Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

domenica 10 maggio 2009

Atalanta-Genoa 1-1: Grifone con la testa ancora al derby, Champions più lontana!

Che Bergamo fosse il crocevia della rincorsa Champions il Genoa lo sapeva prima ancora di salire sul pullman. Così è stato. Complice la vittoria esterna della Fiorentina in casa del Catania, l'1-1 maturato in casa dell'Atalanta, gol di Valdes al 9' e pari di Criscito al 90', chiude definitivamente i giochi per guadagnare un posto nell'Europa più importante.

In campo – Senza Doni e Bellini squalificati e con Ferreira Pinto infortunato, Del Neri presenta Valdes dal primo minuto insieme a Floccari. Dall'altra parte Gasperini è costretto a inventarsi la difesa a causa delle assenze dell'acciaccato Biava e dello squalificato Ferrari. Dentro quindi Bocchetti centrale con Criscito arretrato sulla linea dei difensori. A centrocampo Milanetto sostituisce Thiago Motta appiedato dal giudice sportivo. Davanti Palladino vince il ballottaggio con Jankovic.

Si gioca – Primo tempo con solo una squadra protagonista: l'Atalanta. I padroni di casa passano in vantaggio già al 9' con Valdes bravo ad ottimizzare un cross dalla sinistra di Padoin messo in moto da una discesa di Floccari. Il predominio territoriale nerazzurro è costante. Il Genoa, il cui atteggiamento è ben al di sotto delle aspettative, prova a colpire senza convinzione con Milito stranamente evanescente. Alla mezz'ora Guarente sfiora il raddoppio su punizione da venti metri e cinque minuti dopo Floccari se lo divora calciando addosso a Rubinho in uscita. Prima dell'intervallo un'incursione di Milito viene sventata da Consigli.

Nella ripresa gli ingressi di Rossi e Jankovic, per Mesto e Milanetto, danno maggiore spinta al Genoa. Nonostante tutto di pressione autentica non se ne vede. L'Atalanta spreca con Valdes al 64' e, dopo l'espulsione di Guarente per doppio giallo causato da falli su Bocchetti e Juric, gli ospiti abbandonano le velleità-Champions al 75' quando Jankovic arriva in ritardo a deviare in porta una punizione di Palladino. Allo scadere, con Floccari fuori dai gioco per infortunio, il pareggio di Criscito, su assist di Milito serve solo a mantenere l'imbattibilità e ad acuire i rammarichi. Inutile il forcing abbozzato nei 3' di recupero concessi da Rosetti.

La chiave – La tranquillità. Gli orobici giocano senza pressione, con la mente sgombra. Lo si capisce sin dalle prime battute quando l'Atalanta si impossessa del centrocampo e riesce a sistemarsi benissimo in difesa. Per contro il Genoa appare contratto, mollo negli interventi e particolarmente confuso al momento di costruire qualcosa di decente.

La chicca – La percussione centrale di Floccari, con il movimento, esterno di Padoin a servire Valdes libero di segnare è da manuale del calcio. Il movimento dei difensori rossoblu è altrettanto degno di nota per insegnare tutto quello che non bisogna fare in questi casi.

Top&Flop – Padoin è una spina nel fianco dei rossoblu. Milito non riesce a replicare la sontuosa prestazione del derby. Ma il merito è soprattutto della retroguardia atalantina che lo incatena per bene.


TABELLINO:

ATALANTA-GENOA 1-1 (primo tempo 1-0)

MARCATORI: 9' Valdes (A), 90' Criscito (G).
ATALANTA (4-4-1-1): Consigli 6; Garics 7, Capelli 6.5 (dal 67' Pellegrino 6), Manfredini 6; Peluso 7; Defendi 6 (dal 55' Cerci 6), Guarente 6.5, Parravicini 6.5, Padoin 7; Valdes 7, Floccari 6.5. All. Del Neri 7.
GENOA (3-4-3): Rubinho 6; Papastathopoulos 5.5, Bocchetti 6, Criscito 7; Mesto 5.5 (dal 46' Rossi 6), Milanetto 5 (dal 46' Jankovic 6), Juric 6.5 (dal 77' Vanden Borre sv), Modesto 5.5; Sculli 6, Milito 6, Palladino 5.5. All. Gasperini 6.
ARBITRO: Rosetti di Torino 6.5.
ESPULSO: al 74' Guarente (A) per doppia ammonizione.
AMMONITI: Criscito (G), Papastathopoulos (G), Padoin (A), Mesto (G).
RECUPERI: 1' p.t.; 3' s.t.

[Articolo per Goal.com del 10 maggio 2009]

Nessun commento: