Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

sabato 19 settembre 2009

Cardiff City-QPR 0-2: Boom boom Simpson! E gli Hoops si rilanciano aspettando il Chelsea

Cardiff dopo Scunthorpe. In attesa che anche Loftus Road si trasformi in cornice vincente, il QPR conquista la seconda vittoria in Championship ancora una volta in trasferta. 2-0 il risultato finale, frutto di una doppietta di Simpson (19’ e 40’) e di una condotta di gara che sfrutta al meglio le defezioni dei Bluebirds reduci dalla vittoria infrasettimanale a Reading. Nella ripresa gli R’s controllano la sfida e sfiorano il 3-0 con un palo di Vine.

Non ci sono i malaticci Taarabt e Connolly ma tornano Buzsaky e Rowlands dal primo minuto e, complice la “chiacchierata” tra Magilton e Simpson nel corso della settimana, i Rangers si ritrovano vincenti. E' proprio il ventenne attaccante arrivato in prestito dall'Arsenal l’eroe del match con una doppietta siglata nel primo tempo.
L’inizio non è dei più scintillanti ma per vedere una fiammata degna di tale nome è sufficiente attendere pazientemente il 19° giro di lancetta. Buzsaky serve Simpson che nei sedici metri è letale per Marshall. La smania reattiva del Cardiff c’è, ma zavorrata dalle pesanti assenze dello squalificato McPhail e degli infortunati Matthews e McNaughton che ne rendono la retroguardia meno solida. Per Cerny la prima vera chiamata in causa arriva solo al 28’ neutralizzando un sinistro di Ledley, sceso in campo con i cerotti. Quasi sul rovesciamento di fronte Simpson sfiora il montante mancino mentre prima Taiwo (34’) e poi Burke (36’) provano a “bucare” il portiere avversario. Il QPR cede spazi ma resta sornione in attesa di potersi presentare ancora una volta dalle parti di Marshall. Così al 40’ l'ex-Cardiff Routledge mette in moto Simpson che, per la seconda volta, scuote il sacco gallese con un tiro centrale.

La ripresa si apre con la voglia matta degli ospiti di mettere in ghiaccio il match. In questa fase Buzsaky e Vine sono i più propositivi e al 53’ solo il palo può negare al secondo la gioia del goal. Dave Jones mischia le sue carte: dentro Rae, Magennis e Scimeca, fuori Taiwo, Whittingham e Bothroyd. Nonostante la mini-rivoluzione nelle fila dei Bluebirds, il QPR prosegue senza affanni a gestire il match consentendo a Cerny di rimanere inoperoso sino al 73’ quando è Burke a cercare fortuna. A scanso di equivoci Vine fa subito capire a tutti che stavolta gli Hoops hanno le idee chiarissime: tiro parato da Marshall. Al 77’ Magilton toglie Simpson per inserire Pellicori. Il cosentino guadagna subito un paio di falli a favore, un cartellino giallo per fallo di mano ma, soprattutto, aiuta la truppa ad arrivare vincente al traguardo. Prima dello scadere si vede anche Agyemang, sostituto di Vine.


Preparando la visita al Chelsea in Carling Cup, fissata a Stamford Bridge mercoledì prossimo, questo risultato è un'importante iniezione di fiducia ed entusiasmo.

CARDIFF: Marshall, Hudson, Quinn, Gerrard, Kennedy, Whittingham (Magennis 54), Burke, Ledley, Taiwo (Rae 54), Chopra, Bothroyd (Scimeca 67).
SUBS NOT USED: Enckelman, Gyepes, Comminges, Capaldi.
BOOKED: Quinn 81, Chopra 84.
QPR: Cerny, Stewart, Gorkss, Borrowdale, Leigertwood, Routledge, Buzsaky, Rowlands, Watson, Vine (Agyemang 82), Simpson (Pellicori 77).
SUBS NOT USED: Heaton, Ramage, Mahon, Faurlin, Ephraim.
BOOKED: Stewart 25, Pellicori 87.
GOALS: Simpson 19, 44.
REF: Probert.
ATT.: 20121.


Nessun commento: