Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

mercoledì 24 settembre 2008

Genoa-Roma 3-1: La Lupa s’inchina al Principe rossoblu’

Una doppietta di Milito piega la squadra capitolina. Momentaneo pareggio di De Rossi dopo il vantaggio di Sculli.
Ci sono serate nelle quali conta avere coraggio e nervi saldi. Il Genoa li ha, la Roma li smarrisce entrambi nella ripresa. I padroni di casa, trascinati da un Milito in stato di grazia e da un organico di rara compattezza, si impongono per 3-1 grazie alle reti di Sculli e Milito autore di una doppietta. Inutile il pareggio di De Rossi che poi nella seconda frazione si fa espellere per doppio giallo. Alla fine il nervosismo collettivo si monetizza con cinque ammoniti tra le fila ospiti e tre in quelle genoane.


In campo – Gasbarroni recupera in extremis consentendo a Gasperini di proporre un 3-4-3 di sostanza a cui prendono parte anche Sculli e Milito. Rossi parte dal primo minuto. Spalletti, costretto a fare a meno di pedine importanti come Pizarro, Baptista, Cassetti e Totti, propone un 4-1-4-1 con Perrotta dal primo minuto così come il francese Menez reduce dall’ottima prova contro la Reggina. Gli acciaccati Aquilani e Tonetto si accomodano in panchina.

Si gioca – Pronti, via e il Genoa passa. E’ il 4’ quando Rossi imbecca in profondità Sculli che elude l’intervento del distratto Riise e batte Doni. La Roma reagisce e al 23’ Taddei può scoccare un diagonale rasoterra che costringe Rubinho al miracolo in angolo. Il pari è questione di minuti. Esattamente quattro. Sugli sviluppi di una punizione dalla destra di Cicinho è De Rossi a trovare lo spiraglio giusto con un doppio colpo di testa sul quale Rubino può metterci solo una mezza pezza. Dopo dieci minuti di secondo tempo Gasperini rivoluziona il reparto offensivo inserendo Palladino e Olivera per Gasbarroni e Sculli. I fatti gli danno ragione. 61’ Milito, in posizione regolare, riceve un assist di testa di Juric, controlla e supera Doni da due passi. Al 65’ Panucci si vede annullare un gol per offside. Al 67’ un nervosissimo De Rossi rimedia il secondo giallo per un’entrataccia su Milito. Al 75’ Okaka rileva Taddei e poi Aquilani fa lo stesso con Perrotta. L’alchimia non riesce. Aquilani all’84’ devia alto di testa da posizione ravvicinata. E’ l’ultimo flash prima che Milito, 87’, chiuda i conti siglando la seconda rete in scivolata su assist di Palladino.

La chiave – La capacità di Gasperini nel leggere la partita si è rivelata determinante. Ad inizio ripresa mescola le carte in attacco confondendo le idee agli avversari. E’ la svolta. A tingere ancor di più in rossoblu’ la sfida contribuisce De Rossi facendosi sventolare due volte il cartellino giallo nello spazio di sei minuti.

La chicca – E’ il 20’ quando Sculli, con uno splendido lancio di 70 metri dalla retroguardia lancia Milito verso la porta di Doni, a spezzare il sogno del ‘Principe’ ci pensa Panucci con un recupero d’esperienza. Standing ovation per tutti.

Top & Flop – Nonostante Loria e Panucci si presentino al Ferraris vestiti da gendarmi, Milito è bravo a evadere dalla loro morsa rendendosi assolutamente imprendibile per tutti i secondi 45 minuti. Riise è la brutta copia di quello ammirato nel Liverpool.

TABELLINO
GENOA-ROMA 3-1 (primo tempo 1-1)
MARCATORI: 4’ Sculli (G), 27’ De Rossi (R), 61’ Milito (G), 87’ Milito (G).
GENOA (3-4-3): Rubinho 6.5; Biava 6.5, Ferrari 6, Criscito 6.5; Rossi 7, Milanetto 7, Juric 6, Modesto 6 (dal 77’ Mesto sv); Sculli 7 (dal 58’ Olivera 6.5), Milito 8, Gasbarroni 7 (dal 56’ Palladino 6.5). (Scarpi, Sokratis, Bocchetti, Vanden Borre). All. Gasperini 7.
ROMA (4-1-4-1): Doni 5; Cicinho 6, Loria 5.5, Panucci 6.5, Riise 5; De Rossi 5; Brighi 6.5, Taddei 6 (dal 75’ Okaka sv), Perrotta 6 (dal 77’ Aquilani sv), Menez 6.5 (dall’84’ Montella sv); Vucinic 6.5. (Artur, Mexes, Virga, Tonetto). All. Spalletti 6.
ARBITRO: Brighi di Cesena 6.
ESPULSO: 67’ De Rossi (R) per doppia ammonizione.
AMMONITI: Perrotta (R), Menez (R), Criscito (G), Cicinho (R), Juric (G), Olivera (G), Aquilani (R) per gioco scorretto; Loria (R) per proteste.
RECUPERI: 0' p.t.; 4' s.t.
[Articolo per Goal.com del 24 settembre 2008]

Nessun commento: