Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

sabato 10 gennaio 2009

Genoa-Torino 3-0: Promossi & Bocciati. Thiago Motta che classe! Bianchi non la becca mai....

Ecco i migliori e i peggiori di Genoa-Torino, gara che i Grifoni dominano e vincono per 3-0 con reti di Biava nel primo tempo e di Jankovic e Thiago Motta nella ripresa.

Thiago Motta.
Un direttore d’orchestra di grandissima classe. Ordinato, sicuro, preciso e poco lezioso. A tratti lo stesso che primeggiava in uno dei Barcellona più forti della storia blaugrana. La foga di segnare gli costa, letteralmente, la faccia. Auguri sinceri di pronta guarigione. Voto 7.5.


Jankovic.
E' arrivato all'ultimo momento, insieme a Milito. Forse è per questo che il suo ingaggio non ha avuto il giusto tributo che meritano i fuoriclasse. Stasera è stato di una perfezione tale da chiedere ad alta voce una sua conferma da titolare. Il goal, a confronto delle cose meravigliose mostrate, pare persino un dettaglio. Voto 8.

Sculli.
Semplicemente strepitoso. In una serata orfana del Principe di Bernal lui si sbatte ancora più del solito. Peccato per lui che allo scadere Sereni gli neghi la gioia del sigillo personale. Voto 7.


Biava.
Quest’estate era arrivato al Genoa come pedina di scambio o, per essere più gentili, in prova. Ha dimostrato subito di che pasta è fatto guadagnandosi i galloni di titolare. Suo il merito di aver sbloccato il risultato. Provvidenziale. Voto 7.


Gasperini.
Il suo Genoa gioca a memoria e diverte come poche altre squadre nel panorama nazionale. E pensare che qualcuno ha ancora la faccia tosta di non apprezzarlo fino in fondo. Ma forse è solo invidia… Voto 7.


Bianchi.
La sua prestazione è stata in tema con la casacca indossata stasera: candidamente anonima. Il Toro merita molto di più. Voto 4.5.


Ogbonna.
Qualche suo compagno – vedi l’ex-Manchester City appena citato – forse può permettersi di vivere di rendita, lui no. Il suo contributo è stato pari a quello dei suoi compagni che hanno visto la sfida a bordo campo. Pressochè nullo. Voto 4.5.


Novellino.
Per lui è finita come l’anno scorso: sconfitto per 3-0 e accompagnato fuori dal campo dal coro “Novellino esonerato… Novellino esonerato…” a rimbombargli nelle orecchie. A differenza del passato però Cairo lo terrà ancora per un po’ al suo posto. Se il Torino è la peggior squadra vista a Genova parte delle responsabilità sono sue. Voto 4.


[Articolo per Goal.com del 10 gennaio 2009]

Nessun commento: