Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

martedì 27 gennaio 2009

Blackpool-QPR 0-3: Una doppietta di Helguson riaccende i sogni dei Rangers

A volte basta un goal e un pizzico di scaltrezza per fare il bottino pieno. Per averne conferma basta vedere gli Hoops giocare a Bloomfield Road. Contro un Blackpool imballato dopo il vittorioso recupero di sabato scorso ai danni del Birmingham, i ragazzi di Paulo Sousa, nell’unico tiro in porta del primo tempo, passano con Helguson. E, sempre con lui, nella ripresa chiudono il match su rigore. In fase di recupero c’è gloria anche per Ephraim, autore della terza rete.

Radek Cerny fermato da uno stiramento? Niente paura, i Rangers possono comunque contare su un sostituto dalle buone doti: Lee Camp. L’esordiente estremo difensore disputa una prestazione positiva. Chiude la porta in faccia a Taylor-Fletcher dopo 5’ e si dimostra altrettanto pronto nel disinnescare i tentativi di Vaughan e Campbell poco dopo il vantaggio dell’islandese maturato al 17'. Che i padroni di casa adottassero la stessa tattica dell’ultima uscita, partenza a razzo per poi controllare, lo immaginavano tutti. Anche Paulo Sousa che presenta una formazione brava a non disunirsi nei momenti più delicati e cinica a sfruttare le debolezze avversarie
.

Al rientro dall’intervallo Parkes presenta Owens per il poco efficace Martin. La risposta di Paulo Sousa è Ephraim per Miller. Al 57’, sugli sviluppi di un corner di Cook, Helguson guadagna un penalty dopo un contatto con Evatt e dagli undici metri batte per la seconda volta Rachubka. L’emergenza spinge il tecnico dei Seasiders ad inserire il neo-acquisto Nemeth e l’esperto Crainey per O’Donovan e Harte. Sono però gli ospiti, sospinti dall’entusiasmo, a gestire al meglio la gara. Al 60’ Routledge prova a cercare la via del gol ma trova il portiere. Ad un quarto d’ora dalla fine Helguson può tirare il fiato sostituito da Blackstock. Taylor-Fletcher e Fox provano senza fortuna a cercare di riaprire la gara. Gli ospiti capiscono che devono alzare il baricentro. Ci riescono al massimo, grazie anche ad Ephraim capace di tenere all’angolo i padroni di casa sino a mollargli l’uppercut finale al 91’.

TABELLINO:

Blackpool: Rachubka, Barker, Evatt, Edwards, Harte (64 Crainey), O'Donovan (59 Nemeth), Fox, Vaughan, Martin (46 Owens), Campbell, Taylor-Fletcher.

Subs not used: Gilks, Baptiste.

QPR: Camp, Connolly (88 Hall), Stewart, Gorkss, Delaney, Routledge, Cook, Leigertwood, Mahon, Miller (54 Ephraim), Helguson (75 Blackstock).

Subs not used: Bulmer, Di Carmine.

Goals: Helguson 17, Helguson 57 (pen), Ephraim 90+1.

Bookings: Cook 60, Routledge 83.

Referee: Graham Laws.

Attendance: 6656.

1 commento:

Wally West ha detto...

Velocissimo!
Stavolta sei arrivato prima pure della BBC! :D
Ho riportato su QPRItalia il tuo commento, inserendo in calce un piccolo 'consiglio per gli acquisti'.
;)

Alla prossima!
(Sperando di rivedere Ledesma...)