Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

martedì 28 aprile 2009

Depeche Mode, ‘Peace’ sarà il nuovo singolo

Sarà ‘Peace’ il nuovo singolo dei Depeche Mode ad essere estratto da ‘Sounds of the Universe’. A rivelarlo è stato ieri Chris Evans di BBC Radio 2 durante il suo ‘Drivetime Show’ del pomeriggio. Nell’occasione il dj ha anche trasmesso in anteprima il brano che, in questa veste, è leggermente diversa rispetto a quella dell’album. ‘Peace’ uscirà ufficialmente il 15 giugno e, come consuetudine, ne saranno realizzati diversi remixes. In attesa di nuovi dettagli ecco il testo:

Peace will come to me
Peace will come to me
I’m leaving bitterness behind
This time I’m cleaning up my mind
There is no space for the regrets
I will remember to forget

Just look at me
I am walking love incarnate
Look at the frequencies of which I vibrate
I’m going to light up the world
Peace will come to me
Peace will come to me
I’m leaving anger in the past
With all the shadows that it cast
There is radar in my heart
I should have trusted from the start
Just look at me
I am a living act of holiness
Giving all the positive virtues that I possess
I’m going to light up the world
Peace will come to me
Just wait and see
Peace will come to me
It’s meant to be
Peace will come to me
Just wait and see
Peace will come to me
It’s inevitability

Leggi tutto...

Sorprese

Scomposto passo in scomposto cammino. Non sempre le sorprese si fanno annunciare da fili di fumo. E prima o poi anche le Barclay rosse diventeranno fuorilegge. Almeno nei miei princìpi. Più spesso le sorprese giungono improvvise, intrinsecamente maleducate. Ciò che è stato è stato. Le rievocazioni del passato servono solo ad acuirne l’inutilità. Pinguedine degli anni. Arrotolati su se stessi come embrioni. Perché Wilde aveva capito l’antifona quando asseriva che l’anima nasce vecchia per morire giovane. Così è. Piaccia o no. Punto.

Leggi tutto...

Depeche Mode, tutti i testi di/all the lyrics of ‘Sounds of the Universe’

Questi sono i testi dei brani inclusi in ‘Sounds of the Universe’ recentissimo lavoro dei Depeche Mode. Tutti sono stati composti da Martin Lee Gore ad eccezione di 'Hole to Feed', 'Come Back' e 'Miles Away / The Truth Is' scritti da Dave Gahan insieme a Christian Eigner e Andrew Phillpott già suoi collaboratori per 'Hourglass', album solista del 2007.

‘In Chains’

The way you move
Has got me yearning
The way you move
Has left me burning
I know you know what you’re doing to me
I know my hands will never be free
I know what it’s like to be
In chains

The way you move
Is meant to haunt me
The way you move
To tempt and taunt me
I know you knew on the day you were born
I know somehow I should’ve been warned
I know I walk every midnight to dawn
In Chains
In chains, I’m in chains
In chains, I’m in chains
You’ve got me dying for you
Its you that I’m living through
You’ve got me praying to you
Saying to you anything you want me to
You’ve got me reaching for you
My soul’s beseeching me too
You’ve got me singing to you
Bringing to you anything you ask me to
The way you move
Is mesmerizing
The way you move
Is hypnotizing
I know I crumble when you are around
Start to mumble a bit of a false sound
Stagger, stumble, shackled and bound
In chains
In chains, I’m in chains
In chains, I’m in chains
You’ve got me dying for you
Its you that I’m living through
You’ve got me praying to you
Saying to you anything you want me to
You’ve got me reaching for you
My soul’s beseeching me too
You’ve got me singing to you
Bringing to you anything you ask me to
I’m in chains
In chains, I’m in chains
In chains, I’m in chains
In chains, I’m in chains



‘Hole to Feed’

We are here, we can love
We share something
I’m sure that you’ll mean the world to me
When you get, what you need
It’s no way of knowing
What you get is another hole to feed

Your name was the one that was always chosen
Your words and the kindness that set me free
Words can leave you broken inside
You’ll have to decide
I’m hanging onto my pride
We are here, we can love
We share something
I’m sure that you’ll mean the world to me
The shame as a hole that has kept us frozen
You open my eyes to the world I could believe
This world has left me broken inside
I’ll have to decide
I’m hanging onto my pride
Words can leave you broken inside
You’ll have to decide
I’m hanging onto my pride
We are here
This world can leave you broken inside
I’ll have to decide
I’m hanging onto my pride
We are here, we can love
We share something
I’m sure that you’ll mean the world to me
The shame as a hole that has kept us frozen
You open my eyes to the world I could believe



‘Wrong’

I was born with the wrong sign
In the wrong house
With the wrong ascendancy
I took the wrong road
That led to the wrong tendencies
I was in the wrong place at the wrong time
For the wrong reason and the wrong rhyme
On the wrong day of the wrong week
I used the wrong method with the wrong technique
Wrong
Wrong
There’s something wrong with me chemically
Something wrong with me inherently
The wrong mix in the wrong genes
I reached the wrong ends by the wrong means
It was the wrong plan
In the wrong hands
With the wrong theory for the wrong man
The wrong lies, on the wrong vibes
The wrong questions with the wrong replies
Wrong
Wrong
I was marching to the wrong drum
With the wrong scum
Pissing out the wrong energy
Using all the wrong lines
And the wrong signs
With the wrong intensity
I was on the wrong page of the wrong book
With the wrong rendition of the wrong hook
Made the wrong move, every wrong night
With the wrong tune played till it sounded right yeah
Wrong
Wrong
Too long
Wrong
I was born with the wrong sign
In the wrong house
With the wrong ascendancy
I took the wrong road
That led to the wrong tendencies
I was in the wrong place at the wrong time
For the wrong reason and the wrong rhyme
On the wrong day of the wrong week
I used the wrong method with the wrong technique
Wrong



‘Fragile Tension’

There is a fragile tension,
That’s keeping us going.
It may not last forever,
But always flowing.
It’s something magical in the air,
Something’s so tragic we have to care.

There’s a strange obsession,
It’s drawing us nearer.
We don’t understand it,
It never get’s clearer.
It’s something mystical in our dreams,
It’s so simplistic it kicks and screams.
Nothing can keep us down,
Nothing can beat us down.
There’s a dizzying felling,
That’s keeping us flying,
Without even trying,
We’re not even trying.
It’s something radical in our heads,
Nothing logical to our plans



‘Little Soul’

My little light
Is going to shine
Shine out so bright
And illuminate your mind
My little soul
Will leave a footprint
This little voice
Is going to sing
I have no choice
It will infinitely ring

My little soul
Will leave a footprint
I’m channeling the universe
It’s focusing its love inside of me
A Singularity
My little words
Are going to sting
Haven’t you heard
The pain and joy they bring
My little soul
Will leave a footprint
I’m channeling the universe
It’s focusing its love inside of me
A singularity
Your little eyes
They’re going to see
I can’t disguise
The beauty inside me
My little soul
Will leave a footprint



‘In Sympathy’

They’re almost falling over you
Why don’t they call a truce
What ever they are trying to do
Its of little use
They’re drowning you in compliments
Trying to furnish proof
Although they speak with eloquence
There is little truth

You’re bright, you’re strong, you know the right from wrong
At least to some degree
You’re wise, you’re tough, you’ve heard their lies enough
You smile in sympathy
I’m watching your serenity
The way your so transense
The tidiest absurdities
Your patience never ends
And as the night begins to fade
Your heading for the door
Followed by sad parade
Your on your own once more
You’re bright, you’re strong, you know the right from wrong
At least to some degree
You’re wise, you’re tough, you’ve heard their lies enough
You smile in sympathy
You’re bright, you’re strong, you know the right from wrong
At least to some degree
You’re wise, you’re tough, you’ve heard their lies enough
You smile in sympathy



‘Peace’

Peace will come to me
Peace will come to me
I’m leaving bitterness behind
This time I’m cleaning up my mind
There is no space for the regrets
I will remember to forget

Just look at me
I am walking love incarnate
Look at the frequencies of which I vibrate
I’m going to light up the world
Peace will come to me
Peace will come to me
I’m leaving anger in the past
With all the shadows that it cast
There is radar in my heart
I should have trusted from the start
Just look at me
I am a living act of holiness
Giving all the positive virtues that I possess
I’m going to light up the world
Peace will come to me
Just wait and see
Peace will come to me
It’s meant to be
Peace will come to me
Just wait and see
Peace will come to me
It’s inevitability



‘Come Back’

Come back Come back to me
I’ve been waiting patiently
Come back Come back to me
I’ve been waiting here patiently

walking a thin white line
Between love and hate
Wasted all my time
I mean another world
A mean in another place
I could use a little company
A little kindness to go a long way
Weeks turn into months
Months turn into years
Reaching the same conclusions
Gathering up the fear
Come back Come back to me
I’ve been waiting patiently
Come back Come back to me
I’ve been waiting here patiently
Life will long wishes
In the heart of you
And took to reality
Only blindness can hide a way
I could use little richened
A little kindness to go a long way
Weeks turn into months
Months turn into years
Reaching the same conclusions
Gathering up the fear
Leaving the same delusion
Gathering up the fear
Gathering up the fear(3x)
Come back (5x)



‘Spacewalker’
(Instrumental)



‘Perfect’

On another world by another star at another place and time
In another state of consciousness in another state of mind
Everything was almost perfect, everything fell into place,
That you may reach a different verdict,
If all the judges missed the case

In a parallel universe that’s happening right now
Things between us must be worse but it’s hard to see just how
And everything could have been perfect
Everything in the right place
Then I wouldn’t have to play the suspect
Accused, abandoned and disgraced
I didn’t choose, i didn’t pull the trigger
It wasn’t me, i’m just a plain and simple singer
I heard the sound, i turned my head around
To watch our love shot down
In another lonely universe, we’re laying side by side
Well no-ones hurt and no-ones cursed and no one needs to hide
And everything is almost perfect
Everything is almost right
There are never any conflicts
There are never any fights



‘Miles Away / The Truth Is’

It’s one of those conversations
We’ve we’ve had them before
The ones that leave you empty
And wanting for more
Your eyes they tell me something
That I understand
Your eyes they hold the truth
And the truth is:
You’re miles away 3x
Excuse me for my hesitation
‘ave i met you before
Your face seems so familiar
And longing for more
Your eyes they tell me something
That i understand
Your eyes they hold the truth
And a truth is
You’re miles away [3x]
With all your superstitions
And empty lines
I could be just like you
Withdrawn but alive
Life it has its limitations
We all have our needs
Love could be the only answer
It lies underneath
Your eyes they tell me something
That i understand
Your eyes they hold the truth
And a truth is
You’re miles away [3x]



‘Jezebel’

They call you Jezebel
Whenever we walk in
You’re going straight to hell
For wanted acts of sin - they say,
And that I’ll have to pay
But I need you just this way

They call you Jezebel
For what you like to wear
You’re morally unwell
They say you never care for me
But what the fail to see is that your games are the key
Open their eyes to the beauty
Open their hearts to the fun
Open their minds to the idea that you don’t own someone
They call you Jezebel
Whenever men walk by
They say that they can tell
The longing in your eyes is real
And how you really feel
But they can’t see your appeal
Jezebel



‘Corrupt’

I could corrupt you
In a heart beat
You think your so special
Think your so sweet
What are you trying don’t even tempt me
Soon you’ll be crying unwishing you dreamt of be
You’ll be calling out my name
When you need someone to blame

I can corrupt you
It would be easy
Watching you suffer
God, it would please me
I wanna touch you with my little finger
I know it will crush you my memory would linger
You’d be crying out in pain
Begging me to play my games
I can corrupt you
It will be ugly
They could sedate you
But i wanna touch you with my hands on your hips
It would be too much to
Place my lips on your lips
You’ll be calling out my name
Begging me to play my games

Leggi tutto...

sabato 25 aprile 2009

QPR-Plymouth 0-0: Un pari per dare l’arrivederci a Loftus Road. Presentata la nuova casacca

Finisce 0-0 l’ultima gara stagionale dei Rangers a Loftus Road, la prima disputata con la nuova divisa per il 2009-2010. Di fronte un buon Plymouth, deciso a non tornare a casa a mani vuote per evitare complicazioni nella lotta per la salvezza. La penultima tappa di questa travagliata stagione offre una prestazione sufficiente da parte dei ragazzi di Ainsworth, oggi scesi in campo soprattutto per finire il campionato con un minimo di serenità.

Ne scaturisce una gara esteticamente non bella ma comunque viva. Ospiti maggiormente propositivi con gli spreconi Duguid al 17’ e Barnes al 28’, Rangers comunque disposti in maniera ordinata. Al 38’ un tentativo di Leigertwood viene respinto da Gray. Il portiere Larrieu raccoglie praticamente ogni traversone che giunge dalle sue parti e, nel recupero della prima frazione, nega il vantaggio ad Helguson.
Il primo quarto d’ora della ripresa Ainsworth lo usa per mischiare le sue carte. Fuori Cook, Miller e Agyemang, dentro Balanta, Ramage e German. Nel frattempo è lo scozzese Gallagher a sciupare sul fondo una buona opportunità. Il QPR fatica a produrre efficaci incursioni centrali. Il refrain è praticamente una costante replica: rubare palla, provare la profondità esterna e crossare verso l’area. L’unica alternativa concessa dai Pilgrims è allora il tiro da lontano. Intorno all’80’ Connolly ed Helguson provano anche questa soluzione, per entrambi l’esito è pessimo. Il Plymouth è sornione e tira fuori gli artigli all’83’: Mackie impegna Cerny alla respinta, Barnes si avventa sulla sfera per battere a colpo sicuro ma Gorkss è strepitoso nel salvare in tackle. Negli ultimi istanti del match è ancora il portiere dei Rangers a frustrare l’ennesimo tiro di Mackie, mentre è Gallagher ad alzare la mira dai sedici metri.

TABELLINO:
QPR: Cerny, Stewart, Mahon, Cook (56 Balanta), Leigertwood, Routledge, Agyemang (66 German), Gorkss, Connolly, Miller (62 Ramage), Helguson.
Subs not used: Delaney, Hall.
Plymouth Argyle: Larrieu, Duguid, Gallagher, Barker, Sawyer, Seip, Judge, Barnes (84 Fallon), Mackie, Fletcher, Gray.
Subs not used: Saxton, Timar, Clark, Douala.
Booked: Judge, Fletcher.
Att: 14779.
Referee: Nigel S. Miller (Durham).

Leggi tutto...

martedì 21 aprile 2009

Da oggi anch'io sono su Facebook

Da oggi anch’io sono su Facebook. Decisione controversa e, probabilmente, anche poco saggia. Ma sapete com’è, a volte anche commettere errori può avere un senso. Non ho una grande considerazione per i social networks come questo fondato da Mark Zuckerberg nel 2004. Troppi incroci, troppe variabili impazzite. Privacy ridotta al minimo. O forse neppure. L’iscrizione a Facebook la considero una sorta di esperimento fra tanti. E, come gli altri, senza dubbio subordinato allo sviluppo di questo blog. Non so quanto tempo vi resterò registrato. Certamente sino a quando gli svantaggi non inizieranno a spuntare da qualche parte. Ma digitare il mio nome e cognome e scoprire che c’era un omonimo… beh… che insopportabile sensazione! Un po’ come quella messa in musica da Samuele Bersani nel 2000 con 'Non Portarmi Via il Nome', che potete ascoltare cliccando QUI.

Nel frattempo ho scoperto che già dopo pochissime ore c’era chi si ricordava di me e chiedeva la mia amicizia: Rosaria, una carissima amica persa per strada da troppo tempo, più per indolente pigrizia che per reale volontà. Felice di averla ritrovata.

Leggi tutto...

lunedì 20 aprile 2009

Dal film all’emozione: (ri)scoprire Ian Curtis e i Joy Division

Percorso inverso. I Joy Division li puoi scoprire anche così. Merito dello splendido 'Control', film biografico diretto da Anton Corbijn nel 2007, dell’eccezionale documentario omonimo realizzato da Grant Gee e, ovviamente, dei toccanti lavori realizzati dal povero Ian Curtis: ‘Unknown Pleasures’ (1979) e ‘Closer’ (1980). Dedicare qualche ora a questa piccola maratona introspettiva sulla band di Manchester - e sul loro indimenticabile leader - è più che consigliabile. Gli animi sensibili la finiranno con il cuore in gola e qualche lacrimuccia a solcare il viso, ma ne vale assolutamente la pena. Soprattutto se i Joy Division e Ian Curtis li avete solo sentiti nominare o (peggio ancora) neppure quello.

‘Control’ è il primo lungometraggio di Anton Corbijn, fotografo, scenografo e regista olandese assolutamente unico nel panorama mondiale. Cura l’immagine di molte bands, non ultime U2 e Depeche Mode. Si è posto in evidenza realizzando foto e video musicali diventate autentiche icone. Il film segue la traccia della biografia che Deborah, la moglie di Ian, ha scritto alcuni anni fa in memoria del marito. Si tratta di un’opera delicatamente toccante. Senza edulcorazioni e inutili morbosità. Girata a colori ma poi trasferita in un bianco e nero che sfocia in un tumultuoso mare di sfumature. Proprio come la vita del protagonista, affetto da epilessia e morto suicida a 23 anni. Sam Riley, interprete di Ian Curtis, offre una delle migliori reincarnazioni di una celebrità riportata in vita al cinema. Come per le più belle cose il circuito distributivo italiano si è distinto per non aver proiettato ‘Control’ nelle sale nazionali. Meglio così. L’idea di vederne la locandina sbattuta in qualche cineplex, confusa tra quelle di commediole insulse e horrors per teenagers frustrati, mi avrebbe fatto un effetto peggiore. In fondo la miglior cornice per un’opera d’arte cinematografica sta nelle emozioni di chi sa apprezzarla, no? Oh, mi stavo dimenticando: fra i produttori del film vi è anche Martin Lee Gore dei Depeche Mode. Ultimo consiglio: l’ideale è vederlo in inglese ed, eventualmente, con i sottotitoli.

‘Joy Division’ è invece il titolo del documentario di Grant Gee realizzato nel 2007. Il regista, già autore di ‘Meeting People Is Easy’ dedicato ai Radiohead, e di lavori per Oasis, Blur e Badly Drawn Boy, intarsia un interessantissimo mosaico sulla nascita e la parabola della band di Manchester. Interviste a tutti i protagonisti artefici del mito (eccezion fatta per Deborah Curtis), filmati inediti e registrazioni audio ritrovate recentemente su cassetta. Sono incluse interviste a Tony Wilson, boss della Factory Records scomparso nel 2007, e ad Annik Honoré, la giornalista belga che ha avuto una relazione con Ian Curtis. Ritmi serrati e momenti di una profondità talvolta disarmante. Nel suo genere è un prodotto che brilla per stile e autorevolezza.

Leggi tutto...

sabato 18 aprile 2009

Wolverhampton-QPR 1-0: E’ lì la festa! I Wolves sono meritatamente promossi in Premiership

Il 25° gol in campionato di Ebans-Clarke decide la sfida con il QPR consentendo ai Wolves di volare in Premiership. Il capocannoniere del campionato, dopo neppure un minuto di ripresa, realizza da posizione ravvicinatissima su assist di Keogh. Buona, ma sterile, la reazione dei ragazzi di Ainsworth.

I Rangers sono sorpresi dal veemente avvio dei Wolves, decisi a mettere subito sul binario a loro favorevole il match. Le occasioni per segnare si susseguono, sorrette da un predominio territoriale assoluto. Basti considerare che nei primi quarantacinque minuti il QPR non riesce a concludere in porta neppure una volta. Nel secondo tempo i padroni di casa passano subito in vantaggio con il rientrante Ebans-Clarke (fuori tre gare per infortunio) ma poi subiscono i tentativi degli ospiti protesi in avanti per cercare il pareggio. Le occasioni più importanti capitano a Vine, tiro da venti metri deviato sulla traversa da Berra, ed Helguson impreciso al momento conclusivo. Il Wolverhampton, pur pregustandosi il tripudio finale, non resta a guardare ma pian piano torna a gestire sapientemente il risultato sino al triplice fischio di Jon Moss.

TABELLINO:

Wolverhampton: Hennessey, Foley, Craddock, Berra, Stephen Ward (Stearman 79), Edwards, Henry, Jones (Vokes 65), Jarvis, Ebanks-Blake (Harewood 60), Keogh.
Subs Not Used: Higgs, Reid.
Booked: Stephen Ward.
Goals: Ebanks-Blake 46.
QPR: Cerny, Ramage, Stewart, Gorkss, Connolly, Routledge, Lopez (Leigertwood 85), Mahon, Cook (Ephraim 63), Vine (Taarabt 63), Helguson.
Subs Not Used: Delaney, Miller.
Booked: Lopez.
Att: 27,511.
Ref: Jon Moss (W Yorkshire).

Leggi tutto...

Promossi & Bocciati di Genoa-Lazio 0-1: Motta si prende un pomeriggio di pausa... grande Zarate!

Questi sono i migliori e i peggiori della sfida Genoa-Lazio, decisa al 65' da un diagonale destro di Zarate. Questa è la seconda sconfitta stagionale dei rossoblù dopo quella contro la capolista Inter.

Zarate: In settimana manda avanti il fratellone come capita di vedere nei campetti di periferia. Sul prato del Ferraris però scende lui e, dal primo minuto, lo fa disputando una gara quasi perfetta. Match point incluso: incrocio di destro da far strabuzzare gli occhi anche ai patiti di Wimbledon. Voto 7.5.

Muslera: Due-interventi-due, su Biava in apertura e su Criscito al 33’. A contarli non sembra granchè, a vederli si capisce che sono fon-da-men-ta-li. Bravo. Voto 7.

Delio Rossi: Fatti, non parole. Il tecnico bianoceleste risponde agli scettici schierando una squadra che sa a memoria quali sono i suoi compiti. Movimenti compatti e perfetti per oltre un’ora. Il tempo che serve a prendersi gioco di un Grifone stranamente apatico. Neppure gli infortuni di Pandev, Diakitè e Dabo ne fanno saltare i piani. Stratega. Voto 7.

Rubinho: Quando il portiere è il migliore dei suoi significa che qualcosa non è andato a meraviglia. Stasera l’estremo difensore brasiliano ha fatto il funambolo, ha salvato più volte il risultato e nel recupero il palo lo ha salvato dalla seconda capitolazione. Nonostante tutto è una certezza. Voto 7.

Bocchetti: Gioca da grande difensore ma, purtroppo per lui, al 65’ perde l’attimo giusto per contrastare Zarate al momento della fuga decisiva per il goal. Fra i rossoblù migliori. Voto 6.

Gasperini: Bene gli elogi. Bene l’insegnare i propri dettami in settimana. Ma se le gambe e le idee dei tuoi calciatori sono ancora sotto l’effetto sbornia la figuraccia è dietro l’angolo. Voto 6.

Thiago Motta: Se anche gli extraterrestri trovano pomeriggi così confusi figuriamoci gli altri. La volontà non gli manca, il resto stavolta lo fa sembrare di questo pianeta. Voto 5.5.

Palladino: Per sbattersi si sbatte. Il problema è che a forza di fare il Narciso si incarta troppe volte agevolando i recuperi dell’arcigna retroguardia laziale. Voto 5.

[Articolo per Goal.com del 18 aprile 2009]

Leggi tutto...

venerdì 17 aprile 2009

Depeche Mode, ‘Tea and Biscuits’ il nome in codice di ‘Sounds of the Universe’

Il nome in codice di ‘Sounds of the Universe’? ‘Tea and Biscuits’! Questo il titolo provvisorio del nuovo album dei Depeche Mode durante la sua lavorazione. A deciderlo è stato Dave Gahan. A rivelarlo un’interessante intervista di Bernard Van Isacker a Andy Fletcher pubblicata oggi su Side-Line e leggibile QUI. La scelta di definire un nome provvisorio ai progetti in fase di lavorazione è una consuetudine. Un po’ per questioni di logico work-in-progress, un po’ per tutelarne l’anonimato nel momento in cui le prime copie vengono confidenzialmente distribuite agli addetti ai lavori. Per esempio nel caso di ‘Playing the Angel’ del 2005, ultimo lavoro in studio della band, il nome segreto scelto per la band fu ‘Black Swarm’ mentre per il titolo del cd la preferenza cadde su ‘Dark Force’. Altrettanto incredibile la tracklist indicata in alcune copie distribuite negli Usa, eccola (tra parentesi ho aggiunto il titolo autentico):

01. Aggravated Condition (A Pain that I'm Used to)
02. Sturm Und Drang (John the Revelator)
03. Maximum Sufferance (Suffer Well)
04. The Crucifixion of the Sinners (The Sinner in Me)
05. The Night of the Damaged (Precious)
06. Darkness at Zethanon (Macro)
07. The Final Temptation of Lucretia (I Want It All)
08. Bloodied Soul, Crushed by the Monolith (Nothing's Impossible)
09. Sweet Blackness of Night (Introspectre)
10. Annihilation of the Innocent (Damaged People)
11. Pain and Suffering in Various Tempos (Lilian)
12. Final Redemption: Battle the Dark Forces (The Darkest Star)

Leggi tutto...

lunedì 13 aprile 2009

QPR-Sheffield Wednesday 3-2: Il bello di vincere in salita

Una rete di Stewart all’88 consegna tre punti meritatissimi ai Rangers, capaci di ribaltare un pesante doppio svantaggio. E dire che, nonostante, la buona partenza, per i padroni di casa il match prende una piega negativa a causa della sfortunata autorete di Mahon al 35’ che corregge di testa nella sua porta un cross Esajas. Helguson potrebbe pareggiareun paio di minuti dopo ma non è sufficientemente cinico. Nell’intervallo Gareth Ainsworth fa quadrato con i suoi ragazzi. Al rientro in campo le cose si mettono persino peggio. Dopo un’iniziativa di Lopez che impegna Grant, al 53’ Gorkss commette fallo in area su Clarke, Deadman indica il dischetto e Tudgay raddoppia. Taarabt, prima di essere sostituito da Vine, spreca un’ottima chance. Al 62’ è però proprio il neo-entrato a ridare ossigeno agli sforzi degli Hoops mettendo nel sacco da posizione ravvicinatissima. A questo punto gli ospiti provano a fare l’esercizio che meno gli riesce: gestire il risultato. E’ un invito a nozze per la rabbia dei Rangers che, nel frattempo, schierano Ephraim per Lopez. Al 73’ è ancora Mahon, stavolta in positivo, ad essere gran protagonista incornando il 2-2 su servizio di Cook il cui ruolo di assistman è altrettanto decisivo a un paio di minuti dal termine. Il suo cross permettere ai Rangers di mettere la freccia e a Stewart di effettuare il definitivo sorpasso siglando il 3-2 deviando di testa.

TABELLINO:
QPR: Cerny, Ramage, Stewart, Gorkss, Connolly, Cook, Mahon (Leigertwood 76), Taarabt (Vine 56), Lopez (Ephraim 68), Routledge, Helguson.
Subs Not Used: Delaney, Miller.
Booked: Taarabt, Cook.
Goals: Vine 62, Mahon 74, Stewart 88.
Sheff Wed: Grant, Spurr, Hinds, Wood (Beevers 46), O'Connor, Potter, Esajas (Johnson 77), Clarke (Sodje 78), Buxton, Varney, Tudgay.
Subs Not Used: McAllister, Jeffers.
Booked: Varney, Beevers.
Goals: Mahon 35 og, Tudgay 53 pen.
Att: 13,742.
Ref: Darren Deadman (Cambridgeshire).

Leggi tutto...

sabato 11 aprile 2009

Promossi & Bocciati di Genoa-Juventus 3-2: Motta decisivo, Camoranesi... anche

Questi sono i migliori e i peggiori di Genoa-Juventus, sfida vinta dai rossoblu per 3-2 grazie ad una rete di Palladino all'88' che sblocca il momentaneo 2-2 siglato da una doppietta di Thiago Motta, un rigore di Del Piero (generosamente assegnato da Rocchi) e Iaquinta. Bianconeri in dieci per l'espulsione di Camoranesi al 65'.

Thiago Motta: Una doppietta e giocate di alta classe. Commentare le sue prestazioni fa sempre correre il rischio di ripetersi. Ma che ci volete fare, lui è così! Gigantesco. Voto 8.

Palladino: Per farsi perdonare dai genoani dopo il giro di campo con sciarpa bianconera nel dopopartita dell'andata doveva fare una prestazione ottima. Alla fine per ricevera l’assoluzione più completa realizza la marcatura decisiva su servizio dei Rossi, uno presente anche in serie C (Voto 7). Voto 7.5.

Nedved: Rocchi gli risparmia provvedimenti quando al 41' mette fuori dai giochi lo scatenato Mesto (Voto 7) e sfodera la solita prova di carattere. Al 57' è sfortunato quando Biava gli nega la rete sulla linea bianca. Voto 5.

Buffon: Genoano e professionista al 100%. Contro la sua squadra del cuore il portiere della Juventus compie sempre miracoli. Non fa eccezione neppure stasera su incornata a colpo sicuro di Sculli a metà ripresa. Voto 6.5.

Iaquinta: Divincolarsi dalle maglie rossoblu gli riesce quasi sempre impossibile. Ma il fiuto del goal è innato e, alla prima vera occasione, regala il pareggio ai suoi con un tocco leggero leggero a sette minuti dal termine. Voto 6.

Legrottaglie: Un salvataggio sulla linea dopo 6' che ha il peso specifico di una rete a proprio favore. Poi gioca con sufficiente autorità fino alla sostituzione con Marchionni. Voto 6.

Del Piero: Nonostante sia il protagonista che ha causato il rigore del momentaneo 1-1, il capitano gioca a scartamento ridotto. Voto 6.

Camoranesi: L'entrata assassina su Sculli al 65' è sintomo di eccessivo nervosismo. Inevitabile il rosso mostratogli dal fiorentino Rocchi. Voto 4.

Preziosi: Di fronte alle molte dichiarazioni d'intenti di questi giorni tragici lui propende per i fatti devolvendo l'incasso più cospicuo della stagione ai terremotati dell'Abruzzo. Chapeau! Voto 10.

I tifosi genoani: Finalmente un minuto di silenzio degno delle nobili radici anglosassoni. Un segno di maturità ma, soprattutto, di rispetto del dolore altrui. Esemplari. Voto 10.

[Articolo per Goal.com dell'11 aprile 2009]

Leggi tutto...

Burnley-QPR 1-0: Rangers storditi, Carlisle lancia i Clarets ai playoff

Una rete di Carlisle ad inizio ripresa stende un QPR quasi mai in partita. Risultato che sta stretto al Burnley, ora più che mai padrone dell’ultimo posto utile per giocarsi la Premiership ai playoff.

D’accordo che le motivazioni sono essenziali, ma anche l’orgoglio vorrebbe la sua parte. Almeno questo era ciò che si aspettavano i tifosi dei Rangers andati nel Lancashire nonostante le recenti gazzarre conclusesi con la cacciata di Paulo Sousa.

Quella scatenatasi nei sedici metri di prato del Turf Moor davanti a Cerny è stata una grandinata in piena regola. Specialmente nei primi 55’: 10 conclusioni in porta, 12 a lato e una alle spalle del portiere. Monologo intervallato solo da un pugno di tentativi londinesi. Un paio dei quali al 14’ quando Vine impegna Jensen e poi Gorkss si divora il vantaggio da posizione favorevolissima. Stavolta come non mai i numeri sono impietosi nel fotografare una gara nella quale la squadra affidata ad Ainsworth è parsa sulle ginocchia. Il goal dei padroni di casa matura al 49’: corner dalla destra di Blake con Carlisle pronto a colpire di testa per siglare il meritatissimo vantaggio. Mentre il QPR è all’angolo il Burnley cerca di mettere in ghiaccio il risultato senza adeguata precisione. Poi i Rangers si fanno notare solo per un innocuo tiro di Leigertwood al 55’ e un’incornata di Vine al 73' spentasi sul fondo. Per il resto la sfida, anche sul piano della personalità, è vinta dai Clarets ben oltre l’1-0 finale.

TABELLINO:
Burnley: Jensen, Williams, Carlisle, Caldwell, Kalvenes, Elliott, Alexander, McCann, Eagles (McDonald 89), Blake (Gudjonsson 78), Rodriguez (Paterson 85).
Score: Carlisle 49
Subs not used: Penny, Duff.
Booked: Kalvenes (foul 32)
QPR: Cerny, Ramage, Gorkss, Connolly, Delaney, Routledge, Taarabt, Leigertwood, Ephraim (Lopez 72), Di Carmine (Cook 54), Vine (Alberti 84).
Subs not used: Mahon, Stewart.
Referee: M. Haywood.
Attendance: 15,058.

Leggi tutto...

venerdì 10 aprile 2009

Sincronicità

Non sono un giocatore di poker. Bluffare non è il mio mestiere. E poi è attività che contrasta con la mia pigrizia. Almeno su tale caratteristica intendo essere coerente fino all’ultimo. Forse è per questo che ieri la tipa dalle rughe spettinate come i suoi riccioli mi ha venduto quella copia della ‘Domenica del Corriere’ rifiutando mercanteggiamenti. In fondo le sue pagine erano quasi intonse. E la copertina dedicata a Padre Pio ne dà maggior valore. Sarà. Per quanto mi riguarda l’unica cosa davvero importante era la data impressa sopra. Prezzo caro. Per alcuni assurdo. Assolutamente abbordabile invece se lo condisco al pensiero che proprio quel settimanale, finitomi tra le dita come in un gioco di prestigio del destino, veniva distribuito nelle edicole italiane nel momento stesso in cui nascevo. La sincronicità è il sale della vita. Meraviglioso è il suo potere. Chissà se lei lo capirà mai?

Leggi tutto...

QPR, Paulo Sousa esonerato! Torna Ainsworth

L’avventura di Paulo Sousa al QPR termina con un durissimo comunicato ufficiale leggibile cliccando QUI. La motivazione con la quale il club londinese ha licenziato il tecnico dopo un rapporto di soli 141 giorni sarebbe “la divulgazione di informazioni sensibili e altamente confidenziali”. Se si tratti di quelle riguardanti la clamorosa cessione di Blackstock al Nottingham Forest non è dato sapere. Sino a fine stagione la guida tecnica sarà affidata a Gareth Ainsworth, già sulla panchina del QPR nell’interregno fra Dowie e lo stesso Sousa.

In Championship l’allenatore portoghese, in bilico già da parecchie settimane, ha guidato complessivamente la squadra per 24 incontri portando a casa 7 vittorie, 11 pareggi e 6 sconfitte. Il tutto per una media di 1.3 punti. Un risultato inferiore rispetto a quelle di Dowie (1.5, in 12 gare) e Ainsworth (1.4 in 5). Tuttavia Paulo Sousa non ha pagato gli scarsi risultati ottenuti quanto gli effetti delle divergenze societarie che ormai sembrano essere una zavorrante costante a Loftus Road. La cacciata di Paulo Sousa era stata preceduta, lunedì scorso, da quella del suo vice Bruno Oliveira “dimissionato” senza alcun commento di contorno da parte del board.

Leggi tutto...

mercoledì 8 aprile 2009

Depeche Mode, i concerti del ‘Tour of the Universe’ saranno registrati e venduti ai fans

I Depeche Mode rinnoveranno l’iniziativa intrapresa in passato con Live Here Now, facente parte della EMI. In attesa dell’ufficialità, conferme giungono per il concerto inaugurale del 10 maggio a Tel Aviv e quello del 25 maggio a Riga. Come accaduto in occasione delle ultime 43 performances del ‘Touring The Angel Tour' del 2005-2006, anche moltissime date dell’imminente ‘Tour of the Universe’ verranno registrate in formato audio e vendute on line ai fans che così potranno conservare un ulteriore ricordo dell’evento. I concerti saranno disponibili in digital download e in versione doppio cd sin dal giorno successivo. I costi? Circa 12 euro per scaricarli e circa 20 euro per acquistare i supporti. La spedizione avverrà in tempi rapidissimi. Come consuetudine questo tipo di produzioni a tiratura limitatissima, e dedicate ai collezionisti, non saranno distribuite nei negozi.

Leggi tutto...

lunedì 6 aprile 2009

Depeche Mode, tutte le date dell'attesissimo 'Tour of the Universe'

Mentre è sempre più vicina la data di uscita di 'Sounds of the Universe', la cui recensione in anteprima potete trovare a QUESTO POST, i Depeche Mode proseguono i preparativi per l'ambizioso 'Tour of the Universe' che porterà la band di Gore, Gahan e Fletcher in giro per il globo. La tournèe, la cui scenografia e grafica è curata da Anton Corbijn, prenderà il via fra esattamente un mese con un concerto warm up in Lussemburgo al Rockhal. Per conoscere in tempo le reale tutte le date del tour e acquistare on line i biglietti cliccare QUI. In questa pagina del sito ufficiale potrete trovare tutte le notizie in maniera aggiornatissima.

Leggi tutto...

sabato 4 aprile 2009

QPR-Crystal Palace 0-0: Le speranze svaniscono su un tiepido pari. Sousa espulso per proteste

Finisce 0-0, come all’andata. Risultato di un derby bruttino senza grossi spunti di cronaca. Nel recupero della prima frazione una vivace protesta di Paulo Sousa, per fallo del rientrante Davis sul tartassato Di Carmine, non va giù a mr. Mathieson: ammonizione per il giamaicano ed espulsione per il tecnico portoghese.

Dopo un primo tempo avaro di emozioni è la ripresa a dare un senso al pomeriggio degli oltre 15000 appassionati di football presenti a Loftus Road. Ad incendiare le polveri è un tentativo di Moses al 46’ su cui Cerny si salva in angolo. Tre minuti dopo è Routledge a provarci senza alcuna fortuna. Ma per vedere la palla più splendente del match occorre aspettare il 57’, Taarabt gode prima del previsto si fa ipnotizzare da Speroni e calcia alto. Il marocchino giochicchia sino al 73’ quando lascia il posto a Vine, tornato in campo ad un anno dall’intervento chirurgico. Sono proprio gli sviluppi di un cross dello striker a diventare elemento di protesta nei minuti finali: la palla filtra in area ospite e viene intercettata con la mano da un giocatore degli Eagles. L’arbitro non se ne avvede e le proteste degli Hoops restano fine a se stesse. Un po’ come questa partita che, al di là del risultato, rappresenta un passo indietro rispetto a quanto mostrato dai Rangers nelle vittorie contro Swansea e Bristol City. La squadra di Paulo Sousa, pur tenendo generosamente il campo, è mancata al momento di imprimere una sterzata all’incontro lasciando la sgradevole sensazione di un club che l’obiettivo dei playoff continua a tenerlo vivo più con dichiarazioni di facciata che con i fatti.

TABELLINO:
QPR: Cerny, Gorkss, Delaney, Ramage, Connolly, Leigertwood, Routledge, Miller (Cook 46), Ephraim, Taarabt (Vine 73), Di Carmine (Balanta 85).
Subs Not Used: Stewart, Alberti.
Crystal Palace: Speroni, Lawrence, Davis, Clyne, Hill (Jose Fonte 40), Danns, Derry, Carle, Moses, Kuqi (Scowcroft 83), Stokes (Ifill 79).
Subs Not Used: Hills, Rui Fonte.
Booked: Hill, Davis, Lawrence, Moses.
Att: 15,234.
Ref: Scott Mathieson (Cheshire).

Leggi tutto...