Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

mercoledì 29 ottobre 2008

Promossi & Bocciati di Genoa-Cagliari: Sokratis è la firma di Rino Foschi, Acquafresca e Fini non sono quelli di domenica

Ecco i migliori e i peggiori della sfida tra Genoa e Cagliari terminata 2-1 a favore dei padroni di casa. Thiago Motta e Conti sono i padroni del centrocampo.

Sokratis: Rino Foschi nel Genoa è passato come una meteora: un mesetto e nulla più. Ma gli è bastato per omaggiare i padroni di casa di questo talentuoso difensore greco con il vizietto del gol. Papastathopulos, vent’anni e l’atteggiamento di chi la sa lunga, è fra le sorprese più belle di questa stagione. Voto: 7.

Thiago Motta: E’ una delle stelle del firmamento rossoblu. Certamente quello con maggiore esperienze a livello internazionale. Nonostante sia reduce da un brutto infortunio, gioca senza affanni tre gare in sette giorni, dimostrando che il talento è rimasto intatto, così come il fiuto del gol. Voto 7.

Conti: E’ l’uomo simbolo, il faro di questo Cagliari dalle qualità tecniche non eccelse ma dal carattere indiscutibilmente forte. Sfortunato in occasione del palo che avrebbe potuto riaprire il match. Voto 7.

Acquafresca: Stasera non è all’altezza della sua fama. Per carità, si sbatte sprecando energie che gli sarebbero state più utili sottoporta. Voto 5.5.

Fini: Si può giocare bene e poi rovinare tutto per sei minuti di follia che valgono due cartellini gialli? Il centrocampista del Cagliari è, suo malgrado, la prova vivente che questo è possibile. Voto 4.

Valeri: Il fatto che sia mal assistito dai suoi assistenti non giustifica le sviste a ripetizione e un atteggiamento eccessivamente fiscale che contribuisce a alzare la pressione della sfida. Voto 4.5.

Lo stadio Luigi Ferraris: Quello che i genoani considerano il loro tempio oggi appare sempre più in balìa di interessi extracalcistici di chi, in nome del business, vorrebbe già recitargli il de profundis. Questa partita è aperta, piena di possibili colpi di scena e – forse – anche di qualche trabocchetto. In attesa di capirne il futuro, il terreno di gioco dimostra di reggere decentemente al muro di pioggia che nelle ultime 24 ore si è violentemente abbattuto su Genova. Voto 8.

[Articolo per Goal.com del 29 ottobre 2008]

Nessun commento: