Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

domenica 20 settembre 2009

Promossi & Bocciati di Sampdoria-Siena 4-1: Cassano extraterrestre, Calaiò in giornata no!

Le pagelle di Sampdoria-Siena 4-1 decisa nel primo tempo da Palombo (23') e da Mannini (30'). Nella ripresa una doppietta di Padalino (48’ e 85'), intervallata dal goal della bandiera segnato da Fini al 68', rende più rotondo il risultato e consente ai blucerchiati di essere capolisti per differenza reti davanti alla Juventus.

Cassano: Ancora lui, sempre lui. Trascinatore, creatore e assoluto protagonista anche quando, come oggi, non verrà iper-nominato nei tabellini dell’incontro se non per un giallo scioccamente preso per un tocco di braccio. Voto 7.5.

Mannini: 3 reti in 201 minuti disputati in maniera tiratissima e proficua per la causa. Considerando che non è ancora al 100% i doriani avranno da sognare parecchio. Voto 7.

Poli: Escludendo quell’extraterrestre che prova a prenderci in giro sostenendo di essere nato a Bari, lui è stato fra i migliori degli “umani” in campo. Svolge il suo compito con attenzione concedendosi l’unico eccesso di sembrare ben più maturo dei sui quasi venti anni. Lieta conferma. Voto 6.5.

Padalino: Se ora la Samp è capolista lo deve proprio ai suoi centri. Due goal in fotocopia per la sua prima doppietta nel massimo campionato italiano: falco sul secondo palo dopo un paio di respinte del portiere. Quando si dice la puntualità svizzera… Voto 7.

Curci: D’accordo che recitare la parte dell’Uomo Ragno contro i Fantastici 4 non è proprio semplice, ma almeno evitare di complicarsi la vita come in occasione di alcune delle reti da lui subite oggi sarebbe logico aspettarselo. Rimandato. Voto 5.

Maccarone: Gran parte del tempo lo trascorre invano cercando di mettere in moto Calaiò. Quando poi cerca di finire sotto i riflettori non è aiutato dalla sorte. Gli va comunque dato il merito di essersi impegnato. Voto 6.

Calaiò: Avete presente uno di quei giorni in cui ci si sveglia storti? Beh, oggi lui ha dato questa sensazione. Mai incisivo e sempre tenuto al guinzaglio dalla retroguardia avversaria che, per riuscirci, non deve neppure sbattersi troppo. Sostituito nell’intervallo con il più volenteroso Ghezzal (Voto 6). Voto 5.

Del Neri: C’è la sua firma nello storico record blucerchiato di 4 vittorie nelle prime 4 giornate di serie A. Ma c’è soprattutto la sua mano in una Sampdoria capolista dopo la vittoria più convincente dell’anno. Finalmente, nella sponda doriana, un allenatore che parla con i fatti e non inventandosi scuse. Determinante anche oggi. Voto 8.

[Articolo per Goal.com del 20 settembre 2009]

Nessun commento: