Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

sabato 30 agosto 2008

Sampdoria-Inter 1-1: Ibracadabra non basta, Delvecchio ha l’antidoto

A Mourinho il pareggio sarebbe andato bene. Chissà se gli è piaciuta la maniera per come è maturato. Samp-Inter, battesimo del portoghese nel campionato italiano, termina con un 1-1 che premia soprattutto il suo collega Mazzarri. Più bravo nella lettura della sfida anche considerando i limiti degli elementi a rispettiva disposizione. La gara, davvero molto intensa, viene sbloccata al 33’ da un’invenzione di Ibrahimovic sostenuta da Mancini al 33’, e chiusa al 67’ da un esterno destro di Delvecchio agevolato da un Julio Cesar poco reattivo.

In campo – Mazzarri non recupera Bonazzoli e, qualche metro dietro Cassano, inserisce Delvecchio per un 3-5-1-1 di sostanza. Dall’altra parte Mourinho, nel suo 4-3-3, inserisce dal primo minuto l’esperienza di Figo tenendo in ghiaccio l’effervescenza di Balotelli. Insieme al portoghese sarà Mancini a supportare lateralmente Ibrahimovic. Il resto è storia annunciata.

Si gioca - Parte meglio l’Inter, regge e si propone con altrettanta convinzione la Samp. Ma il risultato si sblocca solo grazie ad un’invenzione da fuoriclasse. La Samp ne ha un paio (Cassano e Palombo), l’Inter di più. Fra questi Ibra e Mancini che confezionano uno scambio al volo perfezionato con un diagonale dello svedese, Campagnaro e Mirante possono solo fare da spettatori. Prima dello scadere il risultato potrebbe tornare in parità ma sia un’avventata deviazione arretrata di Stankovic, sia un interno destro su punizione di Palombo escono di poco. La ripresa propone una Samp molto aggressiva che rischia al 47’ su destro Muntari e trova nuova energia dieci minuti dopo quando Padalino prende il posto di Stankevicius. Al 64’, mentre i padroni di casa stanno ancora recriminando per un tocco proibito di Zanetti nella sua area, Mourinho inserisce Balotelli per Mancini. Ma al 67’ la Samp acciuffa il meritato pareggio con un tocco ravvicinato di Delvecchio che sorprende Julio Cesar. Poco dopo Cassano finalizzare un contropiede liscio come l’olio a causa del recupero di Materazzi. Neppure il doppio ingresso di Crespo e Jimenez per Muntari e Figo cambia l’inerzia di una sfida che si conclude con una Samp più pericolosa al punto che all’86’ Julio Cesar deve imitare Superman per neutralizza alza da tre metri.

La chiave – E’ il 57’ quando Mazzarri richiama Stankevicius per inserire Padalino. La presenza dell’ex piacentino consente a Delvecchio di scrollarsi di dosso la pressione prendendo coraggio e facendosi trovare al momento giusto nel posto giusto.

La chicca – Il triplo scambio al volo tra Ibra e Mancini è un gioco di prestigio che incanta la difesa doriana, colpevole spettatrice della meraviglia.

Top&Flop
– Ibrahimovic si batte come un leone proponendosi in avanti e rientrando per coprire. Entrambe le cose le fa in maniera eccellente. Stasera Mazzarri è stato audace e fortunato. Cosa gli si può chiedere di più?
Figo passa un intero tempo muovendosi sempre un po’ più lentamente dei compagni. Nella ripresa comincia meglio ma dopo 26’ viene sostituito da Jimenez. Rosetti dirige a corrente alternata, indeciso nelle occasioni delicate verificatesi in area e tappandosi occhi e orecchie anche quando qualche insulto era percepibile persino dagli spalti.

TABELLINO:
SAMPDORIA-INTER 1-1 (primo tempo 0-1)
MARCATORI: 33’ Ibrahimovic (I), 67’ Delvecchio (S).
SAMPDORIA (3-5-1-1): Mirante 6.5; Campagnaro 7 (dal 78’ Lucchini sv), Gastaldello 6, Accardi 6; Stankevicius 6.5 (dal 57’ Padalino 7), Sammarco 6.5, Palombo 7, Franceschini 6, Pieri 6; Cassano 6.5, Delvecchio 7 (dall’85’ Dessena sv). (Fiorillo, Ziegler, Fornaroli, Bottinelli). All. Mazzarri 7.
INTER (4-3-3): Julio Cesar 5; Maicon 6, Cambiasso 6, Materazzi 6, Maxwell 6; Zanetti 6.5, Stankovic 6, Muntari 6.5 (dal 71’ Crespo sv); Figo 5.5 (dal 71’ Jimenez sv), Ibrahimovic 7.5, Mancini 7 (dal 63’ Balotelli 6). (Toldo, Cordoba, Cruz, Dacourt). All. Mourinho 5.5.
ARBITRO: Rosetti di Torino 5.
AMMONITI: Muntari (I), Figo (I), Sammarco (S), Padalino (S) per gioco falloso.
RECUPERI: 1' p.t.; 3' s.t.
[Articolo per Goal.com di sabato 30 agosto 2008]

Leggi tutto...

QPR, punto sofferto a Bristol. Ledesma espulso

Bristol City-QPR 1-1. Botta e risposta nel primo tempo fra Blackstock e Leigertwood. Poi un’ingenua espulsione di Ledesma costringe il QPR a serrare i ranghi per resistere agli assalti del Bristol. Cerny è il migliore in campo.

Sulle rive dell’Avon gli Hoops arrivano spinti dall’entusiasmante gara di coppa conto il Carlisle. Partono bene e impiegano solo 18’ per passare in vantaggio con un sinistro ravvicinato di Blackstock che raccoglie un traversone di Leigertwood. Gli avversari sembrano accusare il colpo. A capirlo più di tutti è Ledesma sfiorando il raddoppio due volte mentre la lancetta compie il 22’ giro. Ma sia Adebola sia il portiere Basso gli negano il gol. Quando la porta dei Robins sembra essere sul punto di capitolare è invece il nigeriano Adebola, al 25’, ad agguntare il risultato superando Cerny su assist di Wilson. Nove minuti più tardi l’estremo difensore ospite è decisivo a neutralizzare di pugno un tentativo di Johnson. La gara approda all’intervallo con Deadman che, poco prima della pausa, estrae il giallo per Ledesma e Cook. Proprio quello dedicato all’argentino, reo di eccessive proteste, si rivela importante perché precede un altro mostrato dopo 7’ della ripresa. Con un uomo in meno e la necessità di limitare i rischi Dowie corre ai ripari: esce Cook, entra Rowlands. I padroni di casa ora appaiono più convinti. Fontaine al 56’ manda la palla oltre la traversa con una volèe di sinistro. Poi Williams subentra a Skuse. Proprio il neo-entrato, insieme a Johnson e McIndoe, si rivela il più attivo datore di lavoro di Cerny. In dieci il QPR fatica parecchio facendosi notare solo al 66’ con una punizione di Parejo, ultimo gesto prima di accomodarsi in panchina per lasciare il posto ad Agyemang. Basso, unico portiere brasiliano a giocare in Inghilterrra, può così dormire sonni tranquilli sino al 79’. A svegliarlo è una punizione di Leigertwood. Nulla di sconvolgente, ma comunque utile a tirare un po’ il fiato in vista della prevedibile apnea finale. L’assalto è di quelli seri ma Cerny non è da meno e regge anche ai 4’ di recupero prima di uscire da Ashton Gate con un bel punto tenuto stretto stretto fra i guanti.


TABELLINO:
Bristol City: Basso, Orr, Carey, Fontaine, McAllister (Webster 55), Wilson (Sproule 79), Skuse (Williams 57), Johnson, McIndoe, Adebola, Maynard.
Subs Not Used: Weale, Brooker.
Booked: Orr, Sproule.
Goals: Adebola 25.
QPR: Cerny, Ramage, Stewart, Connolly, Delaney, Ledesma, Leigertwood, Mahon, Cook (Rowlands 54), Parejo (Agyemang 76), Blackstock.
Subs Not Used: Camp, Gorkss, Balanta.
Sent Off: Ledesma (50).
Booked: Ledesma, Cook, Rowlands, Blackstock.
Goals: Blackstock 18.
Att: 17,543
Ref: Darren Deadman (Cambridgeshire).

Leggi tutto...

martedì 26 agosto 2008

Depeche Mode, nuovo / new album & tour 2009

E' confermato. Lunedì 6 ottobre i Depeche Mode terranno una conferenza stampa all'Olympiastadion di Berlino per presentare i dettagli del nuovo album e del tour promozionale (denominato 'Tour of the Universe 2009') la cui prima tappa a maggio 2009 dovrebbe essere l’Hayarkon Park di Tel Aviv il 10 maggio. La città israeliana è quella che il 3 agosto 2006 era stata designata come ultima stazione del ‘Touring The Angel’, ma il cui concerto venne annullato per lo scoppio della seconda Intifada. In questi giorni Martin, Dave e Fletch stanno proseguendo la lavorazione del 12° album di inediti, il cui titolo non è ancora stato definito. Certo invece il nome di colui che si occuperà della parte grafica delle prossime produzioni. Si tratta di Anton Corbijn.

Dopo un incontro preparatorio a metà marzo per tracciare la timeline e ascoltare i demo, la prima sessione in studio si è svolta a Santa Barbara, città dove risiede Martin Gore (e dove è stata scattata la foto a corredo di questo post), dal 5 al 30 maggio. A questa è seguita una seconda tranche newyorchese dall’8 luglio all’1 agosto in uno studio di Manhattan. La band, Ben Hillier - già produttore di ‘Playing the Angel’ del 2005 - e membri della sua 140dB tra cui il programmatore Luke Smith e l’ingegnere del suono Ferg Peterkin, ha preso in considerazione 14 demo (
che Fletcher ha definito “molto elettronici”) composti da Gore e pre-prodotti nel suo studio casalingo con Sie Medway-Smith. A questi sono stati aggiunti alcuni brani scritti da Gahan. Alle registrazioni hanno partecipato anche Christian Eigner, Andrew Phillpott e Kurt Uenala (K10K), collaboratori di Dave Gahan per il suo lavoro solista ‘Hourglass’. Le fasi di missaggio e masterizzazione del disco sono previste in autunno, probabilmente in uno studio londinese. Il primo singolo dovrebbe essere pubblicato verso fine anno, mentre per ascoltare il nuovo album occorrerà attendere la primavera del 2009.

Nel frattempo il 4 agosto i Depeche Mode hanno tagliato i fili che li legavano alla Warner Music Group, major per il mercato statunitense, restando però legati alla EMI (acquirente della Mute nel 2002) per quanto concerne la distribuzione europea. Jonathan Kessler, manager della band, ha recentemente costituito la Good Boy Productions insieme a Dave Holmes, curatore degli interessi dei Coldplay, ed è possibile che nel prossimo futuro il gruppo torni ad autogestirsi come accadeva nei primi anni di carriera. E' anche possibile che i DM decidano di firmare con Live Nation seguendo le orme di Madonna e Nickleback, anch’essi liberatisi dal regime di Tom Whalley.

Insieme al nuovo disco è cominciata l’organizzazione del prossimo tour promozionale il cui ambito visuale (disegno del palco e proiezioni) sarà ancora affidato ad Antonon Corbijn. Fonti attendibili ne annunciano il via a Maggio 2009 all’Hayarkon Park di Tel Aviv. In questi giorni filtrano indiscrezioni su altre possibili date che al momento non hanno ancora l’ufficialità. Eccole: a maggio i Depeche Mode dovrebbero esibirsi ad Atene, Sofia, Bucarest, Belgrado, Budapest e Bratislava. A giugno invece dovrebbero essere di scena a Werchter e Varsavia oltre che nelle seguenti città secondo il seguente calendario:
10.05 - Tel Aviv (Hayarkon Park)
12.05 - Atene (?)
14.05 - Istanbul (?)
04.06 - Düsseldorf (LTU Arena)
10.06 - Berlino (Olympiastadion)
12.06 - Francoforte (Commerzbank Arena)
13.06 - Monaco di Baviera (Olympiastadion)
17.06 - Amburgo (HSH Nordbank Arena)
22.06 - Bratislava (?)
24.06 - Tallinn (Saku Arena)
25.06 - Praga (Sazka Arena)
27.06 - Parigi (Stade de France)
28.06 - Lione (Halle Tony Garnier)
02.07 - Bergen (?)
La prevendita dei concerti - compresi quelli delle date italiane, ancora da definire - comincerà ad ottobre.
__________________________________________________________

It's confirmed. Monday 6th of October at Berlin's Olympiastadion Depeche Mode will give a press conference to announce the details of their forthcoming album and promotional tour (called 'Tour of the Universe 2009') that should start in Tel Aviv’s Hayarkon Park on 10th May 2009. The same venue chosen to host the final gig of the ‘Touring the Angel’ tour on 3rd August 2006 that was cancelled following the onset of the Second Lebanon War. During these days Martin, Dave and Fletch are working on the 12th studio album. whose title isn't still decided. Anton Corbijn Anton is once again the responsible party for all things sleeve-ish on the upcoming releases.

After a preliminary meeting before Easter during which they made a rough time line and listened to demos. The first studio session took place in Santa Barbara, city where Martin Gore lives (and where the picture included in this post was taken), from 5th to 30th May. It was followed by a second session in New York from 8th to 1st August into a studio in Manhattan. The band, Ben Hillier - who was also responsible for the production of ‘Playing the Angel’ - and members of his 140dB including the engineer/programmer Luke Smith and recording engineer Ferg Peterkin, are working on 14 demos (that Fletcher defines "very electronic") written by Gore in his home studio and pre-produced with Sie Medway-Smith. A few of Dave Gahan's demos were included too. At the first recordings took part also Christian Eigner, Andrew Phillpott and Kurt Uenala (K10K) who worked with the lead singer for his solo album 'Hourglass'. The mixing and mastering stage is set for autumn and most probably will take place in a London studio. At the moment the first single is scheduled to be released on the end of this year, while the new album is scheduled for spring 2009.

Last 4th August Depeche Mode severed ties with Warner Music Group, major that supported the band in the USA, confirming the contract signed to EMI (that acquired Mute in 2002) for the European market. The band manager Jonathan Kessler has recently joined up with Coldplay Dave Holmes to form Good Boy Production, so it's possible that the band could be going completely independent overseeing their releases stateside themselves as happened in the past. It's even possible that DM will sign with Live Nation group following the footsteps of Madonna and Nickelback, who left the Tom Whalley regime too.

The recordings for the new album and the planning of the next promotional tour are working out at the same time. Anton Corbijn will be involved with the design of the stage and the projections. According to reliable sources tour should start in May in Tel Aviv’s Hayarkon Park. More news about further (but still unconfirmed) dates are leaking out. Here they are: in May Depeche Mode should perform in Athens, Sofia, Bucharest, Belgrade, Budapest and Bratislava. In June they will be on stage in Werchter, Warsaw and in these cities with this calendar:
10.05 - Tel Aviv (Hayarkon Park)
12.05 - Athens (?)
14.05 - Istanbul (?)
04.06 - Düsseldorf (LTU Arena)
10.06 – Berlin (Olympiastadion)
12.06 – Frankfurt (Commerzbank Arena)
13.06 - München (Olympiastadion)
17.06 – Hamburg (HSH Nordbank Arena)
22.06 - Bratislava (?)
24.06 - Tallinn (Saku Arena)
25.06 - Prague (Sazka Arena)
27.06 - Paris (Stade de France)
28.06 - Lyon (Halle Tony Garnier)
08.07 - Bergen (?)
The advance sale of tickets – Italian gigs included – will start in October.

Leggi tutto...

domenica 24 agosto 2008

QPR, basta mezz'ora per domare il Doncaster

QPR-Doncaster Rovers 2-0. E' un toc... toc... che fa tremare i muri di Loftus Road quello che giunge alla porta del "vecchietto" Neil Sullivan prima che scocchino le 3.30 pm londinesi a marcare un QPR-Doncaster già pronto per passare agli archivi. A disturbare l'estremo difensore sono i ragazzi terribili Dexter Blackstock e Emmanuel Ledesma: l'oxfordiano correggendo in porta un cross dalla sinistra di Parejo, l'ottimo argentino trasformando in scheggia un pallone offertogli da Leigertwood e calciato di sinistro. Per l'ex-genoano si tratta di un premio meritatissimo dopo gli elogi e i due legni colpiti nelle gare d'esordio. La gara scivola via con gli Hoops sempre più padroni del campo, forti anche del fatto che Dowie stavolta non sbaglia nulla costringendo i Rovers a girare a vuoto al punto che Cerny deve intervenire seriamente solo al 52' su tiraccio di Wellens. Per il resto il portiere ceco svolge ordinaria amministrazione e fa ginnastica per non intorpidire i muscoli. Anche Rowlands, entrato in campo al 78', cerca gloria sfiorando la traversa e niente più. Nemmeno imprecazioni. Evidentemente i duri confronti tra squadra e tecnico, scorie dell'imbarazzante scivolone di Sheffield, sono stati utili.

TABELLINO:
QPR: Cerny, Delaney, Hall (Connolly 29), Ramage, Stewart, Cook (Balanta 72), Mahon, Leigertwood, Parejo (Rowlands 78), Ledesma, Blackstock.
Subs Not Used: Camp, Di Carmine.
Booked: Parejo.
Goals: Blackstock 5, Ledesma 28.
Doncaster: Sullivan, O'Connor, Roberts, Mills (Van Nieuwstadt 57), Hird, Guy (Chambers 84), Stock, Wellens, Coppinger, Hayter, Taylor (Elliott 84).
Subs Not Used: Woods, Spicer.
Att: 15,536
Ref: Mike Thorpe (Suffolk).

Leggi tutto...

giovedì 21 agosto 2008

113 indimenticabili secondi: ‘Sometimes’ dei DM

Sometimes / Only sometimes / I question everything / And I'm the first to admit / If you catch me in a mood like this / I can be tiring / Even embarrassing / But you must / Feel the same / When you look around / You can't tell me honestly / You're happy with what you see / Oh sometimes / Only sometimes / You must be... / You must be... / As embarrassing as me / Sometimes

Semplice. Meravigliosa anche per questo. ‘Sometimes’ dei Depeche Mode è una delle cose più piacevoli in cui intingere anima e pensieri. E’ delicata, di poche parole e sincera. Quindi da apprezzare lontano dalla confusione. E’ come dovrebbe essere un’amica vera, insomma. E, proprio come un’amica vera, se la incontri nei momenti importanti è poi impossibile dimenticarla. Non so se altri occhi, oltre ai miei, leggeranno questo post. Chi ci si imbatterà conoscendo questa piccola gemma (incastonata in ‘Black Celebration’ del 1986) sa cosa intendo. Se invece ne è all’oscuro ora può dedicare due nuovi intensi minuti alla propria vita. E molti altri in futuro.

Qualche volta
Solo qualche volta
Metto in discussione ogni cosa
E sono il primo ad ammettere
che quando mi vedi di questo umore
Posso essere noioso
Persino imbarazzante
Ma tu devi
Provare le stesse cose
Quando ti guardi attorno
Non puoi onestamente dirmi
Che sei contenta di quel che vedi
Oh, qualche volta
Solo qualche volta
Devi essere…
Devi sentirti…
Imbarazzante quanto me
Qualche volta

Leggi tutto...

lunedì 18 agosto 2008

Coldplay, splendido video-omaggio ai Depeche Mode e al genio di Anton Corbijn

Ci sono band che si crogiolano nel proprio narcisismo, altre talmente grandi da sentirsi libere di omaggiare i loro miti. E' il caso dei Coldplay il cui singolo 'Viva la Vida' è accompagnato da due video, il secondo dei quali è una cover di 'Enjoy the Silence' dei Depeche Mode diretto dal magnifico Anton Corbijn. Per ammirarlo basta cliccare QUI. Vedere Chris Martin indossare le vesti regali aggirandosi per il mondo nell'ideale prosecuzione del cammino iniziato da Dave Gahan nel 1989 è cosa assolutamente da non perdere. Bella anche l'idea di sostituire la celeberrima sedia sdraio, portata rigorosamente sotto braccio, con il quadro di Delacroix 'La Libertà che Guida il Popolo', il dipinto scelto come copertina del loro ultimo album 'Viva la Vida or Death and All His Friends'. Sul proprio sito ufficiale i Coldplay presentano Il video con una dedica: "Questo nostro tentativo di realizzare una video cover nasce dall'amore per i Depeche Mode e per il genio di Anton Corbijn". Per vedere la versione di 'Enjoy the Silence' dei Depeche Mode cliccare QUI.
Il primo clip di 'Viva la Vida' - quello girato a scopi prettamente promozionali - è tecnicamente sofisticato e mostra i membri della band londinese quasi immersi nella tela di Delacroix simbolo del loro ultimo cd. Eccolo QUI.

Leggi tutto...

sabato 16 agosto 2008

QPR, tre schiaffi di Sharp. Lo Sheffield Utd dilaga

Sheffield United-QPR 3-0. L'hat-trick di Billy Sharp (di testa, di destro e di sinistro!) affonda un QPR nei primi 20' sorpreso dalla partenza di uno Sheffield United molto più concreto. Così come sabato scorso la gara inizia subito ad handicap, con un uno-due dei padroni di casa in vantaggio al 3' e bravi a trovare la seconda rete al 13'. Le speranze degli Hoops vengono definitivamente soffocate dopo 6' di gioco del secondo tempo quando, ancora il ventiduenne ex-Scunthorpe, batte per la terza volta Cerny vittima anche di una serie di amnesie dei suoi compagni di reparto. Per i Blades il pomeriggio è di quelli memorabili. Anche dal punto di vista della buona sorte. La conferma giunge al 63' quando un sinistro di Ledesma, ancora tra i migliori in campo, viene respinto da un palo. Per Dowie, la cui posizione inizia davvero ad essere in bilico al di là di dichiarazioni di facciata, è momento di dare sostanza al lavoro svolto. Magari cercando di compattare al meglio il gruppo di elementi a sua disposizione.

TABELLINO:
Sheff Utd: Kenny, Halford (Cotterill 66), Naysmith, Morgan (Ehiogu 34), Kilgallon, Jihai, Speed, Tonge, Quinn, Sharp (Webber 83), Henderson.
Subs Not Used: Stead, Spring.
Booked: Halford.
Goals: Sharp 3, 13, 51.
QPR: Cerny, Delaney, Hall, Gorkss, Connolly, Leigertwood, Parejo, Cook (Alberti 80), Ledesma, Balanta (Di Carmine 46), Blackstock.
Subs Not Used: Camp, Stewart, Mahon.
Att: 25,273
Ref: Graham Laws (Tyne & Wear).

Leggi tutto...

mercoledì 13 agosto 2008

The Cure, il video di 'The Perfect Boy' è online

Proprio oggi, in occasione della sua pubblicazione ufficiale, è stato reso disponibile il video promozionale di 'The Perfect Boy'. Per vederlo è sufficiente cliccare QUI. Come gli altri che l'hanno preceduto anche questo, dedicato al quarto (e ultimo) singolo estratto dal nuovo album, è stato registrato da una troupe di MTV inglese. E' probabile che in futuro ne venga rilasciata una nuova versione "casalinga" registrata da alcuni amici e parenti dei Cure in una sessione successiva a quella ufficiale.

Leggi tutto...

domenica 10 agosto 2008

Cure, i testi di 'The Perfect Boy' e 'Without You'

Ecco, in anteprima, i testi dei brani che comporranno il quarto e ultimo singolo dei Cure in uscita il 13 agosto: 'The Perfect Boy (Mix 13)' e 'Without You'.

THE PERFECT BOY (MIX 13) - 3:23
(Smith/Gallup/Cooper/Thompson)

“YOU AND ME ARE THE WORLD”
SHE SAID“
NOTHING ELSE IS REAL
THE TWO OF US IS ALL THERE IST
HE REST IS JUST A DREAM…
ALWAYS MEANT TO BE
I CAN FEEL IT
LIKE A DESTINY THING
WRITTEN IN THE STARS
INESCAPABLE FATE
Yeah IT’S OUT OF MY HANDS
FALLING INTO YOUR ARMS”

“AND I DON’T WANT TO GET INNOCENT
BUT I WOULD LOVE YOU TO TAKE MY TIME
WERE ON THE EDGE OF A BEAUTIFUL THING”
SHE SAID
“COME ON…
LET’S STAY HERE FOR A WHILE”

Oh GIRL!
HE IS THE ONE FOR SURE
Oh GIRL!
HE IS THE PERFECT BOY

“Yeah ME AND YOU ARE A WORLD”
HE SAID“
BUT NOT THE ONLY ONE I NEED
THE TWO OF US IS NEVER ALL THERE IS
THAT DOESN’T HAPPEN FOR REAL
IF IT WAS MEANT TO BE US
IT WAS MEANT TO BE NOW
DON’T SEE THE SENSE IN WASTING TIME
IF YOU’RE SO SURE ABOUT THIS
LAUREL KISMET HARDY THING
YOU KNOW TONIGHT YOU’RE MINE”

“AND I DON’T WANT TO GET OBVIOUS
BUT I HAVE TO BE GONE BY THREE
WERE ON THE EDGE OF A BEAUTIFUL THING”
HE SAID“
SO COME ON…
JUMP WITH ME”

Oh GIRL!
HE’S NOT THE ONE FOR SURE
Oh GIRL!
HE’S NOT SO WONDERFUL
Oh GIRL!
HE’S NOT THE ONE FOR SURE
Oh GIRL!
HE’S NOT THE PERFECT BOY AT ALL

“YOU AND ME ARE THE WORLD”
SHE SAYS“
NOTHING ELSE IS REAL
THE TWO OF US IS ALL THERE IS
THE REST IS JUST A DREAM… ”

AND HER HEART MAY BE BROKEN
A HUNDRED TIMES
BUT THE HURT WILL NEVER DESTROY
HER HOPE…
THE HAPPY EVER AFTER GIRL
ONE DAY FINDS THE PERFECT BOY

---------------------------------------------------------------

WITHOUT YOU - 4:11
(Smith/Gallup/Cooper/Thompson)

ANYTHING AT ALL
BUT YOU KNOW I CAN’T STOP
IT’S LIFE ON THE MOON
ALL THIS TALK OF GIVING UP
LIFE IS TOO SHORT
FOR IT NOT TO BE TRUE
THE BEST IDEA I THINK
IS FOR ME TO GO MY WAY…

ANYTHING AT ALL
BUT DON’T WANT ME TO CHANGE
HARD TO UNDERSTAND
WHEN A PLAN IS THIS STRANGE
AND LIFE IS TOO BIG
Yeah IT HAS TO BE TRUE
Oh THE BEST IDEA I THINK
IS FOR ME TO GO MY WAY…

IF ALL THAT YOU WANT
IS HOW IT COULD BE
YOU MAY AS WELL GO NOW
THERE’S NO WAIT AND SEE…

ANYTHING AT ALL
BUT DON’T ASK ME TO FADE
YOU HAVE TO ACCEPT
I CAN’T EVER PLAY SAFE
LIFE IS TOO REAL
FOR IT NOT TO BE TRUE
Oh THE BEST IDEA I THINK
IS FOR ME TO GO MY WAY…

IF ALL THAT YOU WANTI
S HOW IT COULD BE
YOU MAY AS WELL GO
NO THERE’S NO WAIT AND SEE
IT WILL ALWAYS BE WRONG
IF ALL I WON’T GIVE
IS ALL THAT YOU WANT
IT’S A STRANGE WAY
TO LIVE AND LET LIVE
WHEN ALL THAT YOU DO
IS MEASURE ME UP
FALLING SHORTER THAN YOU
IT’S A STRANGE WAY TO LOVE
ALL THIS ‘BE AS I WANT’
WHEN I KNOW THAT YOU KNOW
I CAN’T FADE
CHANGE
OR STOP

SO ANYTHING AT ALL
BUT YOU KNOW I WON’T CHOOSE
IF ALL YOU COULD WIN
IS ALL I WOULD LOSE
WHEN LIFE IS TOO RARE
Yeah IT HAS TO BE TRUE
THE BEST IDEA I THINK
IS FOR ME TO GO MY WAY……

without you


Leggi tutto...

sabato 9 agosto 2008

QPR, che bell'esordio! Hall mette ko il Barnsley

QPR-Barnsley 2-1. Comincia nella maniera migliore il nuovo campionato del Queens Park Rangers. Messi subito da parte gli scivoloni delle ultime amichevoli, i londinesi all’esordio ottengono il successo pieno ai danni di un Barnsley illuso dal momentaneo vantaggio siglato da Hume dopo soli 5’.
L’eroe della sfida è Fitz Hall. E’ lui a regalare il successo pieno agli Hoops orfani degli infortunati Vine e Buzsaki e con Rowlands, Stewart e Di Carmine appiedati dal giudice sportivo. Lo ha fatto realizzando due gol decisivi nell’arco di un paio di minuti: al 29’ raccogliendo una punizione del bravissimo italo-argentino Ledesma respinta dal palo e al 31’ deviando la sfera in rete a seguito di un corner calciato dalla destra da Cook. La doppietta gli vale il perdono per aver tenuto in bilico il risultato gettando un penalty tra le manone di Steele ad inizio ripresa. Proprio nel secondo tempo la squadra di Dovey ha tirato fuori il meglio di se stessa approfittando dei generosi spazi concessi dalla retroguardia di casa. La compagine di Dowie ha legittimato il successo grazie al proprio spirito di sacrificio e ad un'organizzazione di gioco sufficiente a garantire una positiva gestione del match. Gli ospiti hanno chiuso la gara in inferiorità per l'espulsione di Van Homoet a sette minuti dalla fine per fallo su Ledesma, il migliore in campo.

TABELLINO:
QPR: Cerny, Ramage, Hall, Gorkss, Delaney, Agyemang (Parejo 72), Mahon, Leigertwood, Ledesma (Alberti 84), Cook, Blackstock.
Subs Not Used: Camp, Connolly, Balanta.
Booked: Cook.
Goals: Hall 29, 31.
Barnsley: Steele, Devaney, Moore, Foster, Hassell (Leon 85), De Silva, Howard, Van Homoet, Hume, Macken (Odejayi 85), El Haimour (Rigters 75).
Subs Not Used: Kozluk, Mostto.
Sent Off: Van Homoet (83).
Goals: Hume 5.
Att: 14,964
Ref: Neil Swarbrick (Lancashire).

Leggi tutto...

10 cose da NON fare... per vivere felici e contenti

Dopo il decalogo sulle cose da fare ecco quello su ciò che bisognerebbe accuratamente evitare. Anche in questo caso l'ordine interno è completamente modificabile.

01. Resistere alle tentazioni.
02. Conoscere i propri idoli.
03. Credere a televisioni, giornali e media in generale.
04. Dare lezioni di moralismo.
05. Ordinare un caffè in Francia o in Germania.
06. Illudersi che il campionato italiano di calcio sia senza trucchi e inganni.
07. Lavorare per fare arricchire gli altri.
08. Pensare di conoscere a fondo qualcuno.
09. Apprezzare la massa.
10. Dare retta a CHIUNQUE intenda dispensare consigli per vivere felici e contenti… 8)

Leggi tutto...

10 cose da fare... per vivere felici e contenti

Come Rob Fleming - protagonista di ‘Altà Fedeltà’, bellissimo libro di Nick Hornby - anch’io ho deciso di stilare qualche personalissima classifica. Lui amava elencare le top five su qualsiasi argomento. Io, che sono MOOOLTO più pigro, mi limiterò a rarissime top ten il cui ordine interno è assolutamente variabile. Ecco la prima:

01. Avere sogni impossibili.
02. Viaggiare almeno 60 giorni all’anno.
03. Fare sesso.
04. Racimolare soldi e coraggio per mollare tutto e trasferirsi a Kalbarri (Australia), in qualche amena cittadina dell’Inghilterra meridionale o (se amanti della confusione) nella catalana Barcellona.
05. Guardare ‘Il Cielo Sopra Berlino’ di Wim Wenders e pensare che gli angeli esistano per davvero.
06. Navigare su internet.
07. Ricordarsi che chi non ci vuole non ci merita. E che, se cambiasse idea, il tempo sprecato sarebbe il nostro e non il suo.
08. Sapere che le regole del gioco sono mortalmente noiose. E che proprio questa è la crudele bellezza della vita.
09. Abbuffarsi di penne al pesce spada cucinate al Castello Due di Genova Nervi. Ed annaffiarle con dell’autentica Crown Lager, che lì non hanno…
10. Amare se stessi. Perché, come diceva il buon Oscar Wilde, è l’inizio di un idillio che dura tutta una vita.

Leggi tutto...

The Cure, si alza il velo su ‘Hypnagogic States’

Robert Smith ha ufficializzato i dettagli dell’ep ‘Hypnagogic States’: dall’artwork della copertina che correda questo post, alla tracklist definitiva:
01. ‘The Only One’ remixed by Jared Leto (30 Seconds to Mars)
02. ’Freakshow’ remixed by Jade Puget (AFI)
03. ’Sleep When I'm Dead’ remixed by Gerard Way (My Chemical Romance) & Julien-K
04. ’The Perfect Boy’ remixed by Pete Wentz & Patrick Stump (Fall Out Boy)
05. ‘Exploding Head Syndrome' all 4 singles remixed by 65 Days Of Static
Questo extended play sarà distribuito su cd e in versione digitale dal prossimo 13 settembre. Tutte le royalties della vendita saranno devolute in beneficenza alla Croce Rossa Internazionale.
I fantastici 65 Days of Static, autori del megamix di 21 minuti 'Exploding Head Syndrome', sono anche autori di un nuovo remix di 'The Only One' disponibile però solo su iTunes.

Leggi tutto...

giovedì 7 agosto 2008

The Cure, il video di ‘Sleep When I’m Dead’

Ancora una volta è un video girato negli studi inglesi di MTV a fare da promo per il terzo nuovo singolo dei Cure ‘Sleep When I’m Dead’. Per vederlo basta cliccare QUI. Lo stile rispecchia quelli che l’hanno preceduto (‘The Only One’ e ‘Freakshow’) e quello di prossima presentazione: ‘The Perfect Boy’, quarto e ultimo estratto dal nuovo album in uscita il prossimo 13 ottobre. Di tutti questi brani esistono versioni decisamente meno patinate montate con riprese amatoriali effettuate da amici e parenti la sera stessa in cui MTV ha girato i “suoi” clips. Al momento però la band ne ha concesso solo brevissime anteprime sul proprio sito ufficiale.

Leggi tutto...