Parole sante...

Vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più. (Oscar Wilde)
- - - - - - - - - - - - - - - -

Copertina

Copertina

Aurelio Galleppini ~ ‘Tex Willer e i suoi pards’

domenica 2 settembre 2012

Sampdoria-Siena 2-1: Sampdoria-Siena 2-1: Maxi Lopez trascina i blucerchiati, Ferrara a punteggio pieno!

Vince in scioltezza, la Sampdoria. Ben oltre il risicato 2-1 frutto di un diagonale di Maxi Lopez, che ai ragazzi di Ferrara rende dolcissimo il the dell'intervallo, e di un botta e risposta nella ripresa tra Vergassola (62') e Gastaldello (68'). Il Siena, inesistente per un tempo e più vivo nella seconda parte, diventa facile boccone per l'affamata banda blucerchiata che gioca sulle ali dell'entusiasmo. Legni di Eder e Maresca. Ospiti in dieci nel finale per l'espulsione di Felipe. FORMAZIONI: Per la sua prima volta al Ferraris Ciro Ferrara propone un 4-3-3 composto da Romero in porta; Berardi, Gastaldello, Rossini e Costa in difesa; Maresca, subito gettato nella mischia, sostenuto da Obiang e Poli in mezzo mentre in attacco ci sono Estigarribia, Maxi Lopez ed Eder. Nel 3-5-2 di Cosmi finiscono Pegolo fra i pali protetto da Neto, Contini e Felipe; Mannini, Vergassola, D’Agostino, Sestu e Del Grosso a centrocampo; l'ex-genoano Zé Eduardo e Calaiò in avanti. PRIMO TEMPO: Eder scalda subito i riflessi di Pegolo con una serie di conclusioni nei sedici metri su cui il portiere si salva con tecnica e un pizzico di sorte. Il “motorino”Estigarribia si fa poi notare con un mancino che costringe l'estremo ospite a distendersi in tuffo. C'è tantissima Samp in questa fase. Quando i padroni di casa si concedono fisiologici attimi di sosta gli avversari palesano disarmante prevedibilità. Fa eccezione una saetta di Del Grosso disinnescata da Romero. Il vantaggio doriano matura a ridosso dell'intervallo: Maxi Lopez, in area, elude Felipe e scocca un diagonale vincente su girata di sinistro. SECONDO TEMPO: Cosmi si ripresenta con Valiani al posto dell'ammonito Mannini e con un gruppo apparentemente più coraggioso che mette Calaiò in condizione di battere “sporco” a rete. Il sussulto riporta subito i doriani a recitare la parte di protagonista. Eder, con una punizione rasoterra, bacia l'esterno del palo. Si mischiano le carte: Rosina per Zé Eduardo, Munari per Poli. E' però Gastaldello, suo malgrado, a riaprire i conti al 61' atterrando platealmente in area Calaiò. Dal dischetto la punta manda la sfera sul palo, Vergassola è però lesto a riprenderla acciuffando il pari. Per farsi perdonare il difensore azzurro impiega solo 6': incornata su cross di Obiang che vale il 2-1. Ferrara richiama in panchina Eder (che esce arrabbiatissimo) e propone Krsticic; dall'altra parte D'Agostino cede il campo a Verre. Nel finale Felipe rimedia l'espulsione per doppia ammonizione. La gara si chiude con una traversa di Maresca. CHIAVE: Samp aggressiva, Siena troppo attendista e leggerissimo dalla cinta in su. Il monologo blucerchiato comincia al fischio d'inizio e termina con il trionfale saluto ai propri tifosi. MOVIOLA: Serata ordinaria per il fiorentino Rocchi e i suoi pards. Nessun episodio dubbio, rigore ed espulsione di Felipe compresi. Evita il giallo a Estigarribia reo di una simulazione. [Articolo per Goal.com del 2 settembre 2012] © RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento:

Wally West ha detto...

Ma a noi del QPR proprio non ci ami più?
;)