Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

mercoledì 29 aprile 2015

Sampdoria-Verona 1-1: Blucerchiati spenti, chance sprecata

Non sa più vincere, la Sampdoria. Neppure contro un Hellas Verona rabberciatissimo. A parziale scusante dei blucerchiati l'aver giocato in dieci dal 57' per l'espulsione di Acquah. Ma l'1-1 con cui De Silvestri (65') e Toni (68') mandano agli archivi un match assai anonimo fotografa la condizione delle due squadre: una con fiato e idee smarrite, l'altra capace di trovare il coraggio solo di fronte allo svantaggio. TOCCA A CORREA, HELLAS EMERGENZA & TURN OVER – Senza Eder ormai fuori dai giochi, Mihajlovic riadatta la Samp al 4-3-1-2 inserendo Correa dal primo minuto per dare fantasia alle manovre d’attacco di Muriel e Okaka; in mezzo trovano spazio Acquah in cerca di rilancio, Obiang e Duncan; mentre a proteggere un Viviano in cerca di riscatto penseranno De Silvestri, Romagnoli, Munoz e Regini. Alla folla di indisponibili (Rafael, Moras e Obbadi squalificati a far compagnia a Christodoulopoulos, Ionita, Halfredsson, Lazaros e Jankovic infortunati), Mandorlini calca la mano sul turnover affidandosi al terzo portiere Gollini e a Sorensen, Marques, Rodriguez e Pisano nella Maginot; Brivio, Tachtsidis e Greco in mediana con Valoti e Lopez ai fianchi di bomber Toni. QUANTI ERRORI! – Samp propositiva, Hellas attendista. Trama chiara sin dalle prime battute, contraddistinte da numerosi errori nella gestione della palla. Occorrono quindi 20 blandi minuti prima di assistere a una occasione seria. Ma Obiang, sdraiato sulla linea di porta con Sorensen a controllare, non riesce a spingere in rete. Poco dopo sono ancora i centimetri a negare il vantaggio ai doriani su diagonale di Correa. SAMP IN CERCA DI SOLUZIONI, TONI SOLITARIO – I veneti, troppo sfilacciati e con il solito Toni volitivo ma spesso abbandonato da tutti, subiscono la pressione. Ma a tanta voglia non corrisponde altrettanta lucidità d'azione. Esemplare una girata di Okaka preda di Gollini a ridosso dell'intervallo. ETO'O DENTRO, ACQUAH ESPULSO – Fuori Correa, dentro Eto'o. Mihajlovic deve però fare i conti con la sciocca espulsione di Acquah per doppia ammonizione. In dieci entra anche Bergessio per un Okaka abulico. Il Verona prova a mostrarsi dalle parti di Viviano impegnato da Brivio. CONTROPIEDE MICIDIALE, RISPONDE TONI – Essersi affacciato in avanti all'Hellas costa carissimo. Sul primo rovesciamento di fronte, infatti, De Silvestri trasforma in oro pesante un contropiede di Muriel. Neppure il tempo di godersi il vantaggio che Toni, innestato in mezzo all'area da Lopez, agguanta il pari con un rasoterra. Ora la partita si fa viva. Gli ospiti si vestono da incursori senza però sfondare. Così Eto'o prova ad estrarre il jolly, respinto da Gollini. Articolo per Goal.com del 29 aprile 2015 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento: