo lo terrà ancora per un po’ al suo posto. Se il Torino è la peggior squadra vista a Genova parte delle responsabilità sono sue. Voto 4.


[Articolo per Goal.com del 10 gennaio 2009]

Leggi tutto...

Recensione in anteprima: 'Years of refusal', Morrissey tra ispirazioni e autocitazioni

Strongest. Questo è l’aggettivo più utilizzato da Morrissey per battezzare ‘Years of refusal’, in vendita dal prossimo mese. Tradotto significa che secondo lui questo album è il più potente, intenso e libero da compromessi che abbia mai inciso. Se si riferisce al muro sonoro che lo sostiene (escludendo 'Southpaw Grammar' del '95) forse ha ragione, se sottilmente vuole significare che è il più originale probabilmente sta bluffando. D’accordo che la sincerità non deve essere elemento fondamentale per l’arte, tuttavia la coerenza non guasterebbe. Per carità, non che sia un lavoro da buttare. Dal punto di vista vocale Moz non tradisce (quasi) mai e se dicessi che non mi piace sarei bugiardo. Ma lo sarei altrettanto se non ammettessi che da lui mi sarei aspettato meno autocitazioni e più istinto. Meno clichè e più colpi a sorpresa. Di quelli che ti costringono a far ripartire la traccia senza dar tempo a quella successiva di prendere il sopravvento.

Per i colpi di fulmine ci vuole predisposizione. Non lo nego.
Ma quando dopo sette anni di silenzio ‘You are the quarry’ schizzò nell’immobile stagno musicale del 2004 - e ventitré mesi dopo ‘Ringleader of the tormentors’ si presentò quasi altrettanto ispirato -, la mia espressione era diversa da quella di questo momento. D’accordo che il fanciullesco strabuzzamento degli occhi di fronte ad un disco non deve considerarsi prassi, ma il primo ascolto di ‘Years of refusal’ mi lascia poco convinto. Forse per il senso di disomogeneità che lo permea: più raccolta di brani distinti che opera vera e propria. Lavoro i cui calcoli a tavolino emergono oltre i limiti di un logico sottofondo. Registrato quasi completamente sul finire del 2007 (!), ‘Years of refusal’ ha avuto i primi missaggi nel febbraio 2008. Dopo averne annunciato la pubblicazione nel settembre successivo, rimarrà ancora incatenato dalle regole del marketing sino al prossimo 16 febbraio. Una gestazione quantomeno complicata il cui risultato finale ne risente. Questo attesissimo album contiene 12 tracce fra cui ‘That’s how people grow up’ e ‘All you need is me’ - già presenti nell’ultimo ‘Greatest hits’ – e vari pezzi già rodati da esibizioni live. Fra questi ‘Mama, lay softly on the riverbed’, ‘One day goodbye will be farewell’ e la sfrenata ‘Something is squeezing my skull’, a cui viene saggiamente conferito il ruolo di apripista. Insieme a questa, le mie preferite sono ‘It’s not your birthday anymore’, ‘You were good in your time’ e ‘I’m throwing my arms around Paris’, prescelta come primo singolo e rivestita di una produzione pop che potrebbe renderla ottima b-side per qualsiasi singolo degli Smiths di metà anni Ottanta. Il desiderio di riesumare quell’epoca emerge prepotentemente nel brano di chiusura: ‘I’m ok by myself’ la cui consistenza cita senza alcun pudore le memorabili ‘What she said’, ‘London’ o altre creazioni simili. Tributo o carenza di idee?

Tracklist di ‘Years of refusal’:

01. Something is squeezing my skull

02. Mama, lay softly on the riverbed

03. Black cloud

04. I’m throwing my arms around Paris

05. All you need is me

06. When I last spoke to Carol

07. That’s how people grow up
08. One day goodbye will be farewell

09. It’s not your birthday anymore

10. You were good in your time

11. Sorry doesn’t help

12. I’m ok by myself

Leggi tutto...