Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

sabato 2 ottobre 2010

Spiccioli

E’ una malattia la maturità. Chi non lo ammette significa che ne è già stato consumato. Chi non se n’è accorto buon per lui. Prima o poi capirà che si tratta di spiccioli. Nient’altro che spiccioli di basso conio che i giorni ci danno indietro in quel supermercato dello strozzinaggio chiamato quotidianità. Rifuggine!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti:

Rosa ha detto...

Ciao Claudio oggi e' la festa dei nonni...
io non me sono ancora accorta che e' una malattia la maturita', un pochino dai, ma se c'e' la salute si possono fare ancora un sacco di cose, basta avere l'entusiasmo, non sono gli anni che ti limitano, sono i non interessi, la pigrizia, la sperficialita' quindi aspettero' ancora un po'prima di considerarmi matura in quel senso, ciao grazie buona domenica baci rosa
PS ho fatto un post sul canada, prossimamente lo mettero'mi ha sempre affascinato, se dovessi cambiare ancora casa andrei la' con i castori :)vado ciao

Claudio ha detto...

Ciao Rosa. Non intendevo affatto essere offensivo, ci mancherebbe altro. :) Troppo spesso la cosiddetta "maturità" soppianta la capacità la capacità di sognare, di illudersi. E il rapidissimo passare degli anni obbliga inevitabilmente a guardarsi sempre più indietro per capire ciò che si è divenuti. Questo (a mio modestissimo parere) può risultare un freno rispetto a quello che dovrebbe essere il senso del vivere come lo intendo io. Un abbraccio.
PS-Io adoro i nonni. Me ne è rimasta una sola e la adoro con tutto me stesso.

Rosa ha detto...

Ciao non l'ho presa come un offesa capisco quello che vuoi dire, ragionavo da mio punto di vista, mi sentivo piu' vecchia quando ero pu' giovane, sono contenta che hai ancora una nonna, chissa' come ti coccolera':)ciao buona serata baci rosa