Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

domenica 30 gennaio 2011

Genoa-Parma 3-1: Il Grifo torna a volare nella domenica 'argentina'! Bravo Palacio, disastro Paletta

Il Genoa batte il Parma con una prestazione più che positiva. Ai Grifoni basta un tempo per costruire il 3-1 finale: rigore di Palacio (15') momentaneamente pareggiato da Crespo (33'), autorete di Paletta (44') e tris di Kaladze (45'). Partita che, nonostante la temperatura polare, è piacevole e sempre viva. Agli ospiti non è sufficiente l'impegno profuso per uscire indenne dal Ferraris.

FORMAZIONI – Ballardini davanti a Eduardo propone una linea a quattro composta da Mesto, Dainelli, Kaladze e Criscito; il figliol prodigo Konko ritorna in rossoblù sistemandosi, con Kucka, ai lati di Milanetto; Rossi va alle spalle del tandem offensivo Palacio e Floro Flores.
Marino, senza gli squalificati Zaccardo e Paci, schiera Mirante in porta, Angelo, Paletta, Lucarelli e Gobbi in difesa; Candreva, Dzemaili e Morrone (preferito a Galloppa) in mezzo; tridente formato da Valiani, Crespo e Giovinco.

PARTITA – Genoa subito arrembante e già a comandare la sfida al quarto d'ora su rigore propiziato da Floro Flores, scioccamente atterrato da Paletta, e trasformato da Palacio. I ducali, troppo confusionari, riescono comunque a trovare il pareggio al 33' quando Crespo raccoglie una corta respinta centrale di Eduardo su bolide dalla destra di Candreva. Rossi ha a disposizione un pallone ghiottissimo ma si fa ipnotizzare da Mirante che para. A ridosso dell'intervallo il Genoa è esplosivo e si porta al doppio vantaggio grazie ad una clamorosa autorete di Paletta, incornata alle spalle del proprio portiere su cross di Crisciito, e un'imparabile conclusione sotto porta di Kaladze che firma il meritato 3-1.

La ripresa comincia con l'ex-Palladino al posto di Morrone. Kucka prova a chiudere il match con un bellissimo diagonale a fil di palo in fase di avvio. Floro Flores è poi sfortunato quando un suo colpo di testa va alto di pochissimo. Più che a una strategia offensiva il Parma si affida a incursioni estemporanee controllate senza affanni dai padroni di casa. Fa eccezione un tiro di Giovinco bloccato a terra dal portiere lusitano. Dall'altra parte Floro Flores pecca di egoismo non servendo il solissimo Palacio pronto a colpire a botta sicura. Lucarelli poi salta fra l'immobile difesa rossoblù mandando a lato di testa. Prima del triplice fischio c'è da registrare l'esordio di un altro ex di lusso, Paloschi, subentrato a Rossi.

CHIAVE – E' la fortissima voglia di vincere, unita alla migliore organizzazione di gioco espressa, che consente ai rossoblù di far suoi 3 punti fondamentali per dare serenità alla classifica e, soprattutto, all'ambiente che li circonda.

CHICCA – Nessuna gemma tecnica specifica, stavolta a brillare è la capacità del presidente Preziosi nel trovare, in corso d'opera, elementi utili alla causa del suo club: Kucka, Konko e Floro Flores oggi ne sono stati l'esempio.

TATTICA – 4-3-1-2 per Ballardini, 4-3-3 per Marino.

MOVIOLA – Pierpaoli di Firenze, tornato ad arbitrare dopo due turni di stop, dirige con colpevole approssimazione dall'inizio alla fine. Sacrosanto il rigore concesso al Genoa, evidente il fallo di Paletta su Floro Flores ma è inspiegabile l'assenza di sanzioni nei confronti del parmense. Assai fiscale l'ammonizione comminata al diffidato Dainelli che così mercoledì prossimo non potrà giocare con la Fiorentina.

PROMOSSI & BOCCIATI - Palacio brilla per tecnica e abnegazione anche quando le sue caviglie diventano preda degli avversari. Preciso anche al momento di farsi valere dal dischetto. Voto 7.

Kucka ruba palloni, li smista con saggezza e prova anche a colpire. Bravo davvero. Voto 7.

Eduardo ancora una volta non appare impeccabile su un goal subito. Stavolta a trarne vantaggio è quel sempreverde campione di Crespo. Non è l'unico passo falso della sua prestazione odierna. Voti: 5 per il portiere, 6.5 per la punta.

Giovinco, cercato in maniera assidua dai suoi compagni, fa sovente la figura del furetto bagnato tenuto sempre a bada dai difensori. Voto 5.5.

Paletta appare spesso in soggezione. Ha sul groppone il fallo da rigore su Floro Flores, l'autorete e l'errore che agevola il goal di Kaladze. Giornataccia! Voto 4.5.

[Articolo per Goal.com del 30 gennaio 2011]


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento: