Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

giovedì 18 febbraio 2010

Alan Wilder & Depeche Mode di nuovo insieme... per una notte!

“Ladies and gentlemen, the legendary Mr. Alan Wilder!”. Quando ieri sera Dave Gahan ha pronunciato queste parole, sul palco della Royal Albert Hall si sono vissuti alcuni dei momenti più intensi della storia dei Depeche Mode. Come tutti i veri incantesimi il ritorno di Alan è durato lo spazio di pochi minuti. Il tempo di essere presentato e sedersi al pianoforte per accompagnare Martin Gore in una fantastica versione di ‘Somebody’ ammirabile cliccando QUI, QUI e QUI. Un tuffo nel passato, ma anche un tuffo al cuore per tutti i fans della band inglese. Quelli presenti ieri nel tempio della musica londinese e quelli che l’hanno saputo solo attraverso i passaparola o i media. L’occasione è stato il concerto benefico a favore della Teenage Cancer Trust, un’associazione britannica che aiuta i giovani ammalati di cancro. Alan Wilder lasciò ufficialmente i Depeche Mode il 1° giugno 1995, giorno del suo 36° compleanno. All’origine della decisione l’incrinarsi dei rapporti con gli altri membri della band durante il burrascoso tour promozionale di ‘Songs of Faith and Devotion’.

Sul suo blog ufficiale (visibile cliccando QUI), Alan racconta la nascita dell’idea: “Alcune settimane fa Dave mi ha contattato chiedendomi se mi avesse fatto piacere unirmi a loro sul palco. Mi ha assicurato che tutti i membri della band era d’accordo con la sua idea. Così sono stato molto felice di accettare, specialmente per il fatto che si trattava di sostenere una buona causa. E’ stato grandioso rivedere tutti e raggiungerli sul palco. Oltretutto quella di ieri è stata la primissima volta nella quale ho assistito ad una performance dei Depeche Mode!’

L’ultimo evento depechemodiano a cui ha Wilder aveva preso parte era stata la presentazione di ‘The Posters Came from the Walls’ documentario sui DM diretto Nick Abrahams e Jeremy Deller. Era il 1° dicembre scorso e, durante il dibattito successivo alla proiezione nella Clapham Picture House, Alan escluse un ritorno in seno al gruppo con parole meno categoriche del solito.


Alan Wilder, sotto lo pseudonimo di Recoil, sta per intraprendere un tour in Europa e Stati Uniti. L’Italia è inclusa con due attesissime date: il 9 aprile a Milano presso i Magazzini Generali e il 10 aprile a Roma al Circolo degli Artisti. Tutti i dettagli potete leggerli in QUESTO POST.

Nessun commento: