Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

domenica 31 maggio 2009

Genoa-Lecce 4-1: Che principesco Grifone!

Per la storia, per la maglia, per il Principe. L'ultimo capitolo della straordinaria stagione genoana straripa di significati. Al retrocesso Lecce va comunque l'onore delle armi per aver disputato una gara propositiva. Almeno sino a quando i rossoblù non hanno iniziato a fare sul serio. Il risultato si sblocca al 21' con un tocco sotto misura di Jankovic. Ci pensa Tiribocchi, dieci minuti dopo, a riequilibrare le sorti. Nella ripresa il Grifone torna a farsi rampante: il risultato si fa cospicuo nella ripresa grazie ai centri di Criscito (51') e Milito (55' e 61').

In campo – Consueto 3-4-3 per Gasperini che premia il portiere di riserva Scarpi schierandolo dal primo minuto. Sulla linea arretrata il posto dell'infortunato Biava viene preso da Papastathopoulos. Davanti Jankovic e Sculli ai lati di Milito. De Canio, complice la lunga lista di acciaccati e di squalificati, propone un 4-4-2 d'emergenza con i recuperi in extremis di Edinho e Tiribocchi.

Si gioca – Pronti, via. I primi sussulti sono targati Criscito, a lato, Tiribocchi, respinto da Ferrari, e Konan, volo in angolo di Scarpi. Il Lecce a fare la parte del comparsa non ci sta e la retroguardia di casa passa la prima mezzora senza permettersi pause. Al 20' Konan si divora un goal fatto e, subito dopo il Genoa passa con Jankovic su delizioso assist dalla destra di Papastathopoulos. I salentini restano vivaci e ottengono l'1-1 con preciso diagonale di Tiribocchi. Prima dello scadere Foschetti, assistente dell'ottimo Tozzi, ferma Milito lanciato a rete per un fuorigioco assai dubbio.

L'inizio del secondo tempo vola sui sentimenti. Dopo pochi attimi Vanden Borre rileva Thiago Motta. L'avvicendamento si consuma con una standing ovation da brividi. Pochi attimi e Milito ha sul destro un paio di ghiottissime occasioni, la mira non è all'altezza del suo blasone. Al 51' Tiribocchi arriva in ritardo su un pallone da spingere a rete. Così non fa Criscito che, su suggerimento arretrato del Principe, realizza il 2-1. Milito è comunque affamato come non mai alla ricerca di reti utili a conquistare la vetta dei cannonieri. I suoi sforzi vengono premiati al 55': perfetto controllo in area e tiro che, per la terza volta, non lascia scampo a Rosati. La doppietta giunge al 61' finalizzando una percussione centrale ispirata da Vanden Borre. Al 77' Scarpi è reattivo ad opporsi a due conclusioni consecutive di Caserta e Tiribocchi.

La chiave – L'atmosfera di festa di fine anno che avvolge la sfida condiziona anche i ventidue in campo: gioco vivace, occasioni a raffica ma correttezza assoluta.

La chicca – Il pareggio di Tiribocchi al 31' viene sottolineato dagli oltre trentamila del Ferraris con applausi scroscianti applausi. Questo pomeriggio è festa per tutti.
Davvero toccante il saluto che i sostenitori genoani tributano a Milito e Thiago Motta all'ultima uscita con la centenaria casacca rossoblu.

Top & Flop – Nel giorno dell'addio Milito concede gli ultimi tocchi di classe e anche gli ultimi sigilli stagionali: il 23° e il 24°.
Tiribocchi, Konan e Basta tengono sulla corda la difesa avversaria. Bravi e propositivi. Non così il pacchetto difensivo che, specialmente nella ripresa, viene travolto dalle incursioni avversarie.

TABELLINO:

GENOA-LECCE 4-1 (primo tempo 1-1)

MARCATORI: 21' Jankovic (G), 31' Tiribocchi (L); 51' Criscito (G), 55' e 66' Milito (G).
GENOA (3-4-3): Scarpi 6; Sokratis 6.5, Ferrari 7, Bocchetti 6.5 (dal 70' Mesto sv); Rossi 7, Milanetto 6.5, Thiago Motta 7 (dal 47' Vanden Borre 6), Criscito 6.5 (dal 78' Modesto sv); Sculli 6.5, Milito 8, Jankovic 6.5. (Rubinho, Signorini, Parfait, El Shaarawy). All.Gasperini 7.

LECCE (4-4-2): Rosati 5; Vives 5, Ingrosso 5, Esposito 5.5, Ariatti 5.5; Giacomazzi 6, Zanchetta 6.5 (dal 60' Stendardo 6), Edinho 6 (dal 64' Caserta 6), Basta 6.5; Konan 6.5 (dall'80 Cacia sv), Tiribocchi 7. (Petrachi, Benvenga, Mollestam, Janvier). All. De Canio 6.5.

ARBITRO: Tozzi di Ostia Lido 7.

AMMONITO: Konan (L).

RECUPERI: 2' p.t.; 0' s.t.

[Articolo per Goal.com del 31 maggio 2009]

Leggi tutto...

martedì 26 maggio 2009

Le 30 più belle canzoni degli anni 80 secondo Robert Smith. Download compreso...

Ieri Robert Smith, nell’ambito del programma ‘4 For The Cure Memorial Day Weekend’ trasmesso da Sirius XM Radio, ha stilato l’elenco le 30 canzoni più significative che, a suo parere, sono state realizzate negli 80’s. Se volete ascoltare l'intera trasmissione potete scaricarvela cliccando QUI. Questa è la classifica in ordine rigorosamente alfabetico:



ABC - 'Look of Love'

The Associates - 'Tell Me It's Easter on Friday'

David Bowie – 'Let’s Dance'

Bananarama and Funboy 3 - 'It Ain't What You Do (It's the Way that You Do It)'

Kate Bush - 'Cloudbusting'

Cocteau Twins - 'Persephone' (played their album Treasure as he was getting ready on his wedding day.)

Christina - 'Things Fall Apart' (takes him back to Steve Severin's flat during Christmas 82.)

D.A.F. - 'Sex Unter Wasser' (Another Severin flat memory. This had a strange influence on the Glove project, but he's not quite sure how.)

Depeche Mode - 'Personal Jesus' (Really fun watching them grow from a tiny synth pop band into a huge synth rock band, with at least one great single on every album. This is probably one of the best.)

Dinosaur Jr. - 'Freak Scene' (Would make his Top 30 of all time. The sound of the 80s turning into the 90s. One of the best guitarists he's ever seen.)

Echo & The Bunnymen - 'Killing Moon' (Next is another song that would make my Top 30 of all-time, I think. One of the mysteries of the 1980s, as a decade, is how it ended up with so many idiots on top. How come Ian McCulloch didn't trip? until 1990 ruling the world? This is Echo & the Bunnymen and The Killing Moon.)

Peter Gabriel - 'Red Rain' (While Sledgehammer caused a much bigger stir, it was this next song that moved me a lot more. Another seminal sound & vision. The vast gated drum reverb, the auto wah sub-bass, and on top of it all, the voice of Peter Gabriel singing Red Rain.)

Human League - 'Human' (From one of the giants of the 1980s, yet another song that would be there in my Top 30 of all-time, I think. The group that kind of did what we did. Went from underground to overground. As soon as I heard this song, I fell in love with it. And despite, or maybe because of, the four line Yorkshire rap in the middle, I still love it. Very loud and very often. This is The Human League with Human.)

Jesus and Mary Chain - 'Some Candy Talking' (The 1960s via the 1970s via the 1980s or something. So much fun, too much fun. This is the Jesus and Mary Chain, Some Candy Talking.)

Joy Division - 'The Eternal' (Another song that would have to be in my Top 30 of all time. Although this is the sound of the end of the 70s, it was the sound of the start of the 80s. It's effects on me as an artist, and an individual, were pretty profound. It's one of the saddest, and best, songs I ever heard. This is Joy Division and The Eternal.)

Chaka Khan - 'I Feel For You' (There were more than a few songs in the same kind of style as the next one. Whatever the kind of style is or was. And in the right place, at the right time, in the wrong mind, I could really enjoy this kind of style a lot. This song in particular stuck with me, as it was, and is, one of the best examples of this kind of style. Despite the rapping. )

Madness - 'Return of the Lost Palmas Seven' (The next song's one of those "I can't help it, I just love it" things. 2 and a half minutes of "sharp suited, out with the naughty boys, good time music" Another song I almost learned to dance to, this is Madness, with the Return of the Los Palmas Seven. Waiter.)

My Bloody Valentine - 'Lose My Breath' (Next song up an absolutely beautiful piece of music from one of my all time favorite groups. I particularly love the way in this song that the sound of every breath being taken is the loudest thing in the mix. Absolute genius. This is My Bloody Valentine and Lose my Breath.)

Mel & Kim - 'Respectable' (What can I say about the next song? One of those secret, guilty pleasures? Except it's not secret and I don't feel guilty, BUT it is a pleasure, not many days went by on the Cure Kiss Me tour in 1987 when this wasn't played very very very loud. Mel and Kim, Respectable.)

New Order - 'Everything's Gone Green' (Next up is another song that was a Steve Severin "Clockwalk Club flap Christmas" (?) staple. I hold on to my picture of this as it was then - possible and New Order, Everything's Gone Green.)

Yoko Ono - 'Walking On Thin Ice' (The next up is yet another post-show Club Smith 3 am favorite, one of the all-time great weird late night singalongs. I, I, I love this song, even the rap bit! This is Yoko Ono, Walking on Thin Ice.)

The Pixies - 'Gigantic'

The Pretenders - 'Don't Get Me Wrong'

Prince - 'Starfish & Coffee' (Psychedelic rhymes, backwards drums, harp drills, hand tambourines, surf harmonies. This is so 196...80s, it hurts. From one of the really great albums of the decade, this is a song that reminds me of a particularly lovely time in my life. Prince, with Starfish & Coffee.)

Psychedelic Furs - 'Heaven' (Next up is another seminal 80s track but so much more than that. Another really outstanding band, instantly recognizable sound, 3 great albums in a row, cool tunes, cool words, cool shades, so how come Richard Butler didn't end up owning the world, too? This is the Psychadelic Furs, and Heaven.)

Siouxsie & The Banshees - 'Dear Prudence' (It was going to be a song called Christine, which is a gorgeous song, but then I came over all psychedelic and sentimental. So, from Robert Smith & the Banshees, this is Dear Prudence.)

Soft Cell - 'Tainted Love'

Sugarcubes - 'Birthday' (Next up is one of those Peel show songs. Like White Riot, or Alison, or One World, or Waiting In Vain, where I just stopped, and listened. This is The Sugarcubes. The Sugarcubes and Birthday.)

Suzanne Vega - 'Small Blue Thing' (Next is one of the most beautiful songs from one of my all-time favorite artists. Cool and smooth and curious. This is Suzanne Vega with Small Blue Thing.)

Tom Waits - 'In the Neighborhood' (We have to stop somewhere, and where better than alphabetically? Finally, from one of the greats, a song from Swordfish Trombones, an album that drowned post-Cure show ? around the world, through the 1980s and beyond. The very magical Tom Waits and In The Neighborhood.)

Leggi tutto...

lunedì 25 maggio 2009

Generazione di fenomeni: Stephan El Shaarawy

Anteprima di un articolo scritto per la rubrica 'Generazione di fenomeni' del portale calcistico Goal.com. Si tratta di una scheda di Stephan El Shaarawy, talentuoso sedicenne italo-egiziano del vivaio genoano già titolare nelle giovanili azzurre.

Nome: Stephan El Shaarawy
Data di nascita: 27 ottobre 1992
Luogo di nascita: Savona (Italia)
Nazionalità: italo/egiziana
Altezza: 180 cm
Peso forma: 73 kg
Ruolo: trequartista/attaccante
Squadra di appartenenza: Genoa

Stella nascente: Il sorprendente Genoa costruito da Preziosi ha anche un piccolo faraone: Stephan El Shaarawy, madre italiana e padre egiziano arrivato in Liguria dal Cairo nei primi anni Ottanta. Più maturo dei suoi sedici anni, nasce a Savona il 27 ottobre del ’92 e inizia a tirare i primi calci nel Legino dove viene scoperto da Michele Sbravati, il responsabile del settore giovanile del Grifone che lo porta nel vivaio rossoblù nel 2003. E’ qui che Stephan si forma calcisticamente esordendo in serie A il 21 dicembre scorso durante Chievo-Genoa e mettendo lo zampino nella vittoria ospite. Nato come esterno sinistro di centrocampo la sua duttilità ora gli consente di ricoprire anche i ruoli di trequartista e di seconda punta. Veloce, dalla tecnica notevole e con la propensione a partire da sinistra per poi accentrarsi e tentare la conclusione a rete, Stephan è ragazzo con i piedi per terra e dalla forte personalità. A sostenere che malgrado ampi margini di crescita sia già pronto per fare il grande salto sono Gian Piero Gasperini ed Enrico Preziosi, tipi che i giovani talenti sanno riconoscerli ad occhi chiusi. Attestati di stima abbinati a numerose aggregazioni alla prima squadra. Volendo fare i pignoli il ragazzo ha bisogno di trovare maggior continuità e meno attaccamento alla palla, difetti fisiologici a questa età nei fantasisti dal suo potenziale. Per gli appassionati del calcio internazionale le sue movenze ricordano quelle di Marc Overmars campione olandese che ha indossato le casacche di Ajax, Arsenal e Barcellona.

Già recordman!: Il suo ingresso al posto di Jankovic sul prato del Bentegodi, al 37’ della ripresa di Chievo-Genoa, gli vale un record storico: con i suoi 16 anni, un mese e 24 giorni El Shaarawy ora è il più giovane esordiente del Genoa dal 1893 ad oggi. Un evento che gli consente persino di inserirsi nella top ten dei più giovani esordienti in serie A guidata dal romanista Amedeo Amadei che, nel 1947 contro il Modena, esordì più giovane di circa quattro mesi (15 anni, 9 mesi e 6 giorni).

Punto fermo anche in azzurro: Titolare inamovibile della primavera di Luca Chiappino, recente vincitrice della Coppa Italia e in corsa per la vittoria del campionato di categoria, Stephan non ha potuto partecipare alla finale di ritorno contro la Roma per rispondere alla chiamata di Pasquale Salerno, commissario tecnico della nazionale Under 17 di cui fa stabilmente parte. A livello di formazioni azzurre si era già messo in luce con l'Under 16 di Rocca nel torneo di Bannikov, in Ucraina, contribuendo alla vittoria finale siglando 3 reti in 4 gare.

Corteggiatissimo: Rapido in fase di esecuzione e con una visione di gioco importante, El Shaaravy è da tempo oggetto delle attenzioni di molte squadre italiane e di clubs continentali del calibro di Manchester United, Arsenal e Real Madrid. Proprio questa nutrita fila di estimatori ha creato un’asta per il suo cartellino che, dai 100 mila euro iniziali, ora è quotato 6 milioni di euro. Difficile però che la cifra spinga il presidente Enrico Preziosi a liberarsene a cuor leggero. Cosa che anche Roberto La Florio, agente del talentuoso calciatore, sembra confermare.

[Articolo per Goal.com del 1° giugno 2009]

Leggi tutto...

domenica 24 maggio 2009

Promossi & Bocciati di Sampdoria-Udinese 2-2: Cassano fa la differenza, Isla sfortunato

Ecco i migliori e i peggiori di Sampdoria-Udinese 2-2. L'ultima gara al Ferraris di Mazzarri in blucerchiato viene decisa da un rigore di D'Agostino all'11, un'autorete di Usla al 32' e sorpasso di Cassano dal dischetto a ridosso dell'intervallo. Nella ripresa una rete Felipe al quarto d'ora fissa il risultato in parità.

Cassano: Anche quando fatica a carburare poi riesce a indossare i panni del supereroe ottenendo risultati eccellenti. Assists, goal e mina vagante nella porzione di campo avversaria. Unico. Voto 7.5.

Palombo: Fresco di rinnovo di contratto sino al 2013, il capitano blucerchiato viene coccolato dai suoi fan con cori “ad personam”, lui li ripaga con una punizione che mette a dura prova l'incrocio alla sinistra del bravo Handanovic (Voto 6.5). Esemplare. Voto 7.


Pazzini: Nonostante la mole di palloni serviti dai suoi compagni riesce a colpire con una percentuale non all'altezza della sua fama. Voto 6.

Quagliarella: Volitivo e quasi sempre al centro dell'azione. E' il migliore del pacchetto offensivo ospite. Voto 7.

Sanchez: Se talvolta mettesse da parte l’egoismo sarebbe quasi perfetto. Gioca bene ma poi si fa prendere la mano dalla voglia di strafare. Voto 6.5.

Campagnaro: Giochicchiare la palla in mezzo alla propria area, invece che sbarazzarsene, è principio che si insegna anche ai bambini. Lui pecca di eccessiva sicurezza costringendo la sua squadra a giocare in salita. Poi cerca di farsi perdonare con una prestazione di carattere. Voto 6.

Isla: I clienti del pomeriggio non sono fra i più augurabili. Lui riesce a controllarli ma poi è suo malgrado poco reattivo nell'occasione che vale il pari dei padroni di casa. Voto 5.5.

Fiorillo: Esordio difficile per il 19enne gioiellino blucerchiato. Il portiere, già richiesto da Juventus e Inter, offre una prestazione ai bordi della sufficienza. Voto 5.5.

Ultras Tito Cucchiaroni: Subito dopo il calcio d'inizio lo storico gruppo ultrà doriano, sistemato nel secondo piano della sud, festeggia i 40 anni con una coreografia davvero suggestiva. Voto 8.

[Articolo per Goal.com del 24 maggio 2009]

Leggi tutto...

Sampdoria-Udinese 2-2: Passo falso bianconero, la Samp finisce a testa alta

S’inceppa al Ferraris la rincorsa dell’Udinese verso l’ultimo posto utile all’Europa. La Sampdoria, reduce dalle sconfitte in Coppa Italia e dalla trasferta di Firenze, chiude a testa alta davanti al proprio pubblico con una prestazione positiva. 2-2 il risultato che passa agli archivi grazie al penalty di D’Agostino in apertura, all’autogol di Isla al 32’, al momentaneo vantaggio di Cassano dal dischetto prima del riposo e al definitivo pareggio di Felipe.

In campo – Consueto 3-5-2 per Mazzarri che alla sua ultima gara al Ferraris da tecnico blucerchiato propone il giovane Fiorillo a difesa della propria porta. Raggi prende il posto dell'infortunato Accardi mentre Padalino vince il ballottaggio con il lituano Stankevicius. Davanti Pazzini ritrova Cassano.
Per proseguire la rimonta per l'Europa costruita su 6 successi nelle ultime gare Marino recupera Sanchez dentro al posto dello squalificato Pepe nel tridente composto anche dagli ex Quagliarella e Floro Flores.

Si gioca - Al 5' Padalino impegna Handanovic alla deviazione in angolo con una botta dal limite. Sugli sviluppi del corner Dessena sfiora la traversa in rovesciata. La risposta è affidata a Floro Flores che calcia d'un soffio alla sinistra dell’estremo difensore. All'11' Campagnaro, non supportato da Fiorillo, pasticcia in area travolgendo Quagliarella. D'Agostino s'incarica della trasformazione mandando la palla alla sinistra del portiere che aveva intuito l'angolazione. Subito dopo Inler potrebbe raddoppiare ma spreca sul fondo. La reazione doriana giunge solo al 19' con un destro di Palombo che trova i pugni del portiere sloveno, stesso scudo usato al 28' per opporsi ad una violenta punizione di Cassano. Al 31' Fantantonio produce uno slalom sull'out destro con rasoterra centrale sul quale intervengono Pazzini e Isla, la palla entra sul tocco del difensore. Al 42' una punizione da 25 metri potrebbe sfogare la voglia di goal di Palombo che però s'infrange contro l'incrocio destro, sul rimbalzo Pazzini a porta vuota manda a lato di testa. Nell'azione successiva Cassano si procura un rigore dopo un contrasto con Zapata. Dai sedici metri lo stesso barese lancia la Samp sul 2-1. Prima dell'intervallo Pasquale si divora il pari con un diagonale fuori misura.

Nella ripresa l'Udinese riparte bene ma, apparentemente, i riflessi faticano a stare dietro alle idee. Non così quelli di Handanovic e di Fiorillo che intorno al 54’ si oppongono efficacemente a Pazzini e Quagliarella. Al 60', sugli sviluppi di un angolo di Quagliarella, Felipe salta meglio di tutti anticipando il portiere e mandando la sfera in rete. Mazzarri richiama Ziegler inserendo Sammarco. Proprio il centrocampista avrebbe subito la chance di riportare in vantaggio i padroni di casa ma si fa ipnotizzare da Handanovic in uscita. Altrettanto puntuale è poi Fiorillo a respingere di piede un'insidiosa botta di Inler. All'80' Delvecchio spreca dal limite. Nei minuti finali i friulani provano ad imbastire l'assedio decisivo. All'85' un tiro franco di Sanchez mette Felipe ancora in condizione di colpire a rete, la palla sorvola la trasversale.


La chiave – Giocate sulla destra e tagli per Cassano libero di svariare dalla trequarti in su. In questa maniera la Sampdoria riesce a tenere a bada le velleità ospiti almeno sino a quando le forze sorreggono. Poi ci pensa la capacità di sacrificio.


La chicca – Lo slalom di Cassano poco dopo la mezz'ora vale il pari e il prezzo del biglietto.

Top&Flop – Quagliarellla lotta e crea per i compagni. Fa tutto piuttosto bene. Anche quando si tratta di battere il calcio d'angolo che consente a Felipe di realizzare il 2-2.

Cassano parte lento ma poi si prende il ruolo di protagonista propiziando l’autorete di Isla e il rigore che si incarica di traformare. E’ l’autentica spina nel fianco dell'Udinese.
Campagnaro prosegue il suo periodo sfortunato con la leggerezza in area che procura il penalty sblocca-risultato per i friulani. L’esperienza poi gli consente di risalire ai suoi livelli.

TABELLINO:

SAMPDORIA-UDINESE 2-2 (primo tempo 2-1)

MARCATORI: 11' D'Agostino (U) su rigore, 32' Isla (U) autorete, 43' Cassano (S) su rigore; 60' Felipe (U)
SAMPDORIA (3-5-2): Fiorillo 5.5; Campagnaro 6, Gastaldello 6.5 (dal 65' Ferri 6), Raggi 6; Padalino 6.5, Dessena 6.5 (dal 70' Delvecchio 5.5), Palombo 7, Ziegler 6 (dal 61' Sammarco 6), Pieri 6; Cassano 7.5, Pazzini 6. (Mirante, Lucchini, Stankevicius, Marilungo) All. Mazzarri 6.5.
UDINESE (4-3-3): Handanovic 6.5; Isla 5.5, Zapata 6, Felipe 6.5, Pasquale 6; Inler 6.5, D'Agostino 6.5, Asamoah 6.5; Sanchez 6.5 (dal 91' Ighalo sv), Quagliarella7 , Floro Flores 6. (Belardi, Obodo, Domizzi, Zimling, Lukovic, Sala). All. Marino 6.5.
ARBITRO: Celi di Campobasso 6.5.
AMMONITI: Sanchez (U), Gastaldello (S), Pieri (S), Campagnaro (S).
RECUPERI: 2' p.t.; 4' s.t.

[Articolo per Goal.com del 24 maggio 2009]

Leggi tutto...

giovedì 21 maggio 2009

Depeche Mode, tutte le versioni di ‘Peace’

‘Peace’, secondo singolo tratto da ‘Sounds of the Universe’, arriverà sugli scaffali dei negozi (e su quelli virtuali di internet) il prossimo 15 giugno. Sarà disponibile in varie versioni: vinile 7”, cd singolo, cd maxi e anche in un paio di raccolte di remixes disponibili in download. Questi i dettagli:

Bong41 - 7″ Single
1. Peace (Single Version) (3:36)
2. Come Back (Jonsi Remix) (4:02)

CDBong41 - CD single
1. Peace (Single Version) (3:36)
2. Fragile Tension (MGMT Remix) (4:16)

LCDBong41 - CD maxi
1. Peace (Single Version) (3:36)
2. Peace (Hervé’s ‘Warehouse Frequencies’ Remix) (5:10)
3. Peace (Sander Van Doorn Remix) (8:02)
4. Peace (Japanese Popstars Remix) (6:46)
5. Peace (Sid LeRock Remix) (6:35)
6. Peace (Justus Köhncke Extended Disco Club Vocal Remix) (5:15)

iBong41 - Digital Download bundle 1
1. Peace (Single Version) (3:36)
2. Peace (Hervé’s ‘Warehouse Frequencies’ Remix) (5:10)
3. Peace (Justus Köhncke Extended Disco Club Vocal Remix) (5:15)
4. Peace (Japanese Popstars Remix) (6:46)
5. Peace (Sid LeRock Remix) (6:35)
6. Peace (SixToes Remix) (5:15)

LiBong41 - Digital Download bundle 2
1. Peace (Single Version) (3:36)
2. Peace (Sander Van Doorn Remix) (8:02)
3. Peace (The Exploding Plastic Inevitable JK Disco Dub) (7:34)
4. Peace (Pan/Tone Remix) (7:52)
5. Peace (Ben Klock Remix) 7:50)

Leggi tutto...

domenica 17 maggio 2009

Genoa-Chievo Verona 2-2: Il Grifone mette gli artigli sull'Europa

Il Grifone non spreca il primo match-ball offerto dal calendario e ottiene il punticino utile per approdare matematicamente nella prossima Europa League. Il traguardo, giunto a diciassette anni di distanza dall'avventura in Coppa Uefa, corona un campionato strepitoso. 2-2 il risultato finale è frutto del momentaneo vantaggio siglato da Pinzi al 35' e da una ripresa scoppiettante durante la quale Milito, su rigore, e Pellissier, su punizione, consentono al Genoa di portarsi in vantaggio prima del definitivo pareggio di Pellissier. Esordio in serie A per Andrea Signorini, figlio di Gianluca indimenticabile capitano rossobù.

In campo - Costretto a fare i conti con le squalifiche di Criscito, Papastathopoulos e Mesto, oltre agli infortuni di Biava e Palladino, Gasperini non rinuncia al suo 3-4-3 schierando Rossi esterno destro difensivo. Centrocampo con i due “play” Thiago Motta e Milanetto e la coppia Sculli-Jankovic a supporto di Milito. Scarpi torna in panchina dopo l’operazione al menisco sinistro.
Dall'altra parte Di Carlo sostituisce Morero, appiedato dal giudice sportivo, con Mandelli. Davanti alla linea arretrata spazio a Luciano, Rigoni e Marcolini. Maglia da titolare anche per Pinzi sistemato a sostegno di Pellissier e Bogdani.

Si gioca – Come da copione è il Genoa a dimostrarsi più attivo. Al 20' Jankovic serve Sculli la cui deviazione di testa in tuffo viene mandata in angolo da Sorrentino. Attori invertiti alla mezz'ora ma protagonista principale ancora il portiere che vola salvandosi d'istinto. Cinque minuti più tardi il Chievo perviene al vantaggio con Pinzi che, da due passi, anticipa Ferrari e appoggia nel sacco un cross dalla destra di Luciano. La reazione dei padroni di casa è immediata ma il diagonale di Jankovic è tanto ambizioso quanto sfortunato. Al 42' Tagliavento annulla a Pellissier la rete del raddoppio ravvisando un fallo di mano dell'attaccante e, proprio allo scadere, il serbo rossoblù coglie l'incrocio sinistro di Sorrentino con un tiro deviato da Pinzi.

Ripresa senza novità negli schieramenti. Al 52' Rossi sbaglia mira da posizione ravvicinatissima, così come poco dopo Sculli non inquadra la porta su angolo di Juric. Nei secondi successivi c'è spazio per Vanden Borre al posto di Modesto. Mossa positiva. Al 57' l'arbitro assegna un rigore al Genoa dopo un atterramento di Milito da parte di Yepes. Il Principe di Bernal trasforma centralmente. Dentro anche Olivera per Sculli e Bentivoglio per Pinzi. La mossa di Gasperini è determinante. Al 70' è infatti proprio l'uruguaiano a concretizzare il sorpasso realizzando il primo centro stagionale del Genoa su punizione. Di Carlo corre ai ripari inserendo Langella per Bogdani. Al 77' Rubinho si salva in due tempi su incornata di Luciano. Ma all'85' Pellissier chiude i conti pareggiando indisturbato di testa su azione d'angolo. Nel recupero entra anche Andrea Signorini, figlio dell’indimenticabile Gianluca.

La chiave – Una delle qualità principali di Gasperini è quella di saper leggere l'andamento degli incontri come pochi suoi colleghi. Stavolta ne dà dimostrazione al momento dei cambi: Vanden Borre e Olivera per Modesto e Sculli sono soluzioni azzeccatissime.

La chicca – La punizione liftata di destro calciata da Olivera al 70' è semplicemente da manuale. Impossibile per Sorrentino metterci una pezza.

Top & Flop – La penultima gara di Milito con la maglia del Genoa è contraddistinta da un primo tempo in ombra e una ripresa più volitiva premiata dalla trasformazione del rigore che vale l'1-1.
Pinzi corona una prestazione importante con il suo primo goal stagionale.
Bogdani è fra gli l'osservati speciale tra i veneti. Comincia bene ma smarrisce il ritmo con il passare dei minuti.

TABELLINO:

GENOA-CHIEVO VERONA 2-2 (primo tempo 0-1)

MARCATORI: 35' Pinzi (C), 58' Milito su rigore (G), 70' Olivera (G), 85' Pellissier (C).

GENOA (4-2-3-1): Rubinho 6; Rossi 7, Ferrari 6, Bocchetti 6; Juric 6.5, Milanetto 6, Thiago Motta 6.5, Modesto 6 (Dal 53' Vanden Borre 7); Sculli 6 (dal 64' Olivera 7), Milito 7, Jankovic 7 (dal 92' Signorini sv). (Scarpi, D'Alessandro, Lazarevic). All. Gasperini 7.

CHIEVO VERONA (4-3-1-2): Sorrentino 6; Frey 6.5, Mandelli 6.5, Yepes 5.5, Mantovani 6; Luciano 6.5, Rigoni 6.5, Marcolini 6 (dall'82' Esposito sv); Pinzi 7 (dal 65' Bentivoglio 6); Pellissier 7, Bogdani 5.5 (dal 72' Langella 6). (Squizzi, Sardo, Moro, Kerlon). All. Di Carlo 6.5.

ARBITRO: Tagliavento di Terni 7.

AMMONITI: Mandelli (C ), Juric (G), Ferrari (G), Olivera (G).

RECUPERI: 1' p.t.; 4' s.t.

[Articolo per Goal.com del 17 maggio 2009]

Leggi tutto...

domenica 10 maggio 2009

Promossi & Bocciati di Atalanta-Genoa 1-1: Grifone, visto che Floccari?

Questi sono i migliori e i peggiori di Atalanta-Genoa 1-1 decisa dai gol di Valdes al 9' e di Criscito al 90'.

Valdes: In dubbio sino all'ultimo a causa dei postumi di una contusione alla gamba destra, offre una prestazione importante coronata con il gol che sembra poter garantire i tre punti alla sua squadra. Voto 7.

Floccari: Il 27enne di Vibo Valentia gioca contro il suo futuro. In attesa di capire se sia degno erede o compagno di reparto offre una buona prestazione. Al 35', a tu per tu con Rubinho, si fa ipnotizzare dal portiere sprecando una ghiotta occasione per rendere più pesante il risultato. Voto 6.5.

Palladino: Stavolta non incide come dovrebbe. Più lezioso che sostanzioso. Voto 5.5.

Criscito: Festeggia la centesima presenza nei campionati professionistici con una prestazione sufficiente e con la seconda rete in carriera maturata proprio allo scadere. Voto 7.

Milito: La sensazione è che oggi il Principe non avesse nelle corde il massimo delle sue potenzialità. Ben controllato dalla retroguardia di casa riesce ad incidere solo allo scadere: è infatti un suo assist a permettere a Criscito di agguantare il pari in extremis. Voto 5.5.

[Articolo per Goal.com del 10 maggio 2009]

Leggi tutto...

Atalanta-Genoa 1-1: Grifone con la testa ancora al derby, Champions più lontana!

Che Bergamo fosse il crocevia della rincorsa Champions il Genoa lo sapeva prima ancora di salire sul pullman. Così è stato. Complice la vittoria esterna della Fiorentina in casa del Catania, l'1-1 maturato in casa dell'Atalanta, gol di Valdes al 9' e pari di Criscito al 90', chiude definitivamente i giochi per guadagnare un posto nell'Europa più importante.

In campo – Senza Doni e Bellini squalificati e con Ferreira Pinto infortunato, Del Neri presenta Valdes dal primo minuto insieme a Floccari. Dall'altra parte Gasperini è costretto a inventarsi la difesa a causa delle assenze dell'acciaccato Biava e dello squalificato Ferrari. Dentro quindi Bocchetti centrale con Criscito arretrato sulla linea dei difensori. A centrocampo Milanetto sostituisce Thiago Motta appiedato dal giudice sportivo. Davanti Palladino vince il ballottaggio con Jankovic.

Si gioca – Primo tempo con solo una squadra protagonista: l'Atalanta. I padroni di casa passano in vantaggio già al 9' con Valdes bravo ad ottimizzare un cross dalla sinistra di Padoin messo in moto da una discesa di Floccari. Il predominio territoriale nerazzurro è costante. Il Genoa, il cui atteggiamento è ben al di sotto delle aspettative, prova a colpire senza convinzione con Milito stranamente evanescente. Alla mezz'ora Guarente sfiora il raddoppio su punizione da venti metri e cinque minuti dopo Floccari se lo divora calciando addosso a Rubinho in uscita. Prima dell'intervallo un'incursione di Milito viene sventata da Consigli.

Nella ripresa gli ingressi di Rossi e Jankovic, per Mesto e Milanetto, danno maggiore spinta al Genoa. Nonostante tutto di pressione autentica non se ne vede. L'Atalanta spreca con Valdes al 64' e, dopo l'espulsione di Guarente per doppio giallo causato da falli su Bocchetti e Juric, gli ospiti abbandonano le velleità-Champions al 75' quando Jankovic arriva in ritardo a deviare in porta una punizione di Palladino. Allo scadere, con Floccari fuori dai gioco per infortunio, il pareggio di Criscito, su assist di Milito serve solo a mantenere l'imbattibilità e ad acuire i rammarichi. Inutile il forcing abbozzato nei 3' di recupero concessi da Rosetti.

La chiave – La tranquillità. Gli orobici giocano senza pressione, con la mente sgombra. Lo si capisce sin dalle prime battute quando l'Atalanta si impossessa del centrocampo e riesce a sistemarsi benissimo in difesa. Per contro il Genoa appare contratto, mollo negli interventi e particolarmente confuso al momento di costruire qualcosa di decente.

La chicca – La percussione centrale di Floccari, con il movimento, esterno di Padoin a servire Valdes libero di segnare è da manuale del calcio. Il movimento dei difensori rossoblu è altrettanto degno di nota per insegnare tutto quello che non bisogna fare in questi casi.

Top&Flop – Padoin è una spina nel fianco dei rossoblu. Milito non riesce a replicare la sontuosa prestazione del derby. Ma il merito è soprattutto della retroguardia atalantina che lo incatena per bene.


TABELLINO:

ATALANTA-GENOA 1-1 (primo tempo 1-0)

MARCATORI: 9' Valdes (A), 90' Criscito (G).
ATALANTA (4-4-1-1): Consigli 6; Garics 7, Capelli 6.5 (dal 67' Pellegrino 6), Manfredini 6; Peluso 7; Defendi 6 (dal 55' Cerci 6), Guarente 6.5, Parravicini 6.5, Padoin 7; Valdes 7, Floccari 6.5. All. Del Neri 7.
GENOA (3-4-3): Rubinho 6; Papastathopoulos 5.5, Bocchetti 6, Criscito 7; Mesto 5.5 (dal 46' Rossi 6), Milanetto 5 (dal 46' Jankovic 6), Juric 6.5 (dal 77' Vanden Borre sv), Modesto 5.5; Sculli 6, Milito 6, Palladino 5.5. All. Gasperini 6.
ARBITRO: Rosetti di Torino 6.5.
ESPULSO: al 74' Guarente (A) per doppia ammonizione.
AMMONITI: Criscito (G), Papastathopoulos (G), Padoin (A), Mesto (G).
RECUPERI: 1' p.t.; 3' s.t.

[Articolo per Goal.com del 10 maggio 2009]

Leggi tutto...

venerdì 8 maggio 2009

Depeche Mode, 'Tour of the Universe' warm up in Luxemburg tutti i video /all the videos!

Volete vedervi il concerto dei Depeche Mode in Lussemburgo? Eccolo! Cliccate su ciascuna canzone e... godetevi lo spettacolo! Alleluiah! :)

Do you wish to watch the Depeche Mode’s warm up gig in Luxemburg? Here it is! Just click on each song and... enjoy the show. Alleuiah! :)


Esque (Intro)

In Chains
Wrong
Hole to Feed
Walking In My Shoes
It’s No Good
A Question Of Time
Precious
Fly On The Windscreen
Jezebel
A Question Of Lust
Come Back
Peace
In Your Room - Part 1 - Part 2
I Feel You
In Sympathy
Enjoy The Silence
Never Let Me Down Again

1st encore:

Stripped
Master and Servant
Strangelove
Personal Jesus

2nd encore:

Waiting for the Night

Leggi tutto...

Vedo e prevedo… il mio 'infallibile' pronostico su Sampdoria-Reggina per ‘Noi Sampdoriani’

Come accaduto qualche settimana fa per Sampdoria-Roma (in verità con esiti poco entusiasmanti), anche stavolta l’amico e collega Andrea Bazzurro della rivista ‘Noi Sampdoriani’ si è affidato alle mie capacità divinatorie. In ballo c’è il prossimo impegno dei blucerchiati che domani pomeriggio affronteranno una Reggina in disperata lotta per la salvezza. Quindi, lucidata la sfera di cristallo e strofinati gli amuleti d’ordinanza, questo è il mio virgolettato pronostico: “Sfida delicata, bisogna riscattare il derby ed onorare la maglia. Dico 1-1, con gol della Samp di Marilungo”. Ora basta aspettare qualche ora e… BUM! La Samp ha vinto per 5-0! Se non altro le porto bene... :)

Leggi tutto...

Un'altra perla dei Baustelle: la colonna sonora di 'Giulia non esce la sera'

Sorprendenti, questi Baustelle. Anche quando escono fuori dai soliti canoni e realizzano una colonna sonora per un film non certo semplice come ‘Giulia non esce la sera’ di Giuseppe Piccioni, uscito nelle sale lo scorso 27 febbraio. Protagonisti della pellicola sono Valerio Mastrandrea e Valeria Golino. Con l’attrice napoletana che questa volta si cimenta splendidamente anche in un duetto à la Gainsburg insieme a Francesco Bianconi, geniale autore e leader della band toscana. L’occasione è ‘Piangi Roma’, brano uscito anche come singolo e nel quale spiccano i cori di Rachele Bastrenghi oltre alle inconfondibili chitarre di Claudio Brasini. Il tutto accompagnato da un’orchestra di archi e fiati. Se volete farvene un’idea potete vedere il video cliccando QUI. Fra le 23 tracce del disco si possono trovare anche due canzoni già presenti in ‘Amen’, precedente album della band di Montepulciano premiato con il disco d’oro: la versione strumentale de ‘La vita va’ e ‘L’aeroplano’. L’intera opera di ‘Giulia non esce la sera’, di cui i ragazzi di Montepulciano hanno composto tutte le musiche curandone arrangiamenti e produzione, è candidata ai David di Donatello 2009 nella categoria ‘Miglior colonna sonora’, mentre ‘Piangi Roma’ è in lizza quale ‘Miglior canzone originale’.

Questa è la tracklist del disco:

01. Piangi Roma
02. La vita va
03. Vita, dolcezza, speranza nostra
04. Aria, bolle, aria
05. Guido e il vecchio
06. In macchina
07. Rientro in carcere
08. Un uomo, una donna, un prete
09. Conferenza stampa
10. Ho ucciso un uomo
11. Apparizioni subacquee
12. Il premio
13. Bignè
14. L'aeroplano
15. La piscina
16. Via dalla festa I
17. Via dalla festa II
18. Nuotare
19. Conferenza stampa II
20. Un giocattolo da riparare
21. Come Bach
22. Un giocattolo da riparare II
23. Il premio II

Leggi tutto...

Depeche Mode, il warm up del ‘Tour of the Universe’ in Lussemburgo. Recensione e setlist

E’ stato un concerto davvero riuscito quello che i Depeche Mode hanno tenuto mercoledì sera nel lussemburghese Rockhal. Si è trattato della prova generale del ‘Tour of the Universe’ la cui prima tappa è prevista al Ramat Gan Stadium di Tel Aviv domenica prossima. 22 brani, 7 dei quali tratti da ‘Sounds of the Universe’, alcuni presentati in una veste rinnovata come ‘Master and Servant’ e ‘Strangelove’ (che potete gustarvi cliccando QUI). Particolarmente coinvolgenti sono parse la scenografia e le proiezioni visive realizzate da Anton Corbijn. Nel frattempo, se proprio non potete resistere alla tentazione, ecco la setlist completa:

Esque (Intro)
In Chains
Wrong
Hole to Feed
Walking In My Shoes
It’s No Good
A Question Of Time
Precious
Fly On The Windscreen
Jezebel
A Question Of Lust
Come Back
Peace
In Your Room
I Feel You
In Sympathy
Enjoy The Silence
Never Let Me Down Again

1st encore:
Stripped
Master and Servant
Strangelove
Personal Jesus

2nd encore:
Waiting for the Night

Leggi tutto...

domenica 3 maggio 2009

Preston North End-QPR 2-1: Rangers sconfitti, i Lilywhites approdano ai playoff

Perde anche sul prato di Deepdale, la squadra di Ainsworth. D'altronde stavolta le motivazioni dei contendenti erano ben diverse. Il goal di St. Ledger al 74’ vale il successo sul QPR e, soprattutto, il passaporto per i playoff ai danni del Cardiff, estromesso per differenza reti. Il Preston North End legittima il traguardo raggiunto con una prestazione tutta cuore e cervello. Ben diversa da quella dei Rangers che, a tratti, hanno subìto eccessivamente le iniziative dei padroni di casa.

Dopo un buon inizio il Preston passa al 37’ con un tiro centrale di Parkin. La partita continua ad essere vibrante anche nella ripresa e il pareggio ospite giunge al 57’ con Agyemang servito da Vine. Per i Lilywhites la posta in palio è enorme. La marcatura di Johnson, che a Sheffield mette ko il Cardiff, è la spinta determinante. Così al 74’, nel bel mezzo dell’assedio, Brown pennella nell’area piccola un pallone sul quale St. Ledger si avventa di testa mandandolo alle spalle di Cerny. Il portiere è poi bravo a salvarsi dall’ennesima capitolazione su iniziative dello scatenato Brown e di Nicholson.

TABELLINO:
Preston: Lonergan, Jones, St. Ledger, Mawene, Nolan, Whaley (Nicholson 79), McKenna, Carter, Sedgwick, Parkin (Elliott 88), Mellor (Brown 61).
Subs Not Used: Neal, Chilvers.
Booked: Jones, St. Ledger.
Goals: Parkin 37, St. Ledger 74.
QPR: Cerny, Ramage, Connolly, Gorkss, Delaney, Routledge, Leigertwood, Mahon (Balanta 83), Ephraim, Agyemang (German 75), Vine.
Subs Not Used: Cole, Hall, Alberti.
Booked: Leigertwood, Connolly.
Goals: Agyemang 57.
Att: 18,264.
Ref: Michael Oliver (Northumberland).

Leggi tutto...