Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

domenica 31 maggio 2009

Genoa-Lecce 4-1: Che principesco Grifone!

Per la storia, per la maglia, per il Principe. L'ultimo capitolo della straordinaria stagione genoana straripa di significati. Al retrocesso Lecce va comunque l'onore delle armi per aver disputato una gara propositiva. Almeno sino a quando i rossoblù non hanno iniziato a fare sul serio. Il risultato si sblocca al 21' con un tocco sotto misura di Jankovic. Ci pensa Tiribocchi, dieci minuti dopo, a riequilibrare le sorti. Nella ripresa il Grifone torna a farsi rampante: il risultato si fa cospicuo nella ripresa grazie ai centri di Criscito (51') e Milito (55' e 61').

In campo – Consueto 3-4-3 per Gasperini che premia il portiere di riserva Scarpi schierandolo dal primo minuto. Sulla linea arretrata il posto dell'infortunato Biava viene preso da Papastathopoulos. Davanti Jankovic e Sculli ai lati di Milito. De Canio, complice la lunga lista di acciaccati e di squalificati, propone un 4-4-2 d'emergenza con i recuperi in extremis di Edinho e Tiribocchi.

Si gioca – Pronti, via. I primi sussulti sono targati Criscito, a lato, Tiribocchi, respinto da Ferrari, e Konan, volo in angolo di Scarpi. Il Lecce a fare la parte del comparsa non ci sta e la retroguardia di casa passa la prima mezzora senza permettersi pause. Al 20' Konan si divora un goal fatto e, subito dopo il Genoa passa con Jankovic su delizioso assist dalla destra di Papastathopoulos. I salentini restano vivaci e ottengono l'1-1 con preciso diagonale di Tiribocchi. Prima dello scadere Foschetti, assistente dell'ottimo Tozzi, ferma Milito lanciato a rete per un fuorigioco assai dubbio.

L'inizio del secondo tempo vola sui sentimenti. Dopo pochi attimi Vanden Borre rileva Thiago Motta. L'avvicendamento si consuma con una standing ovation da brividi. Pochi attimi e Milito ha sul destro un paio di ghiottissime occasioni, la mira non è all'altezza del suo blasone. Al 51' Tiribocchi arriva in ritardo su un pallone da spingere a rete. Così non fa Criscito che, su suggerimento arretrato del Principe, realizza il 2-1. Milito è comunque affamato come non mai alla ricerca di reti utili a conquistare la vetta dei cannonieri. I suoi sforzi vengono premiati al 55': perfetto controllo in area e tiro che, per la terza volta, non lascia scampo a Rosati. La doppietta giunge al 61' finalizzando una percussione centrale ispirata da Vanden Borre. Al 77' Scarpi è reattivo ad opporsi a due conclusioni consecutive di Caserta e Tiribocchi.

La chiave – L'atmosfera di festa di fine anno che avvolge la sfida condiziona anche i ventidue in campo: gioco vivace, occasioni a raffica ma correttezza assoluta.

La chicca – Il pareggio di Tiribocchi al 31' viene sottolineato dagli oltre trentamila del Ferraris con applausi scroscianti applausi. Questo pomeriggio è festa per tutti.
Davvero toccante il saluto che i sostenitori genoani tributano a Milito e Thiago Motta all'ultima uscita con la centenaria casacca rossoblu.

Top & Flop – Nel giorno dell'addio Milito concede gli ultimi tocchi di classe e anche gli ultimi sigilli stagionali: il 23° e il 24°.
Tiribocchi, Konan e Basta tengono sulla corda la difesa avversaria. Bravi e propositivi. Non così il pacchetto difensivo che, specialmente nella ripresa, viene travolto dalle incursioni avversarie.

TABELLINO:

GENOA-LECCE 4-1 (primo tempo 1-1)

MARCATORI: 21' Jankovic (G), 31' Tiribocchi (L); 51' Criscito (G), 55' e 66' Milito (G).
GENOA (3-4-3): Scarpi 6; Sokratis 6.5, Ferrari 7, Bocchetti 6.5 (dal 70' Mesto sv); Rossi 7, Milanetto 6.5, Thiago Motta 7 (dal 47' Vanden Borre 6), Criscito 6.5 (dal 78' Modesto sv); Sculli 6.5, Milito 8, Jankovic 6.5. (Rubinho, Signorini, Parfait, El Shaarawy). All.Gasperini 7.

LECCE (4-4-2): Rosati 5; Vives 5, Ingrosso 5, Esposito 5.5, Ariatti 5.5; Giacomazzi 6, Zanchetta 6.5 (dal 60' Stendardo 6), Edinho 6 (dal 64' Caserta 6), Basta 6.5; Konan 6.5 (dall'80 Cacia sv), Tiribocchi 7. (Petrachi, Benvenga, Mollestam, Janvier). All. De Canio 6.5.

ARBITRO: Tozzi di Ostia Lido 7.

AMMONITO: Konan (L).

RECUPERI: 2' p.t.; 0' s.t.

[Articolo per Goal.com del 31 maggio 2009]

Nessun commento: